Venerdì scorso, 2 ottobre, il Cile ha vissuto una giornata che incarna tutto ciò che milioni di cileni chiedono da un anno: la fine di uno Stato repressivo. Quel giorno era prevista una grande concentrazione in Plaza Italia, ribattezzata Plaza Dignidad, in quanto l’epicentro dell’epidemia sociale iniziata il 18 ottobre 2019.

E così è stato: nel pomeriggio centinaia di persone si sono radunate nel luogo emblematico di Santiago a sostegno del Plebiscito costituzionale il 25 ottobre. E inoltre, come è consuetudine, è iniziato il tentativo dei Carabineros (Polizia Militare) di disperderli. Per questo hanno usato istanti e bombolette di gas lacrimogeni.
Nel bel mezzo della repressione, diversi uomini in uniforme sono corsi dietro a un gruppo di manifestanti. Uno dei poliziotti ha raggiunto uno di loro sul ponte noto come Pio Nono e lo ha spinto nel fiume Mapocho, ad un’altezza di sette metri.

Nonostante l’urgenza dei soccorsi, la polizia militare non voleva fare passare soccorritori e vigili del fuoco per aiutare la persona che giaceva priva di sensi sul letto del fiume. Alla fine, sono arrivate le cure di emergenza e si è appreso che era un minore di età inferiore ai 16 anni, quindi il suo nome non doveva essere rivelato.
Dopo essere stato rianimato, è stato trasferito alla Clinica Santa María, dove è stato riferito che l’adolescente è stato ricoverato con una “frattura bilaterale del polso e trauma cranico chiuso in evoluzione.
Sebbene le autorità abbiano rapidamente descritto l’attacco come un “incidente”, i video di vari media e telecamere di sicurezza mostrano che il giovane è stato spinto nel fiume.

In una prima versione dei fatti, il tenente Rodrigo Soto, del dipartimento di polizia di Santiago, ha detto: “Voglio negare categoricamente questo tipo di situazione, basta mentire alle persone con cose che i Carabineros non hanno mai fatto”. Ore dopo, il capo della zona di Santiago Oeste della stessa istituzione, il generale Enrique Monrás, ha sottolineato: “uno dei nostri agenti di polizia ha cercato di arrestare un giovane e ha perso l’equilibrio sulla ringhiera del ponte Pío Nono ed è caduto sulla riva del fiume Mapocho”.

Di fronte al trambusto nazionale e alla richiesta di spiegazioni da parte del governo, il ministro dell’Interno ha indicato che “la verità dei fatti sarà determinata dalle indagini del Ministero pubblico e dei tribunali” e ha aggiunto che “è deplorevole che un giovane sia ferito in un manifestazione”.

La risposta giudiziaria è arrivata presto e il procuratore Ximena Chong ha annunciato l’arresto dell’agente di polizia, Sebastian Zamora, dopo averlo accusato di “tentato omicidio”. Misura che è stata accettata dalla Settima Corte di Garanzia di Santiago.

Allo stesso modo, il Children’s Ombudsman e l’Istituto nazionale per i diritti umani hanno annunciato azioni legali contro i Carabineros. Il direttore dell’INDH, Sergio Mico, ha denunciato che in questo e nei precedenti casi c’è un insabbiamento: “Stiamo chiaramente affrontando problemi di responsabilità istituzionale, che ci preoccupano molto”.

Quante altre tragedie come la notte scorsa devono accadere in Cile? È una domanda che si pongono milioni di persone e che per ora rimane senza risposta.

Da quando è scoppiata l’epidemia sociale nell’ottobre 2019, l’INDH registra quotidianamente gli eccessi degli agenti di Stato nei confronti dei manifestanti: 3.800 feriti, di cui 460 per trauma oculare; 8 omicidi completati e 36 tentati; 257 denunce di abuso sessuale; e 1.083 per tortura e trattamento crudele.

Queste cifre, che spiegano la scia delle violazioni dei diritti umani commesse contro i civili, contrastano con l’agenda del governo di Sebastián Piñera che concede nuovi poteri e armi alla forza pubblica, protetta da uno Stato di eccezione che per ora sarà in vigore fino a Dicembre.

L’allerta internazionale dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, della Commissione interamericana per i diritti umani o di Amnesty International è stata inutile. Tutti hanno convenuto che in Cile i diritti umani sono stati gravemente e ripetutamente violati.
Ma questi sistematici atti di aggressione, piuttosto che scoraggiare le mobilitazioni, hanno promosso nuove e creative forme di espressione cittadina già con un’agenda per questo mese. Ci sono tre ragioni e tutte danno un significato al cosiddetto “Ottobre storico”.

Il primo: il 18 ottobre segna un anno dall’inizio delle proteste contro il modello neoliberista del paese, nella sua forma più aggressiva contro un popolo come il capitalismo selvaggio. La seconda: il 25 ottobre si tiene il Plebiscito che definirà se i cileni vogliono o meno una nuova costituzione, quella attuale è un retaggio della dittatura di Augusto Pinochet. Questa consultazione è senza dubbio una conquista della mobilitazione sociale. E il terzo: ha tutto a che fare con quel capitolo oscuro della storia del Cile. Proprio questo 5 ottobre si ricordano i 32 anni del Plebiscito che rifiutò la continuazione della dittatura di Pinochet, che portò a una transizione e all’elezione del primo governo democratico nel 1990.

Questi eventi storici e recenti che si intrecciano nel frastuono di una cittadinanza adeguata al loro ruolo, pongono un nuovo e giusto patto politico-sociale, con profondi e stimolanti cambiamenti in una struttura prevalente. Il prossimo 25 ottobre, il Cile decide.

http://www.farodiroma.it/cile-il-colmo-dell-indignazione-in-un-ottobre-storico-di-tatiana-perez/

Uno scenario di guerra inimmaginabile. È così che la Colombia giunge al suo quarto anno dalla storica firma dell’accordo di pace tra lo Stato e l’allora Guerriglia delle Farc (Forze armate rivoluzionarie della Colombia).
Inimmaginabile perché a questo punto del percorso, il paese deve verificare l’attuazione del post-accordo, avendo come bussola il piano di compromesso discusso e negoziato tra il governo e l’insurrezione a L’Avana, Cuba per più di quattro anni.
Ma la realtà è diametralmente diversa. Il sogno di pace è macchiato di sangue, giorno dopo giorno, dall’omicidio sistematico di leader sociali, ex combattenti delle FARC e delle loro famiglie. E come se non bastasse, sono tornati i massacri di civili, così come sono stati registrati all’inizio di questo secolo. Allo stesso modo, sono tornati gli sfollamenti forzati e le sparizioni.

Questo fine settimana, ricordando il momento esatto dell’impronta dell’accordo, due gruppi armati illegali sono entrati nella riserva indigena Inda Sabaleta del popolo Awá, nel dipartimento di Nariño, nel sud della Colombia.
Lì hanno ucciso cinque membri della comunità, oltre a rapire 40 persone. L’organizzazione nazionale indigena, ONIC, ha lanciato una richiesta mondiale di aiuto data la gravità di quanto accaduto e la passività del governo del presidente Iván Duque; allo stesso tempo chiesero di nuovo che i territori ancestrali non fossero oggetto di guerre interne.

Tuttavia, questo scenario non è nuovo nel 2020. Un’organizzazione che tiene il conto quotidiano di questo lutto nazionale è l’Istituto di studi per lo sviluppo e la pace, INDEPAZ.
Secondo i loro dati dettagliati, dall’inizio di quest’anno fino ad oggi, le vite di 215 leader sociali, contadini, indigeni o afro-colombiani sono state messe a tacere. Quanto ai firmatari dell’accordo di pace o agli ex combattenti delle FARC, 43 sono stati assassinati.

I crimini sono stati commessi in quasi tutto il paese, come mostra la mappa seguente:

Il motivo di queste morti è una domanda ricorrente in Colombia. Gloria Cuartas, difensore dei diritti umani ed ex sindaco del comune di Apartadó ad Antioquia, ritiene che l’assassinio di leader locali stia danneggiando profondamente l’organizzazione sociale e comunitaria, dal momento che molti di loro sono coinvolti in piani di restituzione della terra, sostituzione delle colture per uso illecito con programmi produttivi legali o in altri processi di sviluppo che sono scomodi per i padroni della guerra. In conclusione, aggiunge, fanno parte del tessuto che anela alla pace per il suo territorio.

Questo “pomeriggio grigio” per la Colombia è completato dai massacri. Secondo INDEPAZ, in questo 2020 sono stati 61, i mesi più violenti sono stati agosto e settembre, con una strage ogni 24 ore.
Tra gli autori di questa barbarie vi sono gli eredi paramilitari delle Forze di autodifesa unite della Colombia; vecchie e nuove strutture ribelli, alcune apparse dopo gli accordi di pace; e gruppi criminali al servizio del narcotraffico. Inoltre, in alcune regioni del Paese, i leader sociali denunciano l’esistenza di collusione tra le forze statali, siano esse l’esercito o la polizia, come nel dipartimento del Cauca, nella parte sud-occidentale del Paese.

Nonostante queste dure notizie e la limitata volontà politica dell’esecutivo di Iván Duque di fermare gli omicidi sistematici, milioni di persone continuano a sperare che oltre cinquant’anni di conflitto armato interno saranno superati.
È indubbiamente una speranza ostinata che unisce politici in opposizione al partito al governo, accademici, difensori dei diritti umani, ex membri delle FARC, movimenti sociali, giovani, afro, contadini, studenti e comuni colombiani.

Tra questi, il senatore Iván Cepeda Castro, che è stato un facilitatore dei dialoghi che si sono tenuti all’Avana fino al raggiungimento dell’accordo finale, si distingue per il suo impegno permanente in Colombia a uscire dall’oscurità e passare attraverso una civiltà non segnata dalla morte. Gli ho chiesto: “Oggi ci sono molti che pensano e dicono che il processo di pace è fallito, ma non tu. Perché?”. La sua risposta è stata la seguente: “questo bagno di sangue non è dovuto al fallimento del processo di pace, ma perché c’è proprio un processo di pace, perché c’è una lotta per l’attuazione delle riforme: rurale, politica, così come per il cambio di strategia in materia di narcotraffico e verità e giustizia. E i crimini commessi sono il tentativo di porre fine all’accordo di pace. Quelli che vengono assassinati sono quelli che difendono il processo, quella conquista, e per impedire che quel processo diventi più forte, avvengono tutte queste azioni violente ”.

È una visione condivisa da milioni di persone dentro e fuori il Paese, nonostante quanto sia tortuosa la strada e quanti l’hanno abbandonata. È in gioco molto, non è niente di più e niente di meno che il diritto a una Colombia in PACE.

http://www.farodiroma.it/la-pace-in-colombia-4-anni-dopo-tanto-sangue-e-molta-violenza-ma-resta-uno-spiraglio-di-speranza-di-tatiana-perez/

Nella storia del ‘900 abbiamo visto in diversi paesi golpisti e terroristi che, abbandonata la via della violenza, hanno partecipato e vinto elezioni legittime, laddove, come è accaduto in Israele a Menachem Begin, reo confesso dell’attentato al King David di Gerusalemme, ciò è stato reso possibile dai legislatori con misure di tipo clemenziale, come amnestie e indulti. Quello che sta accadendo in Venezuela, a partire dal tentativo di uccidere il presidente Maduro il 4 agosto del 2018 (attentato preparato a Washington e Bogotà, come è stato poi appurato), però, non ha probabilmente precedenti. Il legittimo governo di Nicolas Maduro si è visto infatti respingere da Juan Guaidò, leader dell’opposizione e già presidente dell’Assemblea Nazionale, l’offerta di partecipare alle prossime elezioni di dicembre, avanzata nonostante le numerose inchieste in corso dimostrino inequivocabilmente le sue responsabilità penali in almeno tre tentativi di colpi di Stato e di utilizzo fraudolento di fondi per finanziare tali attività illegali. Reati gravissimi che però non gli sono costati nemmeno un giorno di prigione, e per i quali, rinunciando a continuare nell’illegalità, avrebbe potuto godere dell’amnistia. Ma questi fatti evidenti non sono stati “notati” da Bruxelles e ciò evidenzia una complicità del responsabile della politica estera della Ué, Borrelli. Purtroppo anche nella Chiesa venezuelana si sono chiusi gli occhi su questo avallando informazioni incomplete che distorcono la verità e traggono in inganno una parte del mondo cattolico.

“Quello che Guaidò (teleguidata da Washington) sta mettendo in scena è una commedia che ha uno scopo preciso: precostituirsi le ragioni per poi contestare la piena legittimità e regolarità delle prossime elezioni di dicembre alle quali parteciperà peraltro tutta l’opposizione, compresi gli ex alleati di Guaidò, il quale per sua scelta sta fuori dalle elezioni non riconoscendole – nonostante ci siano state nei mesi scorsi la liberazione dal carcere di suoi amici golpisti e una amnistia per gravi reati come chiaro segno di disponibilità al pieno dialogo da parte del governo Maduro. Per questo
Guaidó è ora attaccato duramente proprio dalle opposizioni”, ci spiega Luciano Vasapollo, economista amico di Hugo Chavez e profondo conoscitore della situazione venezuelana, sulla quale ha potuto più volte conferire con Papa Francesco e con il suo principale collaboratore, il segretario di Stato Pietro Parolin.

“Si tratta – rileva Vasapollo – di una situazione del tutto anomale che vede la complicità dei grandi mezzi di informazione occidentali che sostengono la legittimità dell’autoproclamazione, nel gennaio 2019, di Juan Guaidò quale presidente del Venezuela e propongono una lettura fuorviante della crisi umanitaria in atto nel paese sudamericano, tacendo le responsabilità di chi impone un blocco economico criminale che condanna a morte la parte più debole della popolazione, i bambini e i malati che restano privi di farmaci non approvvigionati nonostante in molti casi fossero già stati pagati dal Venezuela”.

La vicenda del golpista Guaidò, telecomandato da Washington, inizia
il 10 gennaio 2019 quando Nicolas Maduro giura di fronte al Tribunale Supremo di Giustizia e assume la carica di Presidente della Repubblica per il periodo 2019/2025 dopo aver vinto con il 68 per cento dei voti le elezioni del maggio 2018. Subito gli Stati Uniti non riconoscono la legittimità del nuovo Presidente perché, secondo loro, le elezioni sarebbero state truccate e da quel momento in poi faranno di tutto per arrivare ad un cambio di governo.

“L’elezione nel maggio 2018 è stata assolutamente regolare, come testimoniato dagli osservatori internazionali guidati da Josè Zapatero”, tiene affermare Vasapollo che faceva parte degli osservatori con il sindacalista Giorgio Cremaschi, il giurista Fabio Marcelli e il direttore di questo giornale Salvatore Izzo.

“Dodici giorni dopo il giuramento di Maduro, il 22 gennaio, Juan Guaidò – ricostruisce Vadapollo – appoggiato dagli Stati Uniti, si autoproclama, in una piazza di Caracas, presidente del Venezuela disconoscendo il legittimo presidente. E diversi paesi oltre agli Usa e all’UE riconoscono tale autoproclamazione che nel diritto internazionale non ha precedenti”, continua Vasapollo, che rileva come gli stessi paesi abbiano poi riconosciuto qualche mese fa la rielezione di Guaidò a presidente dell’Anc in una votazione illegittima, tenuta nella redazione di un giornale anziché in Parlamento (dove non ha più la maggioranza). “È sconcertante come in particolare l’Unione Europea accetti questo tipo di violazioni delle regole costituzionali di un paese sovrano, compiute dal leader di una minoranza violenta, che abbiamo visto all’opera al suo comando, nel tentativo di occupare la base militare di La Carlotta, poi di violare con camion di armi i confini dalla Colombia, e ancora nell’accordo stipulato con agenzie di contractor per il tentativo di invasione dal mare lo scorso maggio”.

Come è noto, il 23 febbraio 2019 gli Stati Uniti con la scusa degli aiuti umanitari hanno cercato di invadere il territorio venezuelano. Infatti nei camion erano nascosti vari materiali che sarebbero stati usati dai mercenari colombiani infiltrati in Venezuela per alimentare le proteste e creare una testa di ponte al confine con la Colombia. Il progetto insurrezionale prevedeva poi che l’esercito venezuelano si sarebbe rivoltato contro il governo di Maduro e quindi avrebbero dato manforte ai mercenari. Ma i conti quel giorno non tornarono: le notizie sulla certezza dell’ammutinamento dell’esercito propagandate da Juan Guaidò e del sostegno alla sua autoproclamazione erano false.

“L’esercito – tiene a sottolineare Vasapollo – restò fedele a Maduro come poi avverrà in futuro e il tentativo di invasione fallì miseramente. Ed anche il New York Times è stato costretto ad ammettere che l’incendio dei camion che passavano dalla frontiera colombiana lo scorso febbraio era stato compiuto da manifestanti pro Guaidò. Il quotidiano statunitense alcuni giorni dopo ha pubblicato un video che scagiona la polizia venezuelana in cui si vedono i sostenitori di Guaidò lanciare bottiglie incendiarie contro i camion”.

“In quegli stessi giorni – rileva Vasapollo – senza nessun pudore gli Stati Uniti hanno presentato al Consiglio di Sicurezza dell’Onu una risoluzione nella quale viene richiesta l’urgenza di riconoscere Juan Guaidò come presidente venezuelano e la necessità di convocare libere elezioni. La risoluzione non è passata perché la Russia ha apposto il veto”.

Intanto la Procura Generale del Venezuela ha citato Guaidò per “tentato colpo di stato e tentato omicidio”, come ha comunicato il procuratore generale William Saab spiegando che Guaidò è stato chiamato a comparire davanti ai pubblici ministeri giovedì, a seguito di un’indagine della scorsa settimana sul sequestro di un deposito di armi nella vicina Colombia, che secondo la magistratura venezuelana sarebbero state destinate a essere contrabbandate in Venezuela. Il piano, di cui i giudici dicono di avere prove molto solide, era finalizzato “all’eliminazione chirurgica di obiettivi precedentemente identificati’. Che in linguaggio colloquiale significa assassinare, uccidere il capo dello Stato”, ha spiegato il procuratore.

“Suscita ammirazione – ha concluso Vasapollo – la risposta del Governo legittimo del Venezuela al piano elaborato dalla Casa Bianca per sostenere le mire presidenziali di Guaido e peraltro accompagnato dalla inaccettabile minaccia di ulteriori sanzioni contro la Repubblica Bolivariana, guidata dal presidente Nicolas Maduro”.

http://www.farodiroma.it/la-commedia-di-guaido-per-vanificare-le-elezioni-vasapollo-un-piano-concordato-con-washington-per-ingannare-la-ue/

Sei mesi fa il mondo ha iniziato a percorrere un cammino sconosciuto. È apparso un nemico invisibile che ha cambiato il corso della storia, con scenari imprevedibili in tutti i continenti e in tutte le società. Il suo nome è già noto, Covid-19, anche se non si sa tutto sul virus complesso, e ancor meno quando cesserà di essere il protagonista della nostra vita.
Da quel 31 gennaio, giorno in cui l’OMS ha dichiarato l’emergenza sanitaria mondiale, abbiamo visto come, a poco a poco, sia stato messo a nudo il modello capitalistico più perverso: il neoliberismo. Paradossalmente, ora senza tute e maschere, i governi che la sostengono, la approfondiscono e vi aggiungono lo smantellamento dei pilastri della democrazia occidentale.

L’America Latina, oggi la regione del mondo con il maggior numero di infezioni secondo l’OMS stessa, ne è un esempio. Passiamo in rassegna le azioni intraprese da alcuni governi in questi tempi di pandemia:

Brasile: questa nazione è in testa alla lista delle infezioni e dei decessi in Sud America ed è seconda al mondo, dietro agli Stati Uniti. Il governo di Jair Bolsonaro non è colpevole del virus aggressivo, ma è colpevole della crisi sanitaria e della sofferenza di milioni e milioni di persone. Un negazionista del virus, lo scorso marzo ha detto che il Covid-19 era solo una “piccola crepa” e che “dovremmo morire di qualcosa”. Una volta contratta la malattia, si è esposto in pubblico senza mascherina e senza alcuna misura per prendere le distanze da seguaci e giornalisti.
Nel periodo in cui ha superato la convalescenza, il Tribunale penale internazionale con sede all’Aia ha ricevuto cinque denunce contro il presidente del gigante sudamericano, per genocidio e crimini contro l’umanità. L’ultimo è stato depositato il 27 luglio dalla rete sindacale brasiliana UNISaúde, che comprende più di un milione di professionisti della salute.

La denuncia di 60 pagine afferma che Bolsonaro ha messo a rischio l’intera popolazione adottando “azioni negligenti e irresponsabili” che, secondo i denuncianti, hanno avuto conseguenze disastrose come la diffusione del virus e lo “strangolamento totale dei servizi sanitari”.
I più colpiti dalla mancanza di assistenza da parte dello Stato sono gli stessi che storicamente sono stati dimenticati: i più poveri, i neri e gli indigeni. Secondo l’Associazione dei popoli indigeni brasiliani (APIB), dal 1° agosto, 147 comunità indigene sono state colpite, con 21.500 infette e 616 uccise da Covid-19. La denuncia alla CPI afferma che questa drammatica situazione costituisce un crimine di genocidio, che secondo lo Statuto di Roma viene perpetrato con l’intento di “distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.

Per capire ancora meglio come in così poco tempo un Presidente porti il suo Paese nell’abisso, è importante sottolineare che a tutt’oggi non è in carica nessun Ministro della Salute. Dal 15 maggio, il responsabile del portafoglio è il generale Eduardo Pazuello, che sta facendo un lavoro di cui sa poco. I due ministri precedenti sono stati licenziati in soli due mesi a causa di divergenze con il Capo dello Stato sulla malattia, soprattutto per quanto riguarda il trattamento e le misure di confinamento.
Tuttavia, il fatto che Bolsonaro abbia nominato un militare sul suo treno ministeriale non è stata una sorpresa. In una mossa senza precedenti dalla fine della dittatura nel 1985, nove dei 22 ministri sono ufficiali militari di alto rango. Uno degli incarichi più notevoli è quello del generale Walter Braga Neto, che dal 6 aprile è a capo della casa civile. Tra i suoi compiti centrali c’è quello di portare avanti un disegno di legge controverso che propone di liberare le attività economiche nelle terre indigene dell’Amazzonia. Mentre il piano prende forma, azioni come l’estrazione mineraria illegale e incontrollata stanno distruggendo la vita nel polmone principale del mondo.

Uruguay: l’8 luglio è stata approvata la legge di urgente considerazione, nota come LUC, promessa della campagna elettorale dell’ormai presidente Luis Lacalle Pou. Si compone di quasi 500 articoli e ripercorre praticamente il percorso di 15 anni di governi progressisti del Frente Amplio, in termini di rispetto dei diritti civili, di controllo statale dell’istruzione e delle risorse naturali, e di libero sviluppo della protesta sociale.
Anche se la pandemia non è la causa della legge, il momento è stato propizio perché ha vestito i dibattiti al Congresso con un manto di necessità per “essere all’altezza della situazione”, senza mobilitazioni o espressioni di strada dovute alla quarantena. Tra gli articoli più discussi ci sono
L’articolo 11, che stabilisce che chiunque “offenda” la polizia può essere detenuto da 3 a 12 mesi, senza spiegare chi stabilisce cosa sia un reato e quali atti si qualificherebbero come reati. Nella stessa ottica, l’articolo 20 stabilisce che gli agenti di polizia possono interrogare “autonomamente” l’imputato. In altre parole, non hanno bisogno di un’ordinanza del tribunale.
Articolo 37, sull’identificazione e l’avvertimento della polizia: il personale di polizia è esonerato dall’identificazione e dall’avvertimento. In altre parole, prima sparo e poi chiedo.
Gli articoli 448, 449 e 450, sulla “Protezione della libera circolazione”, stabiliscono la legge anti-picketing, cioè anti-proteste sulle strade. Questo provvedimento conferisce alla polizia l’autorità di disperdere le manifestazioni in “ricerca della tranquillità e della libera circolazione” e di arrestare le persone che hanno “un aspetto criminale”.
Per quanto riguarda gli scioperi, la Legge stabilisce che “tutte le misure di sciopero devono essere esercitate in modo pacifico, senza disturbare l’ordine pubblico” e aggiunge che “l’Esecutivo può imporre restrizioni a tali misure quando queste non soddisfano le condizioni sopra stabilite”. A quali condizioni si riferisce? Non è noto, quindi l’ampia interpretazione della legge mette in guardia i lavoratori centrali da possibili scenari di criminalizzazione delle proteste sindacali.
Basandosi sul modello del paese, la “LUC” crea il quadro giuridico per tornare al neoliberismo puro: commercializzazione dell’istruzione, privatizzazione delle compagnie petrolifere e della campagna. Il partito di opposizione Frente Amplio ritiene che questa sia una legge “antipopolare, incostituzionale, repressiva e regressiva”.

Cile: In questa nazione l’anno è iniziato con un’esplosione sociale senza precedenti dalla caduta della dittatura di Augusto Pinochet più di 30 anni fa e solo la pandemia ha smobilitato le strade prese dal 18 ottobre 2019. È stato un tempo utilizzato dal governo di Sebastian Pinera per creare decreti e leggi che riguardano direttamente una grande massa protestante, che, tra l’altro, lo ha messo contro le corde.
Il primo ordine del Presidente della Repubblica, da quando ha instaurato lo Stato di emergenza costituzionale a causa della pandemia, è stato quello di portare i militari nelle strade e di decretare il coprifuoco in tutto il Paese.

Inoltre, poiché l’attenzione si concentra sulla pandemia, l’acquisto di armi, veicoli e altre attrezzature è in aumento. All’inizio di luglio il governo ha aperto una gara d’appalto per l’acquisto di 130 fucili antisommossa e a metà luglio è arrivato nel Paese un enorme cannone ad acqua, che secondo il segretario dell’interno, fanno parte di “diversi che sono stati acquistati nel 2019 in un piano di ammodernamento dei carabineros”.
Questa forza di polizia è responsabile delle principali denunce di violazioni dei diritti umani durante lo sconvolgimento sociale, considerando i decessi, le centinaia di persone che hanno perso la vista, e le migliaia di feriti. Organizzazioni internazionali come l’ONU e Amnesty International lo confermano e chiedono al governo di Piñera di limitare la sua forza, ma le misure dell’esecutivo vanno nella direzione opposta, come abbiamo già esemplificato.

In questo stesso contesto di Pandemia, il governo Piñera ha inviato un contingente militare ad Araucania, una regione con una presenza storica di popolazioni indigene Mapuche. La scusa fornita dall’esecutivo è la strana esplosione di una torre di comunicazione, che le autorità militari descrivono come un atto di terrorismo, mentre la Procura non va oltre.
Diversi analisti sottolineano che si tratta di un’impostazione per militarizzare l’area con la scusa, ancora una volta, dello stato di emergenza. Vale la pena ricordare che le popolazioni indigene sono inesistenti nel Paese, dalla Costituzione nazionale stessa e per il governo di Piñera, nemiche dello sviluppo delle foreste industriali.
Per questo motivo e per la mancanza di programmi di assistenza di emergenza (reddito di base universale) per i settori più colpiti dalla crisi economica in tempi di pandemia, cresce l’indignazione della popolazione e crolla il favore del presidente Piñera. Secondo l’ultimo sondaggio della società Plaza Pública Cadem, il rating di approvazione del presidente Piñera è sceso al 12%, un minimo storico per un capo di Stato.

Perù: In questa nazione la popolazione non è solo preoccupata per la gestione sbagliata della pandemia e per il dolore quotidiano di fronte alla morte, ma anche per il crescente autoritarismo imposto da un potere esecutivo che, tra l’altro, non è stato eletto alle urne.
Alla fine di marzo, il Congresso ha approvato il “Trigger-Free Act”. Sebbene sia stato approvato nell’attuale stato di emergenza dovuto alla pandemia, il suo carattere sarà permanente. Esenta da ogni responsabilità i membri della forza pubblica che usano le loro armi contro la popolazione civile nello “svolgimento dei loro compiti”.
Il personale in uniforme non può essere arrestato se uccide o ferisce una persona. Sono anche liberi di sparare a una persona disarmata. La legge, che apre le porte agli abusi della polizia e all’impunità dello Stato, ha già portato a diverse denunce. Il governo tace.

Bolivia: nove mesi dopo il colpo di stato contro il presidente Evo Morales, lo Stato di polizia e militare è in vigore come nel novembre 2019. Il Paese sta estendendo lo stato di emergenza e di confinamento sociale nella stessa misura. Senza il sostegno dello Stato e con un sistema sanitario collassato, per due mesi le persone sono uscite per protestare rischiando la vita. Dicono che moriranno “di Covid o di fame, ma moriranno”. La risposta dello Stato è la repressione attraverso le armi, come abbiamo visto in diversi dipartimenti.
Nelle prime ore del mattino del 4 luglio, aerei militari hanno sorvolato la città di Kara Kara a Cochabamba, mentre un’operazione di polizia e militare via terra ha represso la popolazione della zona. Da una settimana chiedevano il rilascio di otto detenuti, il diritto all’acqua, al pane, al cibo e al lavoro.

In un altro dei più evidenti atti di autoritarismo, il governo di fatto ha disposto la promozione di un gruppo di militari senza passare attraverso la revisione dell’Assemblea legislativa plurinazionale – come recita la Costituzione – protetta dalla pandemia. In precedenza, l’alto comando militare si era recato in uniforme al Parlamento per chiedere l’approvazione delle promozioni, che il Movimento verso il socialismo, MAS, (il partito politico che ha subito il colpo di Stato e con una maggioranza in entrambe le camere) ha denunciato come una minaccia al potere legislativo.

Ma la pandemia come scusa per continuare a rompere la democrazia non si ferma. Il governo di fatto, che ha promesso di essere “un governo di transizione”, sta premendo per il rinvio delle elezioni generali e presidenziali e sta avendo successo. Non lo saranno più il 6 settembre. Secondo il Supremo Tribunale Elettorale, le più alte cime di Covid-19 saranno registrate in quei giorni e, nell’interesse della protezione del popolo, si terranno il 18 ottobre. Sullo sfondo ci sono i sondaggi elettorali. I candidati alla presidenza del MAS sono in primo luogo, lontani dai candidati di destra, che sostengono tutti il colpo di stato.

Ecuador: Con la stessa argomentazione da quando è diventato presidente, Lenin Moreno ha avvertito lo scorso maggio che in seguito alla “pesante eredità del Correismo” (riferendosi agli anni del governo di Rafael Correa) l’esecutivo dovrebbe prendere drastiche misure economiche.
E così, indipendentemente dalla vulnerabilità della popolazione, l’Assemblea nazionale ha approvato la cosiddetta “Legge di sostegno umanitario”. La legge, entrata in vigore a giugno, consente la riduzione della giornata lavorativa fino al 50% e la riduzione degli stipendi fino al 45%. Le trattative “libere” tra datore di lavoro e dipendente autorizzano licenziamenti di massa, come già avviene.

Per quanto riguarda l’istruzione, il taglio per le università pubbliche è di 100 milioni di dollari. Saranno interessate più di 30 università pubbliche e scuole tecniche, nonché programmi di borse di studio per l’istruzione superiore all’estero.
Nonostante la crisi sanitaria causata dalla cattiva gestione della pandemia, il governo ha pagato 324 milioni di dollari al FMI, alla BM, al CAF e alla BID, contrariamente alle richieste degli economisti, dell’opposizione politica e delle organizzazioni sociali, di non pagare il debito per ora, come è successo in altre nazioni. Si trattava di denaro necessario per assistere alla tragedia che la nazione ha vissuto, in particolare Guayaquil, dove le autorità sanitarie hanno dovuto scusarsi pubblicamente per la perdita di 200 cadaveri di persone uccise dal Covid-19.
Tutti questi eventi hanno generato proteste nella maggior parte delle città del paese. Alcuni hanno detto “la quarantena con la fame non dura” e “Prigione per i corrotti, lavoro per la gente”. Su quest’ultimo, fanno riferimento allo scandalo della corruzione che lega l’ex presidente Abdalá Bucaram e la sua più stretta cerchia familiare, per l’acquisto illegale di medicinali e attrezzature ospedaliere necessarie per curare i pazienti affetti dal virus. La Procura li accusa di associazione illegale nel commercio di medicinali. L’ex presidente e molti dei coinvolti sono in prigione.

Per finire questa radiografia di alcune nazioni latinoamericane dove il neoliberismo è protagonista, vi lascio con una sintetica riflessione della psicologa sociale e membro del partito comunista argentino Solana López. In una recente riflessione sulla pandemia ha detto: “Ci troviamo di fronte al volto della barbarie imperialista e ciò significa che tutte le modalità strutturali di dominio sono attuate per garantire il suo potere oppressivo, lasciando il mondo allo scoperto, un mondo allo scoperto con toni fascisti e colonialisti e mezzi di controllo altamente tecnici.

Tatiana Perez
Giornalista colombiana, lavora nel canale multistato Telesur

http://www.farodiroma.it/america-latina-la-pandemia-come-scusa-per-continuare-a-rompere-la-democrazia-non-si-ferma-di-tatiana-perez/

Page 1 of 120

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com