Da Sud a Sud

La sfida economica degli Usa nel mondo multipolare

di D. Sevastopulo, Aime Williams (Financial Times) – Giacomo Marchetti

La sfida economica degli Usa nel mondo multipolare

Usa, Unione Europea e Cina sono di fronte ad un passaggio che le obbliga a decisioni epocali rispetto al livello di inter-connettività conosciuto durante i trent’anni della globalizzazione neo-liberis...

Leggi tutto

Draghi si presenta come un vecchio democristiano hitech

Dante Barontini Contropiano

Draghi si presenta come un vecchio democristiano hitech

Draghi ha finalmente parlato, in Senato, per chiedere la fiducia al nuovo governo. E tutti attendevano naturalmente il suo discorso. Dopo aver sfrondato la retorica catto-democristiana – si sente a g...

Leggi tutto

Verso la repubblica catalana

Andrea Quaranta Contropiano

Verso la repubblica catalana

Se in una situazione di “normalità” liberaldemocratica le elezioni rappresentano spesso il feticcio al quale si riduce la partecipazione politica, in Catalunya sono un momento rilevante nello scontro ...

Leggi tutto

Giornata  internazionale di solidarietà con la Palestina

 

Akram Mohammed Samhan, ambasciatore della Palestina in Cuba, ha ringraziato l’Isola per la sua solidarietà con la causa del suo paese e l’appoggio per l’ammissione del suo Stato come membro 194 nella organizzazione delle Nazioni Unite, ONU.

 

Durante un incontro che si è svolto nella Scuola Latinoamericana di Medicina (ELAM), nella capitale cubana, con motivo del Giorno Internazionale di Solidarietà con il Popolo Palestinese, Samhan ha detto: "Abbiamo vinto la battaglia nella UNESCO e vinceremo nella ONU, perchè ci assiste il diritto per il quale abbiamo tanto lottato".

 

"È anche ora che i Cique cubani prigionieri, ingiustamente condannati negli Stati Uniti, tornino a casa", ha sottolineato l’ambasciatore.

 

Carlos Amat, presidente dell’Associazione Cubana delle Nazioni Unite, ha letto un messaggio inviata dal Ministro degli Esteri Bruno Rodríguez al popolo palestinese, nel quale ha sottolineato che il Consiglio di Sicurezza si deve pronunciare a favore della Palestina e deve smettere le manovre dilatorie.

 

Cuba esige la fine della prolungata ed illegale occupazione israeliana in territorio arabo, ha scritto il diplomatico, ed appoggia tutte le azioni per il riconoscimento di questo Stato come membro con pieno diritto nella ONU.

 

Mohamed Anati, rappresentante della delegazione palestinese nella ELAM, ha ratificato che i suoi compatrioti si mantengono fermi per proteggere il loro progetto nazionale ed ha ringraziato Cuba e tutte le nazioni del mondo che oggi dimostrano la loro solidarietà con l’indipendenza del suo paese.

 

Inoltre ha ricordato l’esempio del leader storico Yasser Arafat, nel settimo anniversario della sua scomparsa fisica, ed ha segnalato che il suo legato li ispira ad essere fedeli alla sua rivoluzione e ai suoi principi.

 

Leira Sánchez, membro del Burò Nazionale della Unione dei Giovani Comunisti, ha detto che le nuove generazioni di cubani condannano gli attacchi sionisti alla Palestina e tutti i tentativi di aggressione ai paesi del Medio Oriente.

 

" In Cuba troverete sempre un paese difensore delle giuste cause", ha aggiunto la dirigente.

 

Hanno partecipato all’incontro membri del corpo diplomatico accreditato a L’Avana, rappresentanti dell’Istituto Cubano d’Amicizia con i popoli, membri di organizzazioni di solidarietà politiche e sociali, assieme agli studenti della ELAM.

 

(AIN/ Traduzione Granma Int.)

 

Page 73 of 73

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com