nuestra america

nuestra america

Prima campagna nazionale - Torino , Pisa, Caserta , Bologna - nel ricordo vivo e sempre presente nella lotta rivoluzionaria per il socialismo del Comandante Fidel . YO SOY FIDEL , TODOS SOMOS FIDEL !!!

  No es grato tener responsabilidades asignadas por una normativa legal. Desafortunadamente el artículo 17, numeral 14 del Reglamento Orgánico del Ministerio del Poder Popular para Relaciones Exteriores obliga a la Misión Diplomática  que dirijo a "DETERMINAR E INDICAR LOS MOVIMIENTOS DE SOLIDARIDAD CON LOS PUEBLOS EN EL ESTADO RECEPTOR Y CANALIZAR SU INTERACCIÓN CON VENEZUELA, EN COORDINACIÓN CON EL DESPACHO DEL VICEMINISTRO RESPECTIVO". No es grato que esta función no esté compartida con los consulados, ni que estas funciones eminentemente políticas hayan sido establecidas exclusivamente para las Misiones Diplomáticas, dejando al margen las oficinas consulares.

                No es grato porque las responsabilidades compartidas son las que permiten la vida en colectivo. Sin ellas la convivencia es salvaje. Los seres humanos escogemos deliberadamente entre alternativas y estamos conscientes que esa elección tiene y tendrá  consecuencias. La responsabilidad por ello es una carga para la libertad. La responsabilidad es una ética que no distingue entre lo individual y lo colectivo. Sólo que, en este último aspecto, une o separa cuando no se ejerce con transparencia o  es contaminada por un acto irracional de predominio.

                Todo lo anterior tiene que ver con el VI Encuentro de la Red Caracas ChiAma, decidido y convocado en Nápoles, por un pequeño sector de la red de Nápoles, para que se realice en Nápoles. La decisión debió tomarse institucionalmente en el V Encuentro de la Red Caracas ChiAma, celebrado en Roma. No se tomó, ni se votó y se ha interpretado el silencio de una manera totalmente alejada del sentido común. El silencio ni otorga ni niega, es solo silencio. Por ello no legitima a ninguna región o fracción de la Red Caracas ChiAma, en ningún lugar de Italia, a decidir donde se llevará a efecto el nuevo encuentro de movimientos de solidaridad con los pueblos en el estado receptor con Venezuela. Cualquier decisión tomada fuera del V Encuentro o tomada unilateralmente no es legítima.

                Cuando no hay normas escritas las costumbres son normas. Pero más allá del orden jurídico burgués, la ética de la responsabilidad ejercida con transparencia y equilibrio, como acto racional deliberado, no puede echar por la borda la unidad de un colectivo que tiene ya algún tiempo de existencia y al que todos hemos entregado fuerza y templanza para sostenerlo sin fracturas. Ello, en Italia, es un raro espécimen, por la confrontación permanente entre individualidades o grupos de ideas progresistas o no progresistas.

                La Red Caracas ChiAma tiene un nombre que la vincula directamente a Venezuela. Se la identifica como un colectivo o grupo de apoyo a la Revolución Bolivariana. Bolívar exigió la lealtad. Algunas veces la tuvo y otras no. Fusiló sin embargo al Libertador de Guayana por deslealtad. Pero, más que la lealtad, el Libertador venezolano privilegiaba la unidad. El Comandante Chávez heredó esta concepción bolivariana y la hizo suya. 

                Antes de él la izquierda venezolana era un archivo de siglas que no decían nada. Pura hojarasca, aparatos y cascarones vacíos. Con líderes que por jactancia y autosuficiencia se oían

solo a sí mismos. Después de él, su tolerancia permitió la unión de católicos, protestantes, masones, socialdemócratas, socialcristianos, ex guerrilleros, ultranacionalistas, izquierdistas de todas las especies, trotkistas, anarquistas, feministas y una larga lista de organizaciones que terminan en "istas" o en "ismos".

                El sectarismo, la inmadurez, la falta de crecimiento político, la soberbia, la arrogancia y hasta "la falta de ignorancia", como el sarcasmo popular llama a quienes se sienten superiores a otros, hizo imposible la convivencia entre sectores políticamente diferentes en Venezuela. Se desconocía la "unidad dentro de las diferencias" o "la convergencia dentro de la diversidad". Cuando la descubrimos comenzó a generar optimismo en los polos necesarios de poder popular.

                Se expresaba en los colectivos contra las posiciones personales o de grupo, que no tomaban en cuenta las mayorías y hasta pretendían imponerla con chantajes o con votaciones amañadas. De espaldas al interés colectivo se acordaban, y el sectarismo era un sólido sentimiento de grupo que excluía, fraccionaba y debilitaba, hasta que terminaba por liquidar valiosas experiencias de lucha social.

                Chávez nos enseñó a tolerar, pero igualmente nos enseñó a ser leales y a perseguir la unidad con el mismo afán con que la historia ha perseguido las utopías. No la fantasía de las utopías, sino ese destino común al que Marx le dio nombre. Eso que es o ha sido "unidad de clase", "socialismo científico", "alternativa a la sociedad capitalista", "sociedad de iguales", "sociedad justa" y hasta "mayor suma de felicidad posible".  

                En esta lucha, decía Chávez, la lealtad es un valor que reclama consecuencias. Es necesaria la armonía, el desinterés material, nunca la vanidad ni otras cosas con las cuales el capitalismo se ha divertido disfrazándonos de "dirigentes consecuentes y radicales". Es de esa manera como aparecen los nuevos Che, que miran por encima del hombro a los populistas y a uno que otro fascista que le estorba, porque le hace sombra o es capaz de disentir contra las verdades supuestamente definitivas.

                La continuidad de toda obra necesita unidad. Unidad de esfuerzo, de materiales, de constancia, de aceptar que la verdad es múltiple. Somos humanos y nos equivocamos. No es indispensable ser jefe de algo para construir y elaborar un proceso que posiblemente exceda nuestra vida y hasta nuestra muerte. La unidad está llena de grandes decisiones. Las pequeñas no pueden ser obstáculos para las anteriores. De allí viene un concepto de lealtad menos ortográfico, menos de diccionario y más del quehacer revolucionario, más práctico, más de la vida misma, menos autocrático. Para Chávez la lealtad pasó a ser la unidad, la unidad necesaria de todos los hombres y mujeres que se han propuesto un orden nacional e internacional que sea compatible con la justicia social.

                La política no debe ser excluyente. Tiene que ser generosa, liberadora, con espacios para el sentimiento solidario. Si algo es bolivariano en el pensamiento y accionar de Chávez es ese empeño de sentar alrededor de la misma mesa no solo a quienes son socialistas, sino a quienes son hermanos por historia, por cultura, por el porvenir y por la esperanza que les une en una

misma finalidad. En sus propósitos está la integración, la armonía social y el afán de confrontar la dispersión de la misma manera que se persigue al enemigo de clase.

                Sin pretender que algunos compañeros italianos a quienes caracteriza el afán de protagonismo, hagan suya la instrumentación con la cual hemos construido en América Latina un movimiento pluri o multicultural; sin un gens químico extraído en los espacios de un laboratorio que científicamente impida que nada separe la materia; sin cápsulas de cristal que eviten contaminaciones, sin seres asépticamente puros como aquellos de raza superior que se empeñó en hacer el nacionalsocialismo, con errores, alucinados por tradiciones y con un primitivismo aborigen, humildemente humanos, rogamos a  la Red Caracas ChiAma de Napóles que reconsidere su decisión, porque divide, fragmenta y rompe la unidad.

                De no hacerse la reconsideración que respetuosamente esta Misión Diplomática solicita, tomando en cuenta que la citada red identifica a la República Bolivariana de Venezuela y con la autoridad que confiere a esta Misión Diplomática el artículo 17, numeral 14 del Reglamento Orgánico del Ministerio del Poder Popular para Relaciones Exteriores y por ser la Red Caracas ChiAma una creación solidaria en el estado receptor de algunos los movimientos de solidaridad italianos con la República Bolivariana de Venezuela en Italia, no solo de los napolitanos, imbuido por el único interés de canalizar la interacción de dichos movimientos vinculados a Venezuela, DESAUTORIZO, en mi carácter de Embajador de la República Bolivariana de Venezuela en la República de Italia, la decisión tomada por un sector de la Red Caracas ChiAma de Napóles de convocar a un VI Encuentro en la ciudad de Nápoles, de los movimientos de solidaridad con Venezuela, con su sola y única voluntad.

                Esta decisión pone en peligro la unidad de los movimientos de solidaridad que apoyan a la Revolución Bolivariana y, sin proponérselo, pudiera hasta propiciar desencuentros políticos entre importantes funcionarios del Consulado de la República Bolivariana de Venezuela en Nápoles y funcionarios de esta Misión Diplomática en Roma o en Milán, sobre todo si se toma en cuenta que una empleada local de dicho consulado a quien profesamos afectos y reconocimientos, es factor determinante en la dirección y actividad de la Red Caracas ChiAma de Napóles.

                No nos animan conflictos regionales atinentes a la sociología histórica de la República Italiana. Creemos transparentemente que la idea central de los movimientos de solidaridad italianos con la República Bolivariana de Venezuela en Italia debe ser crecer y desarrollarse en toda Italia y no solamente en Roma y Nápoles. No pretendeos el sometimiento de la red a los dictados de una Misión Diplomática o Consular, pero igualmente rechazamos que un sector, un partido, una región o un predestinado, utilice el nombre de nuestro país para fines en los cuales no hay coincidencias.

                   Regiones tan importantes como la Liguria, la Toscana y ciudades históricamente fundamentales en Italia como Livorno, Florencia, Pisa, Milán, Bologna y Torino no tienen estructuras que respondan a los intereses de una Red que no solo Venezuela sino toda América necesita, para contestar las campañas mediáticas de agresión y el debate político y diplomático

que la comunicación alienta contra la dignidad y la resistencia de países que fueron colonizados primero por Europa y luego por los Estados Unidos de América.

                Con mi mayor estima a la labor realizada por la Red Caracas ChiAma de Napóles y mi mejor sentimiento de consideración y respeto, a esta y a otras redes solidarias, les saludo afectuosamente a los 07 días del mes de diciembre de 2016.
di Julián Isaías Rodríguez Díaz - Ambasciatore in Italia della Repubblica Bolivariana del Venezuela 

A poche ora dalla morte del Comandante Fidel Castro, rivolgiamo alcune domande a Luciano Vasapollo, dirigente della Rete dei Comunisti e da molti anni responsabile del lavoro di solidarietà con i popoli dell'America Latina e delle relazioni politiche e scientifiche con i governi e le forze rivoluzionarie di 'Nuestramerica'.

Rdc – Come potremmo definire in poche parole il Comandante Fidel Castro?

LV - Fidel Castro è una figura che ha fatto la Storia, con la S maiuscola, dell'autodeterminazione dei popoli, combattendo sempre contro quelli che pensavano di poter fare del mondo un loro enorme impero economico. 

Grazie alla sua fiducia profonda nella democrazia socialista, Fidel Castro è stato capace di gestire il governo popolare per tutti e 57 gli anni successivi al trionfo della Rivoluzione a Cuba. 

Dall'inizio della Rivoluzione, della creazione dello Stato Socialista a Cuba l'isola ha vissuto importanti conquiste rivoluzionarie: la riforma agraria, la redistribuzione delle terre; la nazionalizzazione dei settori strategici come quello della canna da zucchero e delle raffinerie; la riforma culturale a favore dell'istruzione popolare. 

Ha attraversato anche momento difficili e di tensione come il tentativo, miseramente fallito, da parte degli Stati Uniti di buttare giù il governo cubano con lo sbarco nella Baia dei Porci; la crisi dei missili nel 1962, durante la quale si corse il rischio di provocare la Terza Guerra Mondiale; la guerra economica degli Stati Uniti che tuttora continua attraverso il bloqueo. 

 

RdC – Oltre ad essere stato un rivoluzionario e uno statista, Fidel Castro è stato uno dei migliori interpreti del pensiero marxista in America Latina e non solo, nonostante fosse nato in una famiglia borghese. 

LV - Fidel Castro nacque il 13 agosto del 1926 da una famiglia di proprietari terrieri creoli spagnoli, provenienti dalla Galizia. A soli 13 anni Fidel organizzò la sua prima rivolta convincendo i lavoratori della piantagione di canna da zucchero del padre a fare sciopero per mettere fine allo sfruttamento al quale erano sottoposti.

La sua integrità e il suo coraggio, la sua dedizione alla giustizia per tutti, la sua visione e la sua comprensione dei grandi problemi della nazione cubana e la sua capacità di cambiamento sono le ragioni che lo hanno portato a guidare la prima rivoluzione dell'emisfero occidentale. 

Penso che Fidel sia arrivato a consolidare il pensiero patriottico e indipendentista di José Martí cento anni dopo la sua morte. 

Fidel Castro ha sempre rivendicato l'influenza politica delle idee di José Martí e degli scritti di Marx. Come lui stesso ha sostenuto, nei primi anni le sue idee politiche erano influenzate dai principi martiani, antimperialisti, anticolonialisti e democratici ma non ancora dal pensiero marxista.

Fidel fece sue le teorie marxista e leninista da autodidatta, perché era cosciente del fatto che si poteva arrivare a Marx partendo da Martí; i due rivoluzionari dimostrano sempre, tanto negli scritti come nelle loro parole, la fiducia nel protagonismo dei popoli. 

Lavorare sulla ricomposizione internazionale è stato uno dei messaggi della battaglia delle idee di Fidel, esplorando la dimensione globalizzante del capitale, la acutizzazione di tutte le contraddizioni date anche nello stretto vincolo internazionale della produzione e della creazione del profitto; è un obiettivo strategico che occorre tener presente e sul quale orientare la coscienza dei lavoratori, partendo dal fatto che le lotte sindacali e sociali, così come la dimensione della produzione, hanno oggi una dimensione internazionale che supera le frontiere. 

Questo per Fidel rappresenta lo spazio rivoluzionario nel quale orientare l'iniziativa politico-culturale di massa, che significa fare ora i primi passi sul terreno del superamento del modo di produzione capitalista, per diffondere la convinzione che la sorte di chi si oppone alla mondializzazione neoliberista, tanto nelle metropoli come nelle periferie, è inseparabilmente vincolata in un'unica grande battaglia per il Socialismo del XXI Secolo e per il diritto all'autodeterminazione popolare di tutta l'umanità. 

Ciò che Fidel trasmette sempre nei suoi scritti è molto chiaro: senza una teoria del modo di produzione, senza un concetto di formazione economico-sociale e un adeguamento dell'analisi di Lenin del imperialismo attuale, la nostra critica sarebbe solo un rigetto della degenerazione morale e degli eccessi più drammatici della società del capitale. 

Rdc – Nel pensiero e nell'opera di Fidel Castro è stato molto importante il recupero dell'eredità di Antonio Gramsci. 

LV – Nel gigantesco percorso rivoluzionario di Fidel se vede sempre più la presenza e il riferimento politico potente di alcune idee gramsciane. La centralità della lotta ideologica, ad esempio, non slegata da quella economica e da quella politica; i tre fronti. L'idea della mobilitazione del proletariato e di tutte le forze sociali anticapitaliste. Anche l'idea che solamente il legame tra lo studio, la teoria e la pratica della lotta organizzata possa trasformare un movimento di forze in un processo rivoluzionario. Infine, il gran tema dell'educazione. 

RdC – Il contributo di Fidel Castro e della Rivoluzione Cubana alla creazione dell'Alba in America Latina è stato fondamentale.

LV – Il ruolo della lotta ideologica, nell'ambito del processo rivoluzionario, è un concetto presente tanto in Fidel quanto in Martì. Fidel pensa sempre ad un continente libero dagli Stati Coloniali attraverso la cosiddetta “globalizzazione della solidarietà”. 

Il cambiamento dei rapporti di forza in America Latina rispetto al ruolo giocato dagli Stati Uniti ha permesso la nascita dell'ALBA, in una nuova inedita fase di cooperazione, nella quale si sono mescolate le relazioni di impresa con elementi di solidarietà internazionale.

Le linee guida di Cuba, Venezuela, Bolivia e, in generale, l'esempio di alleanza socio politica ed economica dell'Alba, mostrano come le riforme parziali possono consolidarsi, le tattiche e le lotte per le rivendicazioni parziali trasformarsi in autentiche strategie per il superamento delle grandi diseguaglianze e delle guerre imposte dalle leggi del capitalismo. 

Il problema chiave, nella teoria e nella pratica, è la questione dello Stato, e più praticamente la questione del potere statale che Bolivia, Ecuador, Cuba e Venezuela hanno saputo decentralizzare al livello del popolo.

 

RdC – La Rivoluzione Cubana è stata capace durante il suo percorso di riconoscere i propri limiti ed errori e di aggiustare il tiro. 

Lv – La Rivoluzione Cubana ha i suoi limiti e le sue contraddizioni ma ha il grande merito di averli sempre riconosciuti. Ad esempio, a Cuba il modello di pianificazione è stato revisionato ben sette volte, riconoscendo i problemi esterni ma anche gli errori interni: è esattamente questa forza dinamica ciò che rende grande e attuale la rivoluzione. Perché, ad esempio, nelle elezioni parlamentari del 2013 sono stati eletti rappresentanti molto giovani e le donne che sono entrate alla Camera sono più del 50% del totale. Il che ha a che vedere con il processo di ringiovanimento dei dirigenti e di formazione continua dei giovani quadri. 

Dopo 57 anni, il processo rivoluzionario socialista vive, si autocritica, riconosce i suoi limiti e le sue contraddizioni e si rinnova rafforzandosi nel Socialismo del XXI Secolo, nella realtà dell'ALBA e di tutti i popoli che lottano per la propria autodeterminazione. 

Cuba ha resistito sempre con determinazione e con grande dignità all'aggressione del potente vicino. E soprattutto ha contribuito negli ultimi 57, senza armi, solamente con la forza del suo esempio, a mantenere vivi valori come la libertà, la solidarietà, la autodeterminazione, la democrazia popolare e la giustizia sociale, insieme agli altri paesi latinoamericani e dell'ALBA. 

La rivoluzione socialista di Cuba non solo resiste da 57 anni, nonostante il bloqueo imposto dal governo degli Stati Uniti e non ancora ritirati, ma guarda al futuro e affronta la sfida dell'attualizzazione teorica e pratica del socialismo rivoluzionario, offrendo il suo esempio ai popoli e ai governi dell'ALBA e a tutte le democrazie partecipative e progressiste del mondo.

E' fondamentale riconoscere il nemico e le molte e diverse circostanze nelle quali può manifestarsi la lotta di classe. Le alleanze sono possibili e necessarie, a condizione che non compromettano i principi e l'etica e che siano sempre rappresentati gli interessi dei più umili e della sovranità del paese. 

Si tratta di un importante contributo di Fidel al pensiero e alla pratica rivoluzionaria, che si esprime oggi nel processo di avvicinamento agli Stati Uniti, in cui Cuba ha affermato che si possa parlare di tutto, non solamente delle questioni interne a Cuba. 

In altre parole, Cuba è disposta a negoziare la soluzione di questioni pendenti, come ad esempio il ristabilimento delle relazioni diplomatiche, ma non sarà mai negoziabile la sua sovranità né la sua legislazione nazionale.

RdC – Quando si parla di Fidel Castro tutti, compresi i suoi nemici, debbono riconoscere la sua integrità personale e la coerenza da un lato e la sua capacità di trattare temi molto attuali. 

LV - Da Fidel abbiamo imparato che l'importante è il cammino e che i rivoluzionari combattono sempre. I partiti rivoluzionari e i loro leader sono differenti dai capi dell'oligarchia, non solamente per i loro obiettivi, ma anche per il modo di agire. Non bisogna imitare gli stili di vita delle classi sconfitte, e una vita modesta è una delle lezioni che ci ha dato il Comandante: il leader deve vivere come l'uomo comune. 

Tra i problemi più importanti che Fidel ha affrontato nelle sue Riflessioni ce ne sono due: da una parte, la necessità di comprendere che l'ambientalismo nella società del capitale non può che essere una rivendicazione morale astratta; dall'altra, che non si può costruire una alternativa al sistema senza quell'elemento che deve stare nel cuore della società socialista: la pianificazione. 

Per Fidel l'educazione ambientale gioca un ruolo importante nella soluzione dei problemi derivati dal devastante impatto del modo di produzione capitalistico.

Nella riflessione del 19 settembre del 2008 “I vizi e le virtù”, Fidel afferma inoltre che la lotta è l'unica via possibile per le popolazione che vogliono vivere con giustizia sociale e dignità, concetti che sono in contrapposizione con i valori del capitalismo. 

Per Fidel, di fatto, il peggiore nemico di sempre è l'istinto egoistico dell'essere umano, e il capitalismo lo incarna pienamente. Il socialismo, al contrario, rappresenta la battaglia continua contro la propensione naturale dell'uomo all'individualismo. Qualsiasi manifestazione di privilegio, corruzione o furto deve essere combattuta con determinazione, perché per l'autentico comunista non esistono scuse di nessun tipo, la onestà rivoluzionaria è uno dei principi etici e di purezza ai quali si ispirò José Martí.

 

Redazione Rete dei Comunisti

 

Roma 25 novembre Ore 15.00

Intervengono:

Luciano Vasapollo: Centro Studi CESTES

Fabrizio Burattini : USB Scuola Roma

 

Sede USB- Via dell'Aereoporto 129, Roma

Si e' tenuto con un grande successo di rappresentanza qualificata politica, sindacale, associativa e numericamente rilevante ,il sit in di fronte all'ambasciata degli Stati Uniti a Roma organizzato dall'associazione La Villetta e dall'Associazione Nuestra America per continuare la lotta per il NO internazionalista al blocco e alla guerra economica e contro ogni forma di aggressione dell'imperialismo alle rivoluzioni socialiste di Cuba e Venezuela per l'auto determinazione di tutti i popoli. Già a partire dalle 16.30 e per oltre tre ore i partiti e le organizzazioni storiche e più significative della solidarietà internazionalista militante hanno man mano riempito gli spazi di fronte all'Ambasciata degli USA arrivando a una presenza di più di 200 compagni in rappresentanza oltre che delle associazioni che hanno convocato la manifestazione, di  tanti lavoratori dei vari comparti del sindacato conflittuale  di classe dell'Unione Sindacale di Base USB, e di militanti del Capitolo Italiano di Intellettuali e movimenti sociali in difesa dell'umanità, della Rete dei Comunisti, del Partito di Rifondazione Comunista , del Partito Comunista Italiano, del Partito Comunista e con la presenza dell'informazione libera e alternativa come Contropiano, Radio Onda d'Urto,  Controlacrisi,  Radio Città Aperta e di  tante altre associazioni e collettivi che hanno dato l'adesione come Militant, la piena adesione dell'associazione Italia Cuba circolo Mella , Associazione provincia Habana ecc. 

Tutti gli interventi a partire da quelli di apertura di Luciano Vasapollo, Luciano Iacovino, Paolo Leonardi per la USB, affiliataalla FSM- Federazioni Sindacale Mondiale, Fabio Nobili per il PRC , Roberto Luchetti per la Rete dei Comunisti hanno sottolineato l'importanza di questa iniziativa unitaria che si colloca nell'ambito delle manifestazioni che si stanno svolgendo in questi giorni in tutto il mondo per esprimere la solidarietà internazionalista a Cuba socialista contro il Blocco e in pieno appoggio al governo rivoluzionario di Maduro per il rispetto della sovranità dei popoli rivoluzionari, sottolineando la volontà politica dei movimenti di classe italiani ed europei di continuare a stare attivamente vicini e combattivi nella difesa dei lavoratori, dei popoli e dei governi delle rivoluzioni socialiste. 

Un sin in che ha espresso una grande unità nella maturità e convinzione politica che solo il protagonismo organizzato dell'internazionalismo di classe sia il concreto contributo militante al movimento internazionale dei lavoratori e dei popoli che lottano contro la barbarie del capitalismo e dell'imperialismo. 

 Con Fidel e con Raúl viva la rivoluzione socialista cubana!

Chávez presente ! Viva Maduro presidente!

Socialismo o muerte. Venceremos!

La vittoria è inevitabile!

Associazione La Villetta e Associazione Nuestra America

El profesor Vasapollo en España y Cataluña para reuniones, seminarios y conferencias para defender las revoluciones de los países de ALBA. Reunión con los cónsules de Venezuela, Cuba y Ecuador; actividad al consulado de Venezuela y en sucesión debate sobre la situación actual en Venezuela para defender el revolución bolivariana chavista.
En los días de intensas actividades políticas y culturales en España y Cataluña el  Prof. Vasapollo por la Secretaría Nacional de la Red de Comunistas y para la coordinación del capítulo italiano de la Red en Defensa de la Humanidad, en Barcelona participó en la gran manifestación contra los tratados de la UE neoliberal convocada por los sindicatos y los movimientos sociales contra la política imperialista de la Unión Europea, en contra de los Tratados como el TTIP y con la presencia de diversos colectivos y asociaciones de solidaridad internacionales con las revoluciones de otros países del ALBA como Venezuela, Cuba, Bolivia.
El Prof Vasapollo fue invitado entre los principales oradores en el día de los debates y conferencias, para de la Constituyente Catalán de izquierda de la TROBADA PER LA UNITAT POPULAR 2016
que se realizó en una sala con más de 600-700 personas.
El Prof. Vasapollo con el prof.Lapavistas fueron los relatores de cierre de la conferencia y Vasapollo dijo del carácter neoliberal y la masacre social impuesto por TROIKA de la UE; argumentó también la necesidad absoluta de los movimientos sociales para la salida de el euro y de la UE como la única alternativa de la clase trabajadora para crear caminos de la transición al socialismo en el ejemplo de las revoluciones del ALBA.
Vasapollo hablando a un grupo de militantes (de CUP, el PODEMOS, de los partidos comunistas y los movimientos sociales y sindicatos) también señaló la necesidad política del internacionalismo con la revolución socialista, Chávez, de Venezuela, Cuba y Bolivia, y todos los países del ALBA reafirmando el objetivo de crear las condiciones, en Europa para una nueva ALBA mediterránea que se opone al imperialismo y la Unión Europea con un carácter anticapitalista fuerte para el socialismo en el siglo XXI.

La lucha sigue!!
Chávez vive!!!
Hasta la victoria siempre!!

://www.facebook.com/rita.martufi/posts/1320165108028156

Empiezo'  en Durban (Sudáfrica) El 17º Congreso de la Federación de Sindicatos (FSM / FSM) organizada por la confederación africana más importante y más grande, COSATU.
Lucha, el internacionalismo y la unidad, las tres palabras claves en el centro del Congreso, para satisfacer las necesidades actuales de los trabajadores, la pobreza y las guerras causadas por la barbarie del capitalismo.

Será una reunión importante no sólo para el número excepcional de los países y las organizaciones participará, con más de 800 delegados de todos los rincones del planeta, pero sobre todo porque va a marcar otro gran avance en la segunda parte de la iniciativa de la organización sindical internacional más antigua mundo.

En la delegación USB con Pierpaolo Leonardi, global actual Secretario General de la Unión Internacional de Empleados Públicos (Unión Internacional de Sindicatos PS & A), la categoría de los más importantes de la FSM, con sus 23 millones de miembros, también otros dirigentes de la USB , Paola pPalmieri, Cinzia Della Porta , Marco Benevento y Rita Martufi directora del CESTES centro estudio de la USB y representante permanente a la FAO por la FSM .

Muchos importantes y con gran éxito y las intervenciones de Paolo Leonardi y de Rita Martufi ( aquí en siguiente el link ):

https://www.facebook.com/rita.martufi/posts/1320165108028156

------ Tras el comunicado de prensa de la FSM en la apertura del Congreso.
Cientos de trabajadores y empleados de 111 países en los 5 continentes actuales están llegando a Durban, Sudáfrica, con gran entusiasmo para participar en el 17º Congreso Mundial de la Unión del Comercio, celebrada en la tierra heroica de Sudáfrica.
Hasta el momento, de acuerdo con las cifras actuales, que van a participar en el Congreso:
-1200 Los participantes de la Unión
-111 De los 5 continentes
-340 Mujeres sindicalista
- 31% de los delegados son del sector público y el 69% son empleados privados.
La dirección del FSM dio las gracias al mundo de Sudáfrica y sus sindicatos militantes para la celebración de un evento tan grande como esta unión.
El 17º Congreso Sindical Mundial va a ser un gran, democrática, abierta evento sindical internacionalista y de clase.

E' iniziato o a Durban (Sudafrica) il 17° Congresso della Federazione Sindacale (FSM/WFTU) ospitato dalla più importante e grande confederazione Africana, il COSATU.
Lotta, Internazionalismo e Unità, le tre parole chiave al centro del Congresso, per soddisfare i bisogni attuali dei lavoratori, contro la povertà e le guerre provocate dalla barbarie del capitalismo.

Sarà un congresso importante non solo per l’eccezionale numero di paesi e di organizzazioni che vi parteciperanno, con oltre 800 delegati provenienti da ogni angolo del pianeta, ma soprattutto perché segnerà un ulteriore grande avanzamento nella ripresa di iniziativa della più antica organizzazione sindacale internazionale del mondo.

Nella delegazione USB con Pierpaolo Leonardi, - attuale Segretario Generale mondiale del Sindacato Internazionale dei Lavoratori Pubblici (Trade Union International PS&A), categoria fra le più importanti della FSM con i suoi 23 milioni di iscritti, - anche altri dirigenti USB Paola Palmieri , Cinzia , Marco Benevento e Rita Martufi , Dirett del CESTES , centro studi USB e rappresentante permanente alla FAO per la FSM .

Molto seguiti e apprezzati gli interventi di Paolo Leonardi e di Rita Martufi , della delegazione italiana USB (vedi link successivo ):

https://www.facebook.com/rita.martufi/posts/1320165108028156

------ A seguire il comunicato stampa della WFTU sull'avvio dei lavori del Congresso:

Centinaia di operai e impiegati provenienti da 111 paesi dei 5 continenti da oggi stanno arrivando a Durban, in Sud Africa, con grande entusiasmo per partecipare al 17 ° Congresso Sindacale Mondiale, organizzato nella terra eroica del Sud Africa.

Finora, in base ai numeri presenti, stanno per prendere parte al Congresso:
-1200 Partecipanti sindacali
-111 Paesi dei 5 continenti
-340 Donne sindacaliste
- Il 31% dei delegati sono dal settore pubblico e il 69% sono dipendenti privati.
La leadership FSM ringrazia il mondo del lavoro del Sud Africa e le sue organizzazioni sindacali militanti per aver ospitato un grande evento sindacale come questo.
Il 17 ° Congresso Sindacale Mondiale e' un grande, democratico, aperto evento sindacale internazionalista e di classe.

Il fine settimana appena trascorso ha visto il Capitolo Italiano della Rete degli Intellettuali, degli Artisti e dei Movimenti Sociali in Difesa dell’Umanità impegnato nella partecipazione e nell’organizzazione di due importanti iniziative all’insegna dell’Internazionalismo, della controinformazione dal basso e della solidarietà militante ai processi di transizione al socialismo e ai governi rivoluzionari dei paesi dell'ALBA.

I due incontri dal titolo “VENEZUELA, CUBA E BOLIVIA: IL TRIANGOLO DELLA RIVOLUZIONE” hanno visto la presenza di Luciano Vasapollo - storico dirigente comunista riferimento nella solidarietà internazionalista e intellettuale marxista della segreteria esecutiva internazionale della rete in difesa dell' umanità , impegnato nella collaborazione diretta militante con istituzioni dei governi di alcuni paesi dell'ALBA - e Roberto Vallepiano, attivista politico, agitatore culturale e militante internazionalista, e si sono svolti nel Nord Italia, in due differenti provincie del territorio ligure di ponente:

Venerdì 30 settembre presso l’Antica Compagnia Portuale di Imperia – Arci Camalli in una realtà che, come dice il nome stesso, è profondamente legata al mare, alla pesca e al mondo del lavoro portuale.
Sabato 1 Ottobre presso la CCCP- Casa Circoli Culture Popoli di Ceriale in provincia di Savona, una esperienza organizzativa meticcia e inclusiva che mescola e lega diversi percorsi politici e sociali.

Partendo da alcuni degli argomenti trattati nel libro, di recente pubblicazione: “Vantaggi complementari per la transizione al socialismo” di Luciano Vasapollo e nel libro “Cuba. Geografia del desiderio” di Roberto Vallepiano, sono stati toccate innumerevoli tematiche relative ai processi rivoluzionari che incendiano il cuore combattente del Latinoamerica, quella che Ernesto Che Guevara chiamava “l’America maiuscola”, sviluppando un dibattito lungo, articolato, approfondito e appassionante con una folta presenza da parte di un pubblico attento, curioso e coinvolto di militanti che attraverso le proprie domande di profondo significato politico, ha permesso di mettere in circolo in maniera tangibile le parole partecipazione, solidarietà e rivoluzione, trasformando le due serate in momenti di passione politica e di socialismo dal basso.

Nel corso delle due iniziative è stata ben descritta in particolare dal professor Vasapollo, anche per la sua lunga e profonda partecipazione diretta a queste importanti realtà rivoluzionarie, l’esperienza ed il ruolo internazionale di innovativo percorso di transizione socialista dei Paesi dell’ALBA nonché gli straordinari, e per molti versi inediti, processi di giustizia sociale, di integrazione e di redistribuzione, di pianificazione socialista che caratterizzano in primis Cuba martiana rivoluzionaria e il Venezuela chavista e socialista bolivariano, sottolineando particolarmente il ruolo feroce e delinquenziale dell’imperialismo, contrapposto alla generosissima resistenza messa in campo dal popolo venezuelano e dal governo Maduro rispetto alla guerra economica, militare, mediatica e psicologica scatenate dalle oligarchie legate a doppio filo con la criminalità organizzata, la CIA e le agenzie al servizio degli USA.

I dibattiti sono poi proseguiti sulla descrizione del percorso concreto delle diverse forme di socialismo che stanno rivoluzionando l’America Latina, delle loro potenzialità e di ciò che la Bolivia di Evo Morales legata al Buen Vivir e alla Pacha Mama, la Cuba di Fidel e di Raul ed il Venezuela di Chavez e Maduro rappresentano per i popoli di tutto il mondo, compresi quelli europei, anche e soprattutto dal punto di vista del legame di classe tra le grandi masse popolari e quei leader rivoluzionari che dal popolo provengono ed esprimono il proseguire del cammino delle transizioni al socialismo.

Nel corso delle serate ci si è soffermati anche sulla critica all’effimera cultura dei mass media e quindi sugli effetti del terrorismo multimediale di cui la nostra società è intrisa, che evoca modelli vacui e superficiali in cui la sostanza viene repentinamente sacrificata al Dio capitalista dell'apparenza e dell' individualismo.
È stato rimarcato anche da molti interventi dei partecipanti ai dibattiti come i social Network spesso, a causa dell’uso distorto che ne viene fatto anche da parte del protagonismo individualista di singoli soggetti e di quelle associazioni, organizzazioni e strutture autoreferenziali che impropriamente si richiamano alla sinistra diffusa e radicale ma che rimangono comunque legate alla peggiore pratica eurocentrica , trasformando l'uso di Facebook e dei social esclusivamente in un mezzo per gonfiare il proprio ego ipertrofico a scapito di chi con sacrificio intesse difficili percorsi di internazionalismo militante, regalando così al nemico possibilità ulteriori di colpire i percorsi per l'unità e l'appoggio internazionalista alle mobilitazioni di classe e alle rivoluzioni della Nuestra America indoafricana.

In tanti hanno voluto sottolineare la ricostruzione di percorsi di unità dell'internazionalismo condannando in maniera molto chiara il ruolo davvero negativo giocato politicamente da alcuni gruppi e gruppuscoli settari e dal minoritarismo di una per lo meno improbabile ultrasinistra che è presente con ruolo e effetti disastrosi in America Latina e su quanto nefasto sia anche in Italia ed Europa il ruolo di chi, attraverso il proprio massimalismo sterile e inconcludente, raggiunge soltanto l’effetto di danneggiare i processi di governo rivoluzionario del Socialismo del 21° Secolo in America Latina e di minare e dividere l'unità della solidarietà e dell'internazionalismo militante rivoluzionario.

Le due serate si sono concluse discutendo dello storico accordo fra governo colombiano e guerriglia delle FARC, dei golpe bianchi contro i governi progressisti di Honduras e Paraguay e i programmati interventismi imperialisti contro Cristina in Argentina e Dilma in Brasile, tracciando un parallelo tra le lotte sociali, sindacali conflittuali e territoriali in piedi in Italia, destinate a moltiplicarsi nel prossimo futuro contro l'Unione Europea già partendo dal NO di classe relativo alla Costituzione con percorsi di imponenti lotte popolari in Europa in sintonia con quelle latinoamericane che devono rafforzare le esperienze di governo rivoluzionario.

Il Capitolo Italiano della Rete degli Intellettuali, degli Artisti e dei Movimenti Sociali in Difesa dell’Umanità sarà nuovamente impegnato nelle prossime settimane in nuove iniziative di approfondimento politico e culturale, di sit in, lotte di internazionalismo e di solidarietà militante con i processi socialisti rivoluzionari di Cuba , Venezuela e Bolivia, in diverse parti di Italia.

- Capitolo Italiano della Rete degli Intellettuali e degli Artisti e dei Movimenti Sociali in Difesa dell’Umanità -

Dibattito venerdi  30 settembre ore 19,30 a Imperia e sabato 1 ottobre ore 16,30  a Ceriale

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com