nuestra america

nuestra america

La lucha por la Libertad debe continuar, por todos los prisioneros políticos, para sacar adelante los ideales de la Revolución Cubana, para defender la revolución bolivariana , ALBA. La lucha todavía debe continuar para defender la autodeterminación de los pueblos, para la victoria del mundo del trabajo y del trabajo negado y para combatir contra el bárbaro neocolonialismo , imperialismo y el capitalismo, al que todos nos oponemos firmemente con la solidaridad internacionalista de clase, y  ¡¡Con Cuba la “Victoria es inevitable!!”     

Para otros artículos sobre el trabajo político de nuestra delegación, visite:   

http://www.nuestra-america.it/index.php/en/notizie/cuba/item/1128-di-ritorno-da-cuba-dopo-una-visita-politica-sindacale-e-culturale

http://www.nuestra-america.it/index.php/en/articoli/cuba/item/1134-galleria-fotografica-della-visita-della-delegazione-a-cuba-febbraio-2015

http://www.nuestra-america.it/index.php/en/articoli/cuba/item/1130-l%E2%80%99alba-euromediterranea-vista-dall%E2%80%99america-latina-se-ne-discute-anche-a-cuba

La delegación del Centro de Estudios CESTES de la USB y de la revista y asociación Nuestra América, formada por Rita Martufi y Luciano Vasapollo, pasó 15 días de visita en Cuba durante la segunda mitad de febrero, invitados oficialmente por el ICAP, Instituto Cubano de Amistad con los Pueblos, y por el Ministerio de Cultura, desarrollando actividades en calidad de coordinadores del Capítulo italiano de la red en Defensa de la Humanidad. Han sido varios los seminarios, conferencias, presentaciones de libros, debates y reuniones, incluso de naturaleza directamente política que hemos tenido en representación de la dirección de la Red de los Comunistas.

Llegamos a Cuba en un ambiente de fiesta política, que en estos días implica a toda la sociedad, tanto al Gobierno y al Partido Comunista como al pueblo cubano, por la vuelta a casa de los 5 Héroes, revolucionarios, combatientes, antiterroristas en defensa de la humanidad. En occidente, con su típica visión distorsionada eurocéntrica, se ha hablado mucho y de forma disparatada de un nuevo y definitivo acercamiento entre Usa y Cuba después de más de cincuenta años, pero los Cubanos saben bien que deben mantener los “pies en la tierra” ya que se encuentran al inicio de  una serie de tratados que llevarán al final del bloqueo y la verdadera y concreta normalización de las relaciones diplomáticas.

La vuelta a casa de los 5 héroes combatientes, y concretamente de los 3 que estaban  todavía encarcelados, ha representado una victoria política para Cuba contra el imperialismo así como una señal tangible y positiva de la gran solidaridad  internacional manifestada por los comités nacionales por la libertad de los 5, nacida en todo el mundo para defender la causa revolucionaria, junto a la incesante actividad desarrollada por las organizaciones políticas comunistas revolucionarias y las organizaciones sindicales conflictivas de clase, como en Italia la USB, la Red de los Comunistas, el Capítulo italiano de la red en Defensa de la Humanidad (REDH) Y el FSM, de los tantos compañeros de los movimientos sociales y asociaciones de solidaridad-como por ejemplo la Villeta en Italia, Italia-Cuba etc.-, y también de las miles de compañías ciudadanas democráticas y progresistas que de forma individual se han mostrado cercanas y participativas en esta causa política y humanitaria, que ha vivido también la participación activa de muchos religiosos y hombres de cultura. Recordamos con amor revolucionario que el Presidente Raúl Castro ha otorgado recientemente a los cinco el más alto honor de la República de Cuba, la medalla de oro como Héroes de la Revolución.

La primera actividad de la delegación durante estos días fue el encuentro con el ICap, y en particular con la incansable combatiente Kenya Serrano, jovencísima Ministra y Presidenta del ICAP, en el que también participó el Padre Tarzia, director durante muchos años de Familia Cristiana y ahora de la revista Jesús y precedentemente también director de las Ediciones Paoline. Los primeros días de la visita de nuestra delegación se desarrollaron con su presencia, particularmente en las actividades, con y para los 5, sobre todo porqué la ayuda que nos ha brindado en estos años para la campaña de liberación ha sido muy importante. Gracias a él hemos podido concienciar con la causa a amplios y diversos sectores de la sociedad civil, católicos de base y religiosos, con una fuerte atención, llegando a la Audiencia del Papa, primero Benedicto XVI y después a la del Papa Francesco, al cual mediante cartas firmadas por el Prof. Vasapollo y intercambiabando algunas ideas y opiniones al respecto, se le solicitó una especial atención de justicia humanitaria por el drama y la profunda injusticia sufrida por nuestros 5 hermanos y los relativos sufrimientos que desde hace años han caído sobre ellos y sus familias.

La reunión privada con los 5 en el ICAP fue una gran fiesta, el poder vivir con ellos fuertes e inolvidables emociones y la “humanidad” de la que han hablado siempre de forma revolucionaria Che Guevara, José Martí y Antonio Gramsci…es decir, la Revolución como profundo acto de amor, de ese “ser duro sin perder la ternura”, como decía el propio Che Guevara. Gerardo, mientras nos enseñaba la foto de su hija, nos contaba como cada mañana nada más despertarse lo primero que le venía en mente era estar con su pequeña Gema, mirarla y hacerle fotos, ya que hasta hace dos meses en los que continuaba su condena de dos cadenas perpetuas y quince años de dura e infame cárcel impuesta injustamente, no hubiera imaginado poder gozar de una alegría tan grande. Además tanto él, como sus 4 compañeros nos agradecieron continuamente nuestro apoyo y luchas llevadas a cabo durante todos estos años por su liberación, igual que nosotros también les dimos las gracias por la gran prueba de fuerza, dignidad y coraje que han dado a todos los revolucionarios y al mundo, pagando el “precio” de querer sacar adelante la Revolución Cubana, el Socialismo y la libertad de su pueblo y por defender a la humanidad de los crímenes del terrorismo de Estado.

También estuvimos presentes en la fantástica y participativa Feria del Libro junto a los 5 y sus familias, y nosotros emocionados como en tantas otras ocasiones en las que nos trataron como su “gran familia”.

En Cuba la feria internacional del Libro es un importantísimo evento cultural y social anual, que se encuentra en su vigesimocuarta edición, que comienza siempre en La Habana y continua durante varios días por Pinar del Río, Santiago y el resto de la isla, donde se encuentran presentes las delegaciones de otros cientos países y casas editoriales de todo el mundo, incluida USA. Se venden millones de libros a precios mínimos.

Encontramos grandes intelectuales a nivel internacional en las intensas actividades que llevamos a cabo en la Feria del Libro junto al Ministro de Cultura y  su tenaz compañera Zuleica, Presidenta del Instituto Cubano del Libro y responsable de la Feria.

En la Feria del Libro nuestra delegación presentó nuestro libro PIIGS – IL RISVEGLIO DEI MAIALI, publicado por primera vez en Italia por la editorial Jaca Book en 2011 y traducido al griego, español y portugués, reeditado ahora en una nueva edición en lengua española por la casa editorial cubana Nuevo Milenio.El libro también se presentó en la sede del sindicato CTC, con los compañeros de relaciones internacionales del Comité central del Partido Comunista de Cuba, en la Universidad de La Habana y Pinar del Río, y justo antes de volver a Roma se dio otra presentación con los economistas de ANEC, confrontándose siempre en participativos y abiertos debates sobre la crisis sistémica del capital, el imperialismo de USA y UE, el papel de los PIIGS y el brutal ataque contra el movimiento de los trabajadores.

En todas las presentaciones, conferencias, seminarios y debates en los que hemos participado como ponentes se ha hablado mucho y con variadas intervenciones del público de la situación en América Latina, del golpe en Paraguay o lo que ha depuesto Zelaya en Honduras, del violento ataque contra Maduro y el gobierno revolucionario boliviano en Venezuela y contra Cristina Fernández de Kirchner y su gobierno en Argentina. El terrorismo de Estado económico, militar y mediático fueron también posteriores fundamentos del debate llevado a cabo en las diversas sedes: un terrorismo que proviene de lo más alto y que intenta condicionar a los jóvenes y menos jóvenes en América Latina como en Europa con la guerra económica, financiera, social y la guerra imperialista librada por ejemplo en Libia, Ucrania, Siria y Oriente Medio. También se han evidenciado factores positivos, como las diversas formas y las dificultades objetivas de las transiciones al socialismo actual y el papel de ALBA en las complejas relaciones internacionales de hoy en día.

En todas las áreas de las intervenciones hemos puntualizado sobre el hecho de la imposibilidad de reforma del capitalismo, del imperialismo y por tanto del Europolo, y en consecuencia sobre el objetivo estratégico de las fuerzas de clase revolucionarias de trabajar políticamente en la ruptura de la Unión Europea imperialista, la propuesta de salir y de crear un ALBA mediterránea; es decir, modalidades y formas de internacionalismo proletario que a través de las luchas y momentos de conflicto de clase, inicialmente reivindicativos y de reforma estructural, exponen el problema del impago de la deuda pública y externa, el cual debe dejar de pesar en los salarios y derechos de los trabajadores y que puede resolverse con una nueva alianza de los pueblos, del mundo del trabajo, y del trabajo  negado, a través de nuevas formas solidarias, autodeterminantes y socio-eco-compatibles de producción y distribución de la riqueza social, con la nacionalización de los bancos y sectores estratégicos de la economía, con la salida del euro, de la UE y el rechazo de las políticas del Fondo Monetario Internacional, adoptando incluso una nueva moneda de compensación, con medidas económicas y sociales a favor de los propios trabajadores a través de principios de complementariedad y solidaridad contra las leyes del lucro y la explotación.

Nuestra delegación se reunió de forma oficial con el Comité Central del Partido Comunista, con dirigentes de alto nivel como Óscar Martínez Vice Jefe de Relaciones Internacionales, con los cuales se habló de la situación política internacional, con particular interés en la europea y la evolución positiva del proceso revolucionario cubano y las relaciones en América Latina.Los compañeros de relaciones internacionales del CCPCC nos dejaron bien claro que para el Partido y el Gobierno cubano el hecho de negociar o restablecer las relaciones con Usa no significa, por el momento, normalizar las relaciones, que es algo muy diverso y presupone los puntos irrenunciables para Cuba, a partir del respeto de la igualdad de confronte, como acabar con la Cuba llamada por los Estados “canalla terrorista”, el cierre de la base de Guantánamo restituyendo el territorio en Cuba, el reconocimiento y el pago por parte del gobierno de Usa por los daños económicos y sociales provocados por el mayor bloqueo genocida de la historia, y por tanto del completo y definitivo final de dicho bloqueo y de cualquier forma de condicionamiento e impedimento para las políticas comerciales y económico-productivas de Cuba, respetando plenamente su política internacional y de autodeterminación socialista elegida y decidida por el pueblo cubano.

Otra reunión extremadamente importante fue aquella con los dirigentes internacionales del sindicato de trabajadores cubanos CTC, con los cuales discutimos sobre la crisis de Europa, pero se habló también del  papel de la USB reconocido también por el reciente nombramiento de Paolo Leonardi como Secretario Internacional del FSM en la administración pública, se habló del papel y las perspectivas internacionales del sindicalismo conflictivo de clase en esta crisis económica y de los valores del capitalismo. Nos reunimos también con Roberto Verrier de Comercio Exterior que nos explicó la mejora en estos últimos años de las relaciones de Cuba in primis obviamente con los países de ALBA y también con Rusia, China, Irán, Irak, y Siria; nos habló del trabajo de investigación que Cuba está llevando a cabo en el ámbito de recursos renovables. En este sentido, es reconfortable saber cómo Fidel Castro, con 89 años, además de continuar estudiando y escribiendo libros, se ocupa intensamente de su huerto, experimentando con cultivos que puedan dan lugar a una nueva agricultura de mejor sostenibilidad socio-ambiental para mejorar los equilibrios y el destino de toda la humanidad con una verdadera justicia productiva, económica, distributiva contra las dramáticas leyes de la explotación del hombre y de la naturaleza.

Nos reunimos después con un querido amigo, gran poeta y escritor, Miguel Barnet en la sede de UNEAC y con tantos otros intelectuales militantes cubanos y no cubanos (como Luis Britto, Stella Calloni, Gianni Vattimo, Isabel Monal con la cual presentamos el libro de Gramsci en América Latina, editado por la edición de la Red de los Comunistas) en el ámbito de una gran actividad llevada a cabo con la Red en Defensa de la Humanidad, que tiene un papel importante con el Capítulo italiano y ve entre sus participantes más activos y promotores a la Red de los Comunistas, Radio Città aperta, Cestes, la casa editorial Natura Avventura, Nuestra América, etc. Actividad en la cual se ha discutido mucho y con serias propuestas sobre el futuro internacional de la Red y de cómo luchar  de forma más activa, eficaz y militante contra el capitalismo, oponerse a la barbarie del imperialismo y del terrorismo mediático cotidiano.

De La Habana a Pinar del Río donde llevamos a cabo conferencias y reuniones con los responsables locales de la Administración del Partido Comunista, del Sindicato, del ICAP y con muchos profesores y estudiantes de la Universidad, además nos reunimos con el Rector y contribuimos a renovar, como ya había sucedido con la Universidad de La Habana protocolos ejecutivos y acuerdos culturales en interés de la amistad entre los pueblos.

Por último, pero sin duda una de las actividades principales se dieron muchos encuentros con compañeros del Comité Internacional libertad para los 5, brillantemente dirigido por la insustituible y activa revolucionaria, la presidenta Graciela Ramírez, que junto a los compañeros de la Misión de Puerto Rico nos hablaron de cómo evitar la pérdida del gran patrimonio de luchas e ideas del propio comité, relanzando una intensa actividad a partir de la batalla por la liberación de Óscar López Rivera, líder del anticolonialismo de Puerto Rico, que se encuentra detenido desde hace más de 34 años en cárceles estadounidenses por delitos de opinión.

Por tanto, la lucha por la Libertad debe continuar, por todos los prisioneros políticos, por los curdos y palestinos, los vascos, para sacar adelante los ideales de la Revolución Cubana, para defender la revolución bolivariana , ALBA, Telesur y nuestra pequeña pero importante Radio Cittá aperta y la información alternativa. La lucha todavía debe continuar para defender la autodeterminación de los pueblos, para el mundo del trabajo y del trabajo negado y para combatir el uso del racismo como instrumento politico, como en Italia hacen los fascistas y la Liga norte, que son instrumento de un bárbaro neocolonialismo al que todos nos oponemos firmemente con la solidaridad internacionalista de clase.

En las varias ocasiones de reuniones y debates hemos estado siempre acompañados por Abel Pietro, Ministro hace dos años de la Cultura y actual Asesor de Raúl Castro, papel que en Cuba significa primer colaborador del Presidente, también estuvieron siempre presentes Kenya Serrano y Fernando Rojas (Vice-Ministro de la cultura); les damos las gracias a ellos, a los Embajadores de Cuba en el Estado italiano y en la Santa Sede, al Gobierno cubano, al Partido Comunista y al pueblo cubano por su gran hospitalidad y por atención que recibimos.

Con nuestras organizaciones políticas, sindicales, culturales de referencia os apoyaremos con todo el corazón y la fuerza revolucionaria, porqué la Revolución es un profundo acto de amor, y como dice nuestro hermano Abel Prieto precisamente por esto “¡¡La victoria es inevitable!!”   

 Report di Rita Martufi e Luciano Vasapollo di ritorno da Cuba

 La nostra delegazione del Centro Studi CESTES della USB e della rivista e associazione Nuestra America, formata da  Rita Martufi e Luciano Vasapollo,  si è recata nella seconda metà di  febbraio per 15 giorni in visita ufficiale a Cuba, invitati ufficialmente  dall’ICAP, l’Istituto Cubano di Amicizia dei Popoli, e dal Ministero della Cultura, svolgendo anche attività in qualità di coordinatori del Capitolo italiano della rete in Difesa dell’Umanità. Vari sono stati i seminari tenuti, le conferenze, le presentazioni di libri, i dibattiti e gli incontri , anche di natura direttamente politica che abbiamo avuto in rappresentanza della direzione della Rete dei Comunisti.

Siamo arrivati a Cuba in un  clima di festa politica  che in questi giorni coinvolge l’intera società , tanto il Governo e il Partito Comunista quanto il popolo cubano, per il ritorno a casa dei 5 Eroi, rivoluzionari, combattenti antiterroristi in difesa dell’umanità.  In occidente a tal riguardo con la solita visione distorta eurocentrica si è molto parlato molto e a sproposito di un nuovo definitivo avvicinamento fra Usa e Cuba dopo oltre cinquanta anni, ma i cubani sanno bene di dover rimanere con “i piedi a terra” e di stare solo all’ inizio di una serie di trattative per la fine del  blocco e la vera e concreta normalizzazione delle relazioni diplomatiche.

Il ritorno dei 5 eroi combattenti , e nello specifico dei 3 che erano ancora in carcere, ha rappresentato per Cuba una vittoria politica contro l’imperialismo, e un segnale tangibile e concretamente positivo della grande solidarietà internazionale espressa dai comitati nazionali per la libertà dei 5 , nati in tutto il mondo per difendere la causa rivoluzionaria, insieme all’incessante attività svolta dalle organizzazioni politiche comuniste sinceramente rivoluzionarie e dalle organizzazioni sindacali conflittuali di classe, come in Italia l’USB, la Rete dei Comunisti, il Capitolo italiano della rete in Difesa dell’Umanità (REDH) e l’FSM, dai tanti compagni  delle tante associazioni per esempio in Italia come la Villetta, Italia-Cuba.ecc ,e anche delle migliaia di compagnie cittadini democratici e progressisti che anche  singolarmente si sono mostrati vicini e partecipi di questa causa politica e umanitaria che ha visto la partecipazione attiva anche di molti religiosi ed uomini di cultura.

Raul Castro ha recentemente conferito a tutti i cinque la massima onorificenza della repubblica di Cuba, la medaglia d’oro come Eroi della Rivoluzione.

La prima attività della delegazione durante questi giorni è stato l’incontro conl’ICap e in particolare con la infaticabile combattente Kenya Cerrano, giovanissima Ministro e Presidente dell’ICAP, a cui ha partecipato anche Padre Tarzia, direttore per tanti anni di Famiglia Cristiana e ora della rivista Jesus, e precedentemente anche direttore delle Edizioni Paoline.  I primi giorni la visita della nostra delegazione si è svolta anche con la sua presenza in particolare nelle attività con e per i 5, anche perché l ‘aiuto che ci ha dato in questi anni per la campagna di liberazione è stato molto importante. Con lui siamo riusciti a coinvolgere nella causa ampi e diversificati settori sella società civile,  cattolici di base e tanti religiosi, con una loro forte attenzione, arrivando a parlare dopo molte parrocchie finanche in Udienza dal Papa, prima da Benedetto XVI e poi da Papa Francesco, ai quali con lettere a firma del Prof. Vasapollo e scambiando alcune idee e opinioni al riguardo, è stata chiesta una particolare attenzione da parte loro in un alto senso di giustizia umanitaria per il dramma e la profonda ingiustizia patita dai nostri 5 fratelli e per le relative sofferenze che da anni hanno sempre colpito loro e le rispettive famiglie.

Una grande festa è stato l’incontro privato direttamente con i 5 all’ICAP, e poter vivere con loro indimenticabili forti emozioni e quella “umanità” di cui hanno sempre parlato in senso rivoluzionario Che Guevara, José Marti e Antonio Gramsci…cioè della Rivoluzione come profondo atto di amore, di quell’ “Essere duri senza perdere la tenerezza”, come appunto diceva Che Guevara.

Gerardo facendoci vedere la foto della figlia, ci ha raccontato come ogni mattina appena sveglio il suo primo pensiero sia quello di andare dalla piccola Gema, guardarla e fotografarla, dato che fino a due mesi fa a causa della condanna a due ergastoli e quindici anni di duro , infame carcere che gli era stata ingiustamente comminata, non avrebbe mai immaginato di poter vivere una gioia così grande. Inoltre, lui come gli altri quattro compagni, ci hanno ripetutamente ringraziato per la vicinanza e le lotte portate avanti in tutti questi anni per  la loro liberazione, come noi abbiamo ringraziato prima di tutto loro per la grande prova di forza, dignità e coraggio che hanno fornito a tutti i rivoluzionari e al mondo, pagando il “prezzo” di voler portare avanti la Rivoluzione Cubana, il Socialismo e la libertà del loro popolo e  per difendere  l’intera umanità dai crimini del terrorismo di Stato.

Anche alla come sempre bellissima e partecipatissima Fiera del Libro siamo stati insieme ai 5 e ai loro familiari, e con nostra grande emozione in questa come in altre occasioni essi ci hanno coinvolto e trattato come la loro “grande famiglia”.

  A Cuba la Fiera internazionale del Libro è un evento importantissimo culturale e sociale annuale, siamo alla ventiquattresima edizione , che inizia  sempre all’ Avana e prosegue per diversi giorni a Pinar del Rio, Santiago e nel resto dell’isola, dove sono presenti delegazioni di oltre cento paesi e case editrici da tutto il mondo, compresi gli USA, e vengono venduti milioni  di libri a prezzi minimi.

Abbiamo incontrato grandi intellettuali di livello internazionale anche nelle intense attività che abbiamo svolto alla Fiera del Libro insieme al Ministro della Cultura  e all’instancabile e preziosissima compagna Zuleica, Presidente dell’Istituto Cubano del Libro e responsabile della Fiera.

Alla Fiera del Libro la nostra delegazione ha presentato il nostro libro PIIGS – IL RISVEGLIO DEI MAIALI, pubblicato per la prima volta in Italia dall’editore Jaca Book nel 2011 e già tradotto in greco, spagnolo e in portoghese, e ora riedito in una nuova edizione in lingua spagnola dalla casa editrice cubana Nuovo Millennio.

Il libro è stato presentato anche alla sede del sindacato CTC, con i compagni delle relazioni internazionali del Comitato centrale del Partito Comunista di Cuba, alle Università dell’Havana e di Pinar del Rio, e poco prima di ripartire per Roma c’è stata un’altra presentazione con gli economisti dell’ANEC, confrontandosi sempre in partecipati e aperti dibattiti sulla crisi sistemica del capitale,  l’imperialismo USA e UE, il ruolo dei PIIGS e sull’attacco brutale contro il movimento dei lavoratori.

Si è anche parlato in tutte le presentazioni, conferenze, seminari e dibattiti ai quali abbiamo partecipato come relatori, molto e con molti interventi dal pubblico della situazione in America Latina, del golpe in Paraguay o di quello che in Honduras ha deposto Zelaya, dell’attacco violentissimo contro Maduro e il governo rivoluzionario bolivariano in Venezuela  e contro Cristina Fernández de Kirchner e il suo governo in Argentina. Il terrorismo di Stato economico e quello militare e massmediatico sono stati ulteriori cardini del dibattito tenuto nelle diverse sedi; appunto , terrorismo che viene dall’alto e che cerca di condizionare i giovani e i meno giovani in America Latina come in Europa con la guerra economica, finanziaria, sociale e la guerra imperialista guerreggiata i come ad esempio n Libia, Ucraina, Siria, Medio Oriente. Sono stati poi evidenziati fattori positivi, come le modalità differenti e le oggettive difficoltà delle transizioni al socialismo in atto e il ruolo dell’ALBA nelle relazioni complesse internazionali di oggi.

E in tutti gli ambiti di intervento abbiamo con chiarezza posto l’attenzione  sull’irriformabilità del capitalismo, dell’ imperialismo e quindi dell’Europolo, e di conseguenza sull’obiettivo strategico per le forze di classe e rivoluzionarie di lavorare politicamente sulla rottura dell’Unione Europea imperialista, la proposta di uscirne e di creare un’ALBA Mediterranea; cioè modalità e  forme di internazionalismo proletario che attraverso le lotte e momenti di deciso conflitto di  classe, anche inizialmente rivendicativi e di riformismo strutturale, ponga il problema del non pagamento del  debito pubblico ed estero, che non può più pesare sui salari e i diritti dei  lavoratori e che può risolversi con una nuova alleanza dei popoli, del mondo del lavoro e del lavoro negato, attraverso nuove forme solidali , autodeterminate e socio-eco-compatibili di produzione e distribuzione della ricchezza sociale, con le nazionalizzazioni delle banche e dei settori strategici dell’economia, con l’uscita dall’euro, dalla UE e il rifiuto delle politiche del Fondo Monetario Internazionale, adottando anche una nuova moneta di compensazione, con misure economiche e sociali a favore dei lavoratori stessi attraverso principi di complementarietà e solidarietà contro le leggi del profitto e dello sfruttamento.

La nostra delegazione ha anche avuto incontri ufficiali con il Comitato Centrale del Partito Comunista, con dirigenti di alto livello a partire da Oscar martinez Vice Jefe delle Relazioni Internazionali, con i quali si è parlato della situazione politica internazionale, con particolare attenzione a quella europea e agli sviluppi positivi del processo rivoluzionario cubano e le relazioni in America Latina.

 I compagni delle relazioni internazionali del CCPCC , ci hanno ben evidenziato come per il Partito e il Governo cubano sia ben chiaro che  rinegoziare o ristabilire rapporti con gli Usa non significa al momento assolutamente normalizzare le relazioni , che è cosa ben diversa e presuppone i punti irrinunciabili per Cuba , a partire dal rispetto della parità nel confronto , dalla cancellazione di Cuba dai cosiddetti Stati “ canaglia terroristi”, la chiusura della base di Guantanamo restituendo il territorio a Cuba, il riconoscimento e pagamento da parte del governo Usa dei danni economici e sociali provocati dal più lungo blocco genocida della storia, e quindi dalla completa e definitiva fine del blocco  e di chiusura di ogni forma di condizionamento e impedimento alle politiche commerciali ed economico-produttive di Cuba, nel pieno rispetto della sua politica internazionale e dell’autodeterminazione socialista scelta e decisa dal popolo cubano.

Un altro incontro estremamente importante è stato quello con i dirigenti  internazionali del sindacato dei lavoratori cubani CTC ,con i quali si è ancora discusso della crisi, dell’Europa, ma si è anche parlato dell’importante ruolo della USB riconosciuto anche con la recente nomina di Paolo Leonardi come Segretario Internazionale per l’FSM nell’impiego pubblico, e si è parlato del ruolo e delle prospettive internazionali del sindacalismo conflittuale di classe in questa crisi economica e di valori del capitalismo.

Abbiamo anche incontrato Roberto Verrier del Commercio Estero che ci ha spiegato il miglioramento in questi ultimi anni delle relazioni di Cuba in primis ovviamente con i paesi dell’ALBA, ma anche con la Russia, la Cina, l’Iran, l’Iraq, la Siria; e ci ha parlato del lavoro di ricerca che Cuba sta portando avanti in ambito di risorse rinnovabili. A tal riguardo è stato bello sapere come Fidel Castro, a 89 anni, oltre a continuare a studiare e scrivere libri ,si occupi intensamente del suo orto, sperimentando colture che possono originare una nuova agricoltura a migliore sostenibilità socio-ambientale  per migliorare gli equilibri e le sorti per l’intera umanità in una vera giustizia produttiva, economica , distributiva contro le drammatiche leggi dello sfruttamento dell’uomo e della natura tutta..

Abbiamo poi incontrato il caro amico, grandissimo poeta e scrittore Miguel Barnet alla sede dell’UNEAC, e tantissimi intellettuali militanti cubani e non ( come Luis Britto, Stella Calloni, Gianni Vattimo, Isabel Monal con la quale abbiamo presentato il libro su Gramsci in America Latina, curato per l’edizione dalla Rete dei Comunisti)  nell’ambito di una grande attività svolta con la Rete in Difesa dell’Umanità, che ha un ruolo importante anche con il Capitolo italiano e vede tra i suoi più attivi partecipanti e promotori  la Rete dei Comunisti, Radio Città Aperta, il Cestes, la casa editrice Natura Avventura, Nuestra America etc.; attività in cui si è discusso molto e con serie proposte per il futuro internazionale della Rete e sul modo di lottare in maniera sempre più attiva, efficace e militante al capitalismo, alla barbarie dell’ imperialismo a partire dal saper contrapporsi e al terrorismo massmediatico quotidiano.

Dall’Avana a  Pinar del Rio dove abbiamo tenuto conferenze ed  incontri con i responsabili locali dell’Amministrazione,del Partito Comunista, del Sindacato, dell’ICAP e con molti professori e studenti dell’Università, inoltre abbiamo avuto incontri col Rettore e contribuito a rinnovare, così come era avvenuto  con l’ Università dell’Avana protocolli esecutivi e accordi culturali, nell’interesse dell’amicizia fra i popoli.

Per ultimo , ma sicuramente fra le attività principali  ci sono stati molti incontri con i compagni  del Comitato internazionale libertà per i 5 ,  egregiamente diretto dall’insostituibele e attivissima  rivoluzionaria la presidente Graciela Ramirez, ed insieme  ai compagni della Missione del Portorico ci hanno parlato  di come non disperdere il grande patrimonio di lotte e di idee del comitato stesso , rilanciando una intensa attività a partire dalla battaglia per la liberazione di Oscar Lopez Rivera, leader dell’anticolonialismo del Portorico, che da 34 anni è detenuto nelle carceri statunitensi per reati d’opinione.

La lotta per la Libertà deve quindi continuare, per tutti i prigionieri politici, per i curdi, i palestinesi, i baschi, per portare avanti gli ideali della Rivoluzione Cubana, per difendere la rivoluziona bolivariana, l’ALBA, Telesur e la nostra piccola ma importante Radio Città Aperta e l’informazione alternativa. E ancora la lotta deve continuare per difendere l’autodeterminazione dei popoli, per il mondo del lavoro e del lavoro negato e  per combattere chi strumentalizza i problemi della gente per porli in chiave razzista, come i fascisti e i leghisti nostrani che sono strumento di un barbaro neocolonialismo a cui tutti ci opponiamo fermamente con la solidarietà internazionalista di classe.

Nelle varie occasioni di incontri e dibattiti siamo sempre stati accompagnati da Abel Prieto, fino a due anni fa Ministro della Cultura e ora Assessore di Raul Castro, ruolo che a Cuba significa primo collaboratore del Presidente, sempre presenti sono stati anche Kenya Serrano e Fernando Rojas (Vice-Ministro della Cultura); ringraziamo loro, il governo cubano , il partito e il popolo cubano per la grande accoglienza e attenzioni che abbiamo ricevuto.

 Con le nostre organizzazioni politiche , sindacali , culturali di riferimento vi saremo vicini  con tutto il cuore e la forza rivoluzionaria ,perché la Rivoluzione è un profondo atto di amore, e come dice il nostro fratello Abel Prieto proprio per questo quindi “La vittoria è inevitabile”.

 

Di seguito alcune foto di incontri e di attività politiche, culturali e sindacali tenute a Cuba da Martufi e Vasapollo nel mese di febbraio 2015

 

 

 

Proponen crear una ALBA en países del sur de Euro
La Habana, 20 feb (PL) El coordinador de la Red en Defensa de la Humanidad en Italia, Luciano Vasapollo, afirmó hoy aquí que los países del sur europeo e Irlanda necesitan crear una asociación similar al ALBA para encarar el neoliberalismo.
En entrevista con Prensa Latina, Vasapollo sostuvo que la Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América (ALBA) es un modelo en el que pueden inspirarse Grecia, Italia, España y Portugal e Irlanda.
Estas son las naciones más afectadas en Europa por la crisis económica internacional,apuntó.
Cuando hablamos de construir un ALBA mediterránea -dijo-, significa crear las condiciones donde la toma de decisiones sea democrática, representativa, de base, popular y participativa.
Y también donde exista un área de intercambio solidario entre los países del sur europeo y el norte de África.
A juicio del también profesor de la universidad italiana La Sapienza, y de la de La Habana, la actual crisis es sistémica, del modo de producción capitalista.
Su solución no está en cambiar algunos elementos del sistema, sino este totalmente.
Recordó que la debacle de la deuda soberana de la Eurozona se desató por Grecia, con una ola de pánico que se ha traducido en exigencias políticas radicales de disciplina fiscal por sus acreedores.
A continuación condenó la postura de la Troika ( el Banco Central Europeo, la Comisión Europea y el Fondo Monetario Internacional ), de querer imponer al país helénico más recortes y austeridad en detrimento del nivel de vida de la población.
El coordinador de la Red en Defensa de la Humanidad de Italia, señaló que buscan actualmente crear un frente de resistencia y oposición al capitalismo.
En el sur de Europa- explicó- no tenemos relación de fuerza y por ello proponemos una unión de base amplia, que agrupe a desempleados, inmigrantes, clase media pobre.
El objetivo es crear trabajo, una justa redistribución de la riqueza y forjar un futuro para los desamparados.
Es una lucha que desarrollamos con la participación de los movimientos sociales y organizaciones sindicales, recalcó.
Vasapollo en esta ocasión se encuentra aquí como invitado de la Feria Internacional del Libro Cuba 2015, y del Ministerio de cultura y el Instituto Cubano de Amistad con los Pueblos (ICAP).
Está acompañado en esta visita por su esposa Rita Martufi, dirigente del Centro de Estudios de la Unión Sindical de Base, de Italia.

Roberto Salomon
(Tratto da Prensa Latina)

Intelectual italiano critica colonialismo en interior de Europa     
 

intelectual marxista italiano Luciano VasapolloLa Habana, 24 feb (PL) Actualmente Alemania y otros países ricos del norte de Europa aplican una política colonialista hacia el interior de ese continente, criticó hoy aquí el intelectual marxista italiano Luciano Vasapollo, profesor de la universidad La Sapienza.
Este impartió en la Asociación Nacional de Economistas y Contadores de Cuba ( ANEC) la conferencia Crisis global y alternativa al capitalismo, en la que sostuvo que los países del sur de esa zona (España, Portugal, Grecia e Italia) son víctimas de esa práctica.

A juicio de Vasapollo, Alemania, en su competencia con Estados Unidos por la hegemonía económica global como polos imperialistas, necesita exportar sus productos a las naciones del mediterráneo- las de menor desarrollo en ese continente-, a las que busca tener en una relación de dependencia.

El también coordinador en Italia de la Red en Defensa de la Humanidad, elogió el ejemplo de Grecia, que se ha opuesto a la política de austeridad establecida por la Troika (el Banco Central Europeo, la Comisión Europea y el Fondo Monetario Internacional), como condición para solucionar la deuda pública.

Ese país y los restantes de la zona mediterránea e Irlanda representan los estados afectados por la crisis en un grado mucho más sensible que los demás integrantes de la comunidad europea.

El encuentro fue momento oportuno para presentar el libro El despertar de los cerdos, escrito por Vasapollo, su esposa Rita Martufi y Joaquin Arriola, y que ofrece un análisis crítico y profundo de la realidad económica en ese grupo de naciones.

De acuerdo con sus autores, las letras iniciales de Portugal, Irlanda, Italia, Grecia y España (Spain en inglés) forman la sigla PIIGS, la cual se pronuncia igual que pigs, término que en ese idioma significa cerdo.

Por denigrante que esto pueda ser -se señala en el libro-, es así como llama a este grupo de naciones el resto de los integrantes de la Unión europea (UE), dirigida por países tan desarrollados como Alemania, Gran Bretaña y Francia.

Los autores proponen que los países del sur de Europa e Irlanda se unan para forma una asociación similar a la que se creó al otro lado del Atlántico: la Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América (ALBA), y que sin salirse de la UE adopten una moneda única.

El presidente de la ANEC, Oscar Luis Hung, señaló la importancia del conocimiento de esta obra.

Por su parte, el viceministro de cultura Fernando Rojas, elogió la labor intelectual de Vasapollo y su consecuente amistad con esta isla y de respaldo a la lucha que se libró por la liberación de los cinco antiterroristas cubanos que estuvieron presos en cárceles de Estados Unidos.

mem/rs
Presentan disco de poemas musicalizados de Antonio Guerrero   
 

La Habana, 13 de feb (PL) Indefinidas Confesiones es el título del CD de poemas musicalizados del Héroe de la República de Cuba Antonio Guerrero, presentado hoy aquí durante la primera jornada de la 24 Feria Internacional del Libro (FIL). (PLRadio)
Augusto Blanca, Vicente Feliú y Pepe Ordás, destacados intérpretes de la trova cubana, dieron voz a los poemas de Guerrero recopilados en un álbum producido por Bis Music.

Según el Héroe, escribir poesía fue el arma que le permitió escapar del injusto encierro al que fue sometido por 16 años junto a sus hermanos de causa antiterrorista René González, Gerardo Hernández, Ramón Labañino y Fernando González.

A propósito de la celebración este 14 de febrero del Día de los Enamorados, Guerrero instó a los cubanos a con amor seguir construyendo una Cuba mejor, "donde logremos tener cosas tan hermosas como este disco".

En la ocasión, Antonio Tarzia y Luciano Vasapollo, miembros del Movimiento de Solidaridad con Cuba en Italia, entregaran a Guerrero una medalla del capítulo italiano de la Red en Defensa de la Humanidad y una fotografía en la que se veían dándole al papa Francisco una carta en la que abogaban por la liberación de Los Cinco.

La edición 24 de la feria de La Habana se desarrollará hasta el día 22 en su habitual sede el Complejo Histórico Militar Morro-Cabaña y luego comenzará un periplo por todo el territorio nacional que terminará en abril.

Considerada el acontecimiento más trascendental del movimiento editorial cubano, la FIL se consolida anualmente como el mejor espacio para el reencuentro e intercambio de experiencias entre entidades vinculadas al mundo de las publicaciones: autores, editores, periodistas y otros actores de la industria del libro.

jf/mfg

Di seguito alcuni articoli dei giornali cubani sulla visita della delegazione composta da Rita Martufi e Luciano Vasapollo::

Il risveglio dei maiali
Presentato ne La Cabaña il libro “El despertar de los cerdos” di Luciano Vasapollo, Rita Martufi e Joaquin Arriola.

L’edizione in spagnolo di questo testo d’economia è stata presentata nella Fortezza de La Cabaña, nell’ambito della 24ª Fiera Internazionale del Libro dagli autori e da Abel Prieto, assessore del presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri di Cuba.
“Dedicato al compagno Fidel Castro Ruz nel suo 88º compleanno, per una vita di battaglia in difesa dell’umanità”, si legge in apertura di questo libro che in quattro capitoli presenta una diagnosi sull’attuale situazione economica e sociale che vivono i cosiddetti “PIIGS” – Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna- elaborando come progetto una presa di coscienza dei popoli di questa “periferia europea” che devono lottare contro coloro che hanno provocato la crisi attuale del sistema, con un tremando risultato di disoccupazione e penuria, il più violento dal tempo della grande depressione del 1929-1930, con conseguenze maggiori dell’epoca, legate alla crisi ecologica.
Joaquin Arriola è professore titolare di Economia Politica nell’Università dei Paesi Baschi; Rita Martufi è investigatrice socio-economica e membro del Comitato Scientifico di Studi CESTES, direttrice di redazione delle riviste Proteo e Nuestra America, svolge molti altri impegni da dirigente nel settore.
Luciano Vasapollo è molto noto a Cuba da diversi anni: professore di Metodi di Analisi dei Sistemi Economici e di Analisi Economica e Problemi dello Sviluppo dell’Università La Sapienza di Roma, ha ricevuto molteplici decorazioni in Cuba e titoli onorifici, ed ha vinto nel 2006 il concorso internazionale di saggio “Pensare contro corrente”.
Molto impegnato socialmente in difesa dell giuste cause, è coordinatore del Capitolo Italiano della Rete delle Reti degli Intellettuali e degli Artisti in Difesa dell’Umanità e vice presidente del Comitato Italiano Giustizia per i Cinque.
È autore di 55 libri tradotti in varie lingue e sta partecipando alla 24ª Fiera Internazionale del Libro con una ricca agenda di scambi e di incontri ai più alti livelli, nei ministeri della Cultura, degli Esteri, dell’Economia.
Ha incontrato il Rettore dell’Università de L’Avana, la presidentessa dell’Istituto del Libro, quella dell’ICAP, ed ha incontrato, con Rita Martufi e padre Antonio Tarzia, i Cinque Eroi cubani in varie occasioni.
In una particolare, la presentazione del CD di poesie in musica scritte da Antonio Guerrero (nel primo giorno della Fiera del Libro), uno dei Cinque Eroi antiterroristi di Cuba, intitolato “Indefinitas confesiones” a proposito del quale Tony ha detto che la poesia è stata l’arma che gli ha permesso “di scappare” dal tormento dell’ingiusta reclusione durata 16 anni, Luciano Vasapollo e Padre Antonio Tarzia, hanno consegnato ad Antonio una medaglia del Capitolo Italiano della Rete delle Reti in Difesa dell’Umanità e una foto che li ritrae mentre consegnano a Papa Francisco una lettera nella quale chiedevano la liberazione dei Cinque. Precedentemente avevano consegnato una missiva anche al Papa Benedetto.
Padre Tarzia e Vasapollo avevano realizzato tra anni fa, il libro “Una settimana in Cuba”, che ha contribuito a far conoscere in Italia la realtà di Cuba e le sue battaglie.
Padre Tarzia, fondatore e direttore da 30 anni della rivista Jesús ed editore di altre pubblicazioni del Vaticano, è un grande amico di Cuba e condivide le cause che l’Isola difende. Alcuni anni ha avuto l’onore d’essere ricevuto da Fidel Castro.
Luciano Vasapollo, che è Delegato del Rettore dell’Università della Sapienza per le relazioni con i paesi dell’ALBA, durante il suo soggiorno cubano andrà anche a Pinár del Río per realizzare altre attività culturali. Al termine della sua intensa visita in Cuba, ci rilascerà un’intervista che pubblicheremo nell’edizione cartacea del mese di marzo di Granma Internacional in italiano.

Gioia Minuti
(Tratto da Granma http://it.granma.cu/cultura/2015-02-19/il-risveglio-dei-maiali)

Proposta di creare un' ALBA nei paesi del Sud dell'Euro
La Habana, 20 feb (PL). Il coordinatore della Rete in Difesa dell'Umanità -Italia. Luciano Vasapollo, ha affermato che i paesi del Sud d'europa hanno necessità di creare una associazione simile a quella dell'ALBA per combattere il neoliberalismo
 Nell'intervista a Prensa Latina  Vasapollo ha sostenuto che l'ALBA è un modello al quale si possono ispirare Grecia, Italia, España y Portugal e Irlanda.
Questi sono i paesi più colpiti dalla crisi internazionale.
Ha detto che quando si parla di costruire un'ALBA mediterranea si intendono creare le condizioni per cui le decisioni vengano prese in modo democratico, rappresentativo, di base  popolare e partecipativo e dove esista una area di scambi solidali fra paesi dell'area mediterranea e il nord dell'Africa.
Secondo il professore delle Università Sapienza e dell'Havana, la cirsi attuale è siste4mica del modo di produzione capitalista.la soluzione non è cambiare alcuni elementi nel sistema ma cambiarlo totalmente.
Ha ricordato che il crollo del debito sovrano dell'Eurozona è stato innescato in Grecia, con un'ondata di panico che ha portato a richieste politiche radicali di disciplina fiscale da parte dei creditori.
Poi ha condannato la posizione della Troika (Banca centrale europea, Commissione europea e Fondo monetario internazionale), di voler imporre tagli e l'austerità della nazione greca a scapito degli standard di vita della popolazione.
Il coordinatore della Rete in Difesa dell'Umanità Italia, ha osservato che attualmente si sta cercando di creare un fronte di resistenza e di opposizione al capitalismo. Nell'Europa del Sud nale non hanno spiegato rapporto di forza e quindi proporre una larga base, che riunisce i disoccupati, gli immigrati, povera classe media congiunta.
L'obiettivo è quello di creare posti di lavoro, un'equa ridistribuzione della ricchezza e di costruire un futuro per i senzatetto.
È una lotta che abbiamo sviluppato con la partecipazione dei movimenti sociali e dei sindacati, ha detto.
Vasapollo questa volta è qui come ospite della Fiera Internazionale del Libro Cuba 2015, il Ministero della Cultura e l'Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP).
Egli è accompagnato in questa visita da  Rita Martufi, direttore del Centro per lo Studio del sindacato di base, l'Italia.

Roberto Salomon
(Tratto da Prensa Latina)

Uscire dal fosso e buttar via il rospo dal cuore. Vasapollo e Martufi hanno presentato tre loro libri a Cuba

Oggi, in America Latina e nei Caraibi le popolazioni lottano per quegli stessi ideali che condivideva Gramsci, per quella Patria Grande per cui molti eroi diedero la vita – nel Venezuela che era diventato epicentro di una rivoluzione abortita nel XIX secolo...

 

Luciano Vasapollo è un personaggio a Cuba, dove nel suo ultimo viaggio in occasione della 24ª Fiera Internazionale del Libro, Cuba 2015, ha incontrato molti dirigenti cubani in un soggiorno molto faticoso per gli innumerevoli incontri, appuntamenti e conferenze offerte, ma molto proficuo per gli scambi e i progetti culturali.

La sua visita, sempre con l’assistenza di un alto funzionario dell’ICAP, Roberto Rodríguez, è terminata con la presentazione, al di fuori della Fiera del Libro, del testo di economia “El despertar de los Cerdos”(i PIIGS) nella sede della ANEC, l’associazione degli economisti di Cuba, accompagnato dal vice ministro di Cultura Fernando Rojas e dal presidente della ANEC, Oscar Luis Hung. Pochi giorni prima, nella Casa Memoriale Salvador Allende, Luciano Vasapollo e la cubana Isabel Monal, professori universitari e prestigiosi investigatori della filosofia marxista-leninista, che collaborano in questo campo da venticinque anni almeno, hanno parlato ad un nutrito gruppo di interessati al tema della necessità d’interpretare e valutare correttamente gli apporti di Gramsci allo studio dei processi per l’emancipazione del continente americano.

“Uscire dal fosso e buttar via il rospo dal cuore”, è una frase di Antonio Gramsci, amata da Luciano Vasapollo che ha scritto un libro che raccoglie importanti investigazioni sul grande anti fascista italiano, intitolato “Gramsci in America Latina”, che verrà presto tradotto e stampato anche a Cuba, come ha confermato la presidentessa dell’Istituto Cubano del Libro, Zuleika Romay.

L’analisi sull’attualità del pensiero di Antonio Gramsci è servita per spiegare chi fu il dirigente del Partito Comunista Italiano negli anni 20 del secolo scorso, ucciso dal fascismo di Mussolini, sottolineando che lo studio dell’opera gramsciana è imprescindibile, soprattutto ora in America Latina, per contrarrestare il terrorismo mediatico fomentato dal potere dell’imperialismo, per sostenere il capitalismo.

Luciano Vasapollo ha indicato che la figura di Antonio Gramsci viene tergiversata nell’Europa di oggi, “e che nelle università di utilizza il suo pensiero per suggerire ai giovani che il comunismo non ha necessità d’essere rivoluzionario, che anzi dev’essere moderato, senza spiegare mai che il solo vero potere è l’egemonia culturale. “Gramsci ha interpretato il mondo di oggi novanta anni fa, con il suo studio dell’egemonia”, ha aggiunto, sostenendo che senza l’egemonia culturale non esiste nemmeno il socialismo.

La professoressa di filosofia Isabel Monal ha detto che in America Latina è presente una situazione di solidarietà tra governi, movimenti, partiti e tendenze, con progressisti di sinistra e rivoluzionari, e che grazie a questa integrazione l’America Latina è meno vulnerabile di fronte ai tentativi ripetuti di colonizzazione dell impero che realizza in questi tempi. “Per noi Gramsci è una grande fonte di ispirazione poiché è colui che si è battuto per la liberazione dell'Italia dal fascismo, per la costruzione di un partito politico, che purtroppo non esiste più.

Quanta acqua è passata sotto i ponti della Repubblica Italiana dopo il processo di liberazione dal dominio fascista e dall'occupazione nazista. Gramsci rimarrà per sempre un simbolo di quella resistenza fatta da esseri umani straordinari che hanno sacrificato la loro vita per la conquista di un ideale.

È imprescindibile oggi capire il processo di costruzione di una società basata sulla logica del lavoro che dovrà sostituire l'apparato egemonico del passato, per modificare, una volta per tutte, le relazioni sociali di produzione. Questa è la base per una società che si ispira al pensiero gramsciano.

Un pensatore e un attivista politico come Antonio Gramsci dev’essere considerato un interprete dell'epoca in cui ha vissuto, poiché non si può prescindere dalla sua opera se si vuole comprendere lo “spirito del suo tempo”. È bene che anche i più giovani leggano le opere di Gramsci poiché la sua eredità è ancora attuale.

L'opera, la vita e l'impegno di Gramsci sono la base attuale per la costruzione di una società nuova, una società socialista”, si legge nello scorrevole testo. Luciano Vasapollo ha anche annunciato che Isabel Monal e lui si dedicheranno alla stesura di un testo sul pensiero del peruviano José Carlos Mariátegui, un continuatore di Antonio Gramsci ed ha fatto la proposta di ufficializzare il 17 dicembre come Giorno della Liberazione Internazionale, dopo la scarcerazione dei Cinque e soprattutto per l’unità dei gruppi di solidarietà a favore della liberazione di tutti i prigionieri politici.

Padre Antonio Tarzia, un sacerdote impegnato nell’editoria, che ha accompagnato di nuovo, dopo tre anni, per alcuni giorni, il professor Luciano Vasapollo, noto economista e investigatore, nel suo viaggio a Cuba, durante la 24ª Fiera Internazionale del Libro, Cuba 2015 , e che era venuto a L’Avana in occasione della visita del Papa Benedetto XVI, ha detto in una conversazione a proposito della liberazione dei Cinque Eroi cubani che il Papa Francisco ha raccolto quel filo rosso che San Francesco nel suo tempo applicava.

“Questo Papa latinoamericano sta operando per sviluppare una nuova chiesa, ha preso a cuore la liberazione dei Cinque antiterroristi e desidera dare a Cuba un certo benessere; per questo ha partecipato alle trattative per ristabilire una normale relazione con gli Stati Uniti contro il blocco che sacrifica il popolo cubano”, ha sostenuto.

“Papa Francisco al quale Luciano ed abbiamo consegnato un messaggio a favore della liberazione di tre dei Cinque, che sono stati poi liberati il 17 dicembre, parlerà nel Congresso degli Stati Uniti ed io posso pensare che parlerà anche di Cuba” ha aggiunto.

Gioia Minuti, Granma Intern.

 

Intellettuale italiano ha criticato il colonialismo in Europa
 

 

Luciano Vasapollo, intellettuale marxista italiano, professore presso l'Università La Sapienza di Roma, ha detto che oggi la Germania e gli altri paesi ricchi del Nord Europa applicano una politica coloniale verso gli altri paesi europei.

 

Il professore ha tenuto all'Associazione Nazionale degli Economisti e Contabili di Cuba (ANEC) una conferenza sulla “Crisi globale e alternative al capitalismo”,  e ha dichiarato che i paesi del sud Europa (Spagna, Portogallo, Grecia e Italia) sono vittime di questa pratica .

Secondo Vasapollo, la Germania, in competizione con gli Stati Uniti per l'egemonia economica globale tra poli imperialisti, ha bisogno di esportare i propri prodotti alle nazioni del Mediterraneo meno sviluppate e cerca di avere con questi paesi un rapporto di  dipendenza.

Il coordinatore anche in Italia della Rete in Difesa dell'Umanità, ha elogiato l'esempio della Grecia, che si è opposta alla politica di austerità stabilita dalla Troika (Banca centrale europea, Commissione europea e Fondo monetario internazionale), come condizione per risolvere il debito pubblico.
Questo paese e il resto del bacino del Mediterraneo e l’Irlanda rappresentano i paesi colpiti dalla crisi in modo molto più grave rispetto agli altri membri della comunità europea.

L'incontro è stato anche occasione per presentare il libro “Il risveglio dei maiali”, scritto da Vasapollo, da Rita Martufi e Joaquin Arriola, e offrire un'analisi critica e approfondita della realtà economica di questo gruppo di  paesi.

Secondo gli autori, le lettere iniziali di Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna formano l'acronimo PIIGS, un termine che in lingua inglese significa maiale.

Questo acronimo è come chiamano questo gruppo di nazioni gli altri membri dell'Unione Europea (UE), guidati da paesi sviluppati come la Germania, la Gran Bretagna e la Francia.

Gli autori propongono che i paesi dell'Europa meridionale e l’Irlanda si uniscano per formare una associazione simile quella creata al di là dell'Atlantico: l'Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (ALBA), e di creare anche una diversa moneta unica.

Il Presidente ANEC, Oscar Luis Hung, ha sottolineato l'importanza di questo lavoro.

Da parte sua, il vice ministro della Cultura Fernando Rojas, ha elogiato il lavoro intellettuale di Vasapollo e la sua amicizia con questa isola e ha ricordato la lotta di Vasapollo e Martufi nella battaglia combattuta per la liberazione dei Cinque imprigionati nelle carceri statunitensi.

  mem/rs

 

 

E’ stato presentato un dvd  di poesie e musica di Antonio Guerrero

 

L'Avana, 13 feb (PL) Indefinite Confessioni è il titolo del CD con musica e  Poesie dell’Eroe della Repubblica di Cuba Antonio Guerrero, pubblicato oggi nel corso della prima giornata del 24 ° Fiera Internazionale del Libro (FIL). (PLRadio)
Augusto Blanca, Vicente Feliu e Pepe Ordás, interpreti eccezionali della TROVA cubana, hanno dato voce alle poesie di Guerrero compilate in un album prodotto da Bis Music.

 

Secondo l’Eroe , scrivere poesie era l'arma che gli ha permesso di sfuggire alla reclusione ingiusta alla quale è stato sottoposto per 16 anni con i suoi fratelli René González, Gerardo Hernández, Ramón Labañino e Fernando González che hanno lottato per una causa antiterrorista.

 

A proposito del 14 febbraio, giorno di  San Valentino, giorno degli innamorati, Guerrero ha esortato i cubani a continuare ad amare per costruire una Cuba migliore ", dove si realizzano cose tanto belle come questo album".

 

In questa occasione Antonio Tarzia e Luciano Vasapollo, membri del  Movimento di Solidarietà con Cuba in Italia, hanno dato  a Guerrero una medaglia del Capitolo italiano della Rete in Difesa dell’Umanità e una  fotografia nella quale si vedono mentre danno a Papa Francesco una carta nella quale chiedevano la libertà dei 5.

 

 jf/mfg

 

Venerdì 6 febbraio alle ore 17.00 prima iniziativa nella nuova sede della Rete dei Comunisti di Pisa: presentazione del libro di Jorge Giordani "Gramsci dall'Italia al Venezuela - Camminando nel Socialismo possibile. Dall'ALBA di Nuestra América all'ALBA mediterranea". Interverrà Luciano Vasapollo, curatore del libro insieme a Rita Martufi

Intervista realizzata insieme a Ángeles Maestro per parlare della situazione in Italia, Europa, grecia, il ruolo della NATO e l'attualità in America Latina
Angeles Mestro, portavoce di Red Roja, incontro realizzato a La Haine-Madrid alle 18:30 del 23 gennaio nella CAUM, luogo nel quale si è tenuta la presentazione del libro "El despertar de los cerdos", di Luciano Vasapollo.
L'economista marxista Luciano Vasapollo è anche membro della rete dei Comunisti e della USB. Insieme a Maestro si è realizzata questa intervista di attualità in relazione all'Europa e all'America Latina. di seguito è possibile ascoltare l'audio intervista
 
Entrevista realizada junto a Ángeles Maestro para valorar la situación en Italia, Europa, Grecia, el papel de la OTAN y la actualidad en América Latina.

Ángeles Maestro, portavoz de Red Roja, cita a La Haine-Madrid a las 18:30 de la tarde del pasado 23 de enero en el CAUM. En este local iba a tener lugar la presentación del libro "El despertar de los cerdos", de Luciano Vasapollo.

El economista marxista italiano Vasapollo es además miembro de Rete dei Comunisti y de Unidad Sindical de Base. Junto a Maestro realizamos la entrevista, donde tocamos los temas de actualidad relacionados con Europa y América Latina.

Audio. Entrevista a Luciano Vasapollo:

Texto completo en: http://www.lahaine.org/la-haine-entrevista-al-economista

 

 

 

 

Texto completo en: http://www.lahaine.org/la-haine-entrevista-al-economista

Oggi più che mai, l'umanità vive una condizione di assedio e aggressione tanto grave da mettere in pericolo l'esistenza della nostra specie. Il Pianeta stesso è arrivato al limite delle sue capacità di riproduzione della vita. Come aveva già affermato il Comandante Chávez nel suo discorso durante il Primo Incontro Mondiale della nostra Rete: “Esiste il cammino per la distruzione della vita e quello per la salvaguardia dell'umanità”.

            Il cammino della distruzione della vita e della specie umana viene seguito dal sistema capitalista mondiale, la cui crisi si è aggravata moltissimo in questi ultimi dieci anni. La mondializzazione neoliberista ha portato ad una ricerca selvaggia delle risorse naturali e strategiche attraverso la guerra, la militarizzazione delle società e delle economie, la violazione crescente e sistematica del diritto internazionale, e i crimini, le violenze, i sequestri, le torture e i massacri sono sotto gli occhi di tutti. Oggigiorno, il bilancio militare della principale potenza imperialista, gli Stati Uniti, supera quello del resto dei paesi. La repressione e la criminalizzazione a livello mondiale delle resistenze va a braccetto con una dittatura mediatica che vuole addormentare le coscienze, così da giustificare ogni brutalità.

            Nonostante questa voragine distruttrice scatenata dal capitale, le popolazioni hanno saputo resistere e costruire alternative contro le quali si scaglia il sistema di dominazione. Dobbiamo, oggi come ieri, continuare a portare avanti e moltiplicare la strategia offensiva in difesa dell'umanità, così come voleva Chávez.

            Durante l'ultimo decennio, in America Latina le popolazioni originarie e afro-discendenti, attraverso i loro movimenti e processi autonomi, hanno rafforzato la loro presenza politica e sono diventate importanti soggetti per la trasformazione sociale. Nonostante le politiche dei governi neoliberisti, le popolazioni latinoamericane stanno facendo resistenza contro il saccheggio dei loro territori, conoscenze, culture e biodiversità, portato avanti dalle multinazionali della morte, che altro non fanno che devastare l'ambiente naturale.

            In vari paesi della regione, i popoli hanno fatto grandi passi avanti nel cammino della democrazia che si concretizza con le vittorie elettorali dei governi anti-neoliberisti e con le tantissime forme di costruzione del potere popolare che sono state e sono ancora il fulcro dell'essenza di un nuovo tipo di democrazia partecipativa.

            In Venezuela, Bolivia ed Ecuador, le assemblee costituenti hanno espresso la volontà di stabilire Stati anti-oligarchici, basati sul potere e sulla sovranità del popolo e sul riconoscimento della diversità e di tutte le forme di inclusione sociale.

            Durante questi dieci anni, la nostra Rete è stata testimone di grandi vittorie continentali. Un momento storico per la regione è stato quando è stata cacciata l'ALCA” così come Chávez ha celebrato colloquialmente la sua morte nel 2005 a Mar del Plata, Argentina. Da questa nuova offensiva di emancipazione dei popoli, nascono, grazie ai paesi latinoamericani, l'ALBA, l'UNASUR, CELAC, PETROCARIBE e moltissimi accordi bilaterali che esercitano pienamente la sovranità e si tengono ben lontani dal giogo imperiale.

            In questo periodo, siamo stati testimoni di come si sia configurata, nei fatti, la visione geostrategica di Chávez: la nascita di un mondo multipolare che coincide con l'inizio della disfatta dell'egemonia statunitense. Ancora in formazione è il progetto Sud-Sud che difenderà e farà sviluppare la parte più indigente dell'umanità.

            Nonostante ciò, in questo decennio, l'imperialismo, capeggiato dagli Stati Uniti, ha intensificato la sua politica di guerra e di contro-insurrezione in ambito planetario. Il Presidente Obama, paradossalmente premiato con il Nobel per la Pace, ha raddoppiato la presenza e l'azione delle Forze Speciali del suo esercito in numerosi paesi, e continua ad utilizzare i sequestri extraterritoriali e la tortura ai danni di migliaia di cittadini reclusi in prigioni clandestine senza un legittimo processo giudiziario. Il paese si arroga il diritto di certificare presunte violazioni dei diritti umani a Cuba e in Venezuela, mentre pratica la tortura e fa esecuzioni extragiudiziali con droni e gruppi di criminali al suo servizio. Il presunto difensore della libertà di espressione e del diritto alla privacy dei cittadini, porta avanti, invece, un assurdo programma di spionaggio mondiale e patrocina una guerra mediatico-culturale che coinvolge l'industria dell'entertainment che infonde anti-valori e anti-umanesimo.

            In questa guerra planetaria, gli Stati Uniti non hanno nessuna vergogna nell'usare scienziati sociali di diverse discipline per realizzare indagini nei nostri paesi con fini militari e corporativistici, associandosi con università, offrendo fondi, borse di studio e incentivi accademici tanto da far diventare dei mercenari non pochi scienziati e ricercatori. Tra gli intellettuali al servizio dell'impero, spiccano quelli che si riuniscono intorno a Uribe ed Aznar che hanno l'intento di mantenere vivo il pensiero fascista, fatto passare come liberale e la cui concrezione si esprime nelle guarimbas, nella guerra psicologica e nelle campagne mediatiche.

            Come fa una corporazione capitalista qualunque, che invade territori, corpi, governi e Stati, il cosiddetto crimine organizzato ha raggiunto un certo protagonismo regionale e mondiale, tanto che l'economia mafiosa rappresenta una percentuale importante del prodotto interno lordo dei nostri paesi. La presunta lotta al narcotraffico e al terrorismo costituisce una nuova strategia di saccheggio, spopolamento e ricolonizzazione dei paesi, con un alto costo in vite umane che il capitale considera accettabile. Ayotzinapa riassume le atrocità commesse dall'impero e dall'oligarchia locale contro il Messico e rappresenta anche il modello di dominazione imposto dal neoliberismo che non accettiamo più. La voce del popolo si è levata nelle strade, dove è risuonato un grido d'accusa: è stato lo Stato!

            La Rete degli Intellettuali, Artisti e Movimenti Sociali in Difesa dell'Umanità si ispira alle idee di Fidel Castro e Hugo Chávez, con una proiezione martiana e bolivariana di unità latinoamericana e caraibica e dà una chiara adesione ai principi dell'anti-imperialismo, dell'anti-capitalismo, dell'anti-colonialismo e del socialismo.

            Cuba, la cui resistenza e il cui progetto socialista non si sono piegati di fronte agli Stati Uniti neanche nei momenti più drammatici e difficili, è stata ed è motivo di respiro e fonte di speranza, senza la quale sarebbe stato molto più difficile il cambiamento d'epoca di Nuestra América. Questo aspetto spiega, in buona parte, il perché continui ad essere sottoposta ad un crudele blocco e a piani di destabilizzazione che l'impero ora ha esteso anche al Venezuela.

            Per tale ragione, noi membri della Rete riteniamo fondamentale denunciare a gran voce e con totale ripudio le dichiarazioni di ingerenza del governo degli Stati Uniti che vuole applicare delle sanzioni contro il popolo e contro il governo rivoluzionario e socialista della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Facciamo nostre le parole di Chávez, così come ha fatto il Presidente operaio Nicolás Maduro: “Il Venezuela si rispetta! Basta con le aggressioni e con le bugie! Basta con le minacce e l'interventismo!”.

            È una priorità storica e strategica difendere il Venezuela e appoggiare il Presidente Maduro, uno statista nato proprio dalla rivoluzione chavista.

            La Rete esprime il suo affetto solidale e fraterno alle vittime delle guarimbas, ai loro familiari e al popolo che ha sopportato sabotaggi, insulti e umiliazioni, per non parlare dei danni elevatissimi all'economia provocati dai neo-fascisti.

            La Rete esprime solidarietà al popolo degli Stati Uniti che si mobilita contro il razzismo, la repressione e la brutalità della polizia, contro la carcerazione dei manifestanti, la criminalizzazione dei dirigenti nella loro lotta contro la povertà crescente sofferta da questo popolo, vittima delle mafie bancarie e dell'infame e demenziale affare economico della guerra, voluto dal governo. 

            La rete appoggia le lotte indigene e contadine di tutti i continenti del Sud contro le multinazionali minerarie, petrolifere, eoliche, idriche, farmaceutiche, turistiche e del settore agrario, multinazionali che vogliono togliere territori, saccheggiare e condannare alla morte, distruggendo, così, interi ecosistemi.

            Chiediamo misure concrete per la salvaguardia della Selva Amazzonica in costante pericolo di distruzione e solo i paesi dell'America del Sud sono in grado di impegnarsi in questa importante fase di integrazione.

            Manifestiamo la nostra più profonda solidarietà alle popolazioni dell'Africa, continente in cui il colonialismo e l'imperialismo sono stati e sono sempre più aggressivi, per mezzo della schiavitù. Denunciamo il fatto che le grandi potenze, soprattutto la Francia, hanno adottato nel loro territorio dei meccanismi di violenza strutturale e simbolica.

            La Rete appoggia con grande speranza il processo di pace tra il governo colombiano e la guerriglia delle FARC-EP intavolatosi a La Habana, Cuba, e chiede quanto prima che cominci un dialogo con l'ELN. La pace è voluta non solo dal popolo della Colombia, ma da tutti i popoli. Diamo la nostra solidarietà alla lotta per l'indipendenza di Portorico e chiediamo la liberazione del patriota Oscar López Rivera.

            Appoggia fermamente l'Argentina nella sua richiesta storica per la sovranità sulle isole Malvinas. Ripudiamo, allo stesso modo, le operazioni finanziarie di speculazione dei cosiddetti “fondi buitres” e dell'apparato giudiziario complice. Esigiamo chiarezza sulle operazioni bancarie che hanno saccheggiato la valuta portandola in conti all'estero, attraverso la banca argentina.

            Appoggiamo l'esigenza del popolo boliviano di fronte alla Corte Penale Internazionale per uno sbocco sul mare. E ribadiamo il nostro sdegno per come gli Stati europei hanno trattato il Presidente Evo Morales durante il suo viaggio in Europa che ha messo in pericolo la sua vita e quella di coloro che lo accompagnavano.

            Pretendiamo la fine del blocco contro Cuba, richiesta sostenuta da quasi tutta la totalità dei paesi del mondo, e la libertà dei tre patrioti cubani anti-terrorismo che si trovano nelle carceri statunitensi da 16 anni. Ci dichiariamo contrari a qualsiasi tentativo di destabilizzazione del territorio cubano da parte degli Stati Uniti e delle sue agenzie. Chiediamo la chiusura della Base Militare di Guantanamo e dei centri di tortura in quel territorio e in altre parti del mondo.

            Facciamo nostre le parole di condanna del Presidente Manuel Zelaya, che partecipa alla nostra riunione, contro il terrorismo di Stato e l'uso della violenza del crimine organizzato contro il popolo dell'Honduras e, in particolare, contro l'opposizione al governo pro-statunitense che ha aumentato la presenza delle basi militari in quel paese.

            Appoggiamo la lotta popolare di Haiti e la rivendicazione della sovranità di fonte all'occupazione militare.

            Sottoscriviamo le parole di Chávez a proposito del conflitto nei Paesi Baschi, per far sì che la fine della lotta armata “apra cammini di pace”. Allo stesso modo, sosteniamo il diritto all'autodeterminazione delle popolazioni dello Stato spagnolo, all'interno di un processo di democratizzazione.

            Diamo la nostra solidarietà alla lotta dei giovani cileni che richiedono un'istruzione pubblica, gratuita e laica, richiesta estesa a tutta Nuestra América.

            Sosteniamo la storica domanda per il riconoscimento dello Stato della Palestina e ripudiamo gli attacchi militari e la repressione di Israele contro il popolo palestinese.

            Inoltre, la nostra aspirazione più grande è la ricerca di un nuovo paradigma per la vita collettiva dell'umanità, visto che le regolamentazioni del sistema capitalistico non sono state sufficienti per trovare soluzioni che garantiscano il futuro della Madre Terra e della specie umana.

            Per tale ragione, salutiamo con affetto la creazione del Centro di Alti Studi del Pensiero e dell'Azione di Hugo Chávez che contribuirà, senza ombra di dubbio, alla costruzione di questo paradigma. Creiamo o sbagliamo.

            Concludendo questo documento, noi membri della rete degli Intellettuali, Artisti e Movimenti Sociali, riuniti nella capitale venezuelana, abbiamo constatato che il popolo ha sconfitto coloro che pensavano che dopo la scomparsa fisica del Presidente Chávez la rivoluzione bolivariana sarebbe fallita. Nonostante le difficoltà, possiamo affermare che la rivoluzione è più viva che mai!

Viva Chávez, Viva Nicolás Maduro, Viva il popolo venezuelano!

 

Caracas, Repubblica Bolivariana del Venezuela, 12 dicembre 2014.

 

 

Continua la campagna politico-culturale nei diversi paesi europei per la rottura dell'UE ,contro l’Europolo e la troika, per l’uscita dall’euro e la proposta di un'ALBA euro-afro mediterranea per la complementarietà e la solidarietà di classe del movimento internazionalista del lavoro e del lavoro negato.

 

Dopo l'edizione italiana, quella cubana, portoghese e greca della traduzione del libro "Il risveglio dei maiali" di Luciano Vasapollo, Rita Martufi e Joaquin Arriola, ci sarà  a Barcellona e Madrid dal 20 al 23 gennaio 2015 ,la presentazione con i due Autori italiani dell’edizione spagnola,"El despertar de los Cerdos",ed.Maya 2014 , ed anche nuove presentazione del libro"De Sur a Sur.La estrategia del caracol", ed. Viejo Topo 2014.

 

Vasapollo e Martufi , insieme ai tanti compagni ed organizzazioni che stanno lavorando nella preparazione delle diverse attività, terranno inoltre conferenze e incontri con partiti, organizzazioni sindacali di base e movimenti sociali catalani , dei paesi Baschi e spagnoli, per rafforzare il coordinamento europeo della Rete di intellettuali , artisti e movimenti sociali in difesa dell’Umanità e rilanciare i percorsi di lotta per il lavoro a pieno salario e pieni diritti , il reddito sociale, la casa per tutti, l’edilizia popolare , gli investimenti pubblici per un sempre più ampio Stato sociale, per l’autodeterminazione dei popoli contro la guerra militare, sociale, economica e finanziaria imposta dalla competizione globale fra le potenze imperialiste USA e  l’Europolo . 

 

Benvenuta, vita felice nella libertà e il socialismo per Gema!

Con tutto il nostro cuore

Rita Martufi, Luciano Vasapollo

Coordinatori del Capitolo Italiano in Difesa dell’Umanità

------

E’ nata Gema, la figlia di Gerardo Hernández e Adriana Pérez

Oggi 6 gennaio è fra le braccia di Gerardo Hernández e della sua sposa Adriana Pérez la piccola Gema.

Alle 8.30 di mattina del 6 gennaio è nata all’HavanaGema Hernández Pérez figlia di Gerardo Hernández Nordelo e Adriana Pérez O Connor, frutto di un amore che per 16 anni è sopravvissuto alla distanza e all’ingiusto carcere, ha pubblicato il sito  Cubadebate .

Gema è nata con parto cesareo e pesa 7 libre e 7 once. Secondo  quanto detto da Gerardo ad Alicia Jrapko e Bill Hackwell, i fedeli amici residenti negli Stati Uniti – che durante i duri anni di separazione sono stati come dei genitori per il matrimonio dei due – la bimba è molto bella e lui personalmente ha fatto le prime foto che potranno circolare quando i genitori saranno pronti a render partecipe il mondo della loro straordinaria felicità, come il più grande premio a tutte le sofferenze e l’attesa di 16 anni di ingiusta separazione. Come ha detto nei giorni precedenti  l’Eroe della Repubblica di Cuba, la solidarietà e l’amore di tutto ha aiutato a rendere reale questa gravidanza e il sogno di tenere sua figlia Gema come testimonianza della durata del loto amore.

Ha detto che con ogni dimostrazione di amore che ricevono dal nostro popolo si moltiplica la gratitudine dei Cinque  verso le sorelle e i fratelli che li hanno appoggiati nei sedici anni di ingiusta carcerazione nelle carceri statunitensi.

Traduzione nostra da granma.cu del 6 gennaio 2015

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com