Pechino, 4 set (Prensa Latina) Il primo vicepresidente dei Consiglio di Stato e dei Ministri di Cuba, Miguel Diaz-Canel, ha assicurato oggi a Prensa Latina che le relazioni politiche, commerciali ed economiche del suo paese con la Cina si trovano ad un elevato livello. 

 
Pochi minuti prima di partire da questa millenaria nazione, il vice mandatario cubano espresse la sua soddisfazione per avere partecipato agli eventi per celebrare il Giorno della Vittoria della Cina questo 3 settembre. 
 
Avevamo un compromesso di partecipazione, di rappresentazione nel nostro paese nella commemorazione del 70°anniversario della vittoria della Guerra di Resistenza del Popolo Cinese contro l'Aggressione Giapponese e la fine della Guerra Mondiale Antifascista, ha affermato. 
 
Considerò che il fatto di avere partecipato alla sfilata militare costituisce un'opportunità molto importante per conoscere meglio la storia di questo paese e la realtà di questa tappa che deve essere presente nella memoria del mondo attuale. 
 
Tanto la parata militare come il discorso offerto dal presidente Xi Jinping sono due avvenimenti che ebbero una ripercussione ed impatto universale e rilevante, in momenti in cui si fa un appello alla pace del mondo per ottenere un ordine internazionale differente, ha affermato. 
 
Facendo un bilancio del suo breve soggiorno in questo territorio, espose che insieme alla delegazione che l'accompagna, ha svolto un'agenda intensa, valutando inoltre gli aspetti delle relazioni bilaterali. 
 
Abbiamo trattato temi globali nei quali abbiamo coincidenza di opinioni, abbiamo rivisto tutta la cornice del programma di collaborazione, soprabito la partecipazione del governo cinese in un gruppo di programmi che abbiamo progettato per il 2016/2020, ha indicato. 
 
Come conclusione considerò che lo stato dei vincoli tanti politici come commerciali ed economici tra Pechino e L'Avana, sono in un momento elevato. 
 
Siamo molto soddisfatti e voglio anche riconoscere tutto l'affetto verso il popolo cubano, i nostri leader ed il nostro Governo che abbiamo ricevuto dalla popolazione e dal governo cinese durante il nostro soggiorno qui, ha concluso. 
   
Ig/dav 

2 settembre Con il suo esempio, Giustino ha suscitato l’affetto e l’ammirazione del nostro popolo. Il suo nome sarà ricordato come esempio di solidarietà con Cuba

Nella nottata di ieri, è morto all’Avana, all’età di 94 anni, Giustino Di Celmo, vero amico della Rivoluzione Cubana e del nostro popolo.

Giustino era nato a Salerno, Italia, il 24 dicembre 1920. Commerciante di professione, era arrivato per la prima volta nel nostro paese nel 1992, insieme a suo figlio Fabio.

Negli anni più difficili del periodo speciale, sfidò il blocco e le minacce contro Cuba, offrendo il suo aiuto per ottenere quei prodotti carenti per il popolo cubano.

Il 4 settembre 1997, Fabio fu vittima di un attentato terroristico nel lobby - bar dell’hotel Copacabana dell’Avana, diventando un simbolo per i giovani cubani e del mondo.

Con il dolore per l’omicidio del figlio, Giustino Di Celmo – veterano della Seconda Guerra Mondiale, antifascista e uomo di pace – aveva deciso di vivere definitivamente a Cuba e ha dedicato gli ultimi anni della sua vita alla denuncia degli atti terroristici contro il nostro paese. Ha perorato ininterrottamente la solidarietà internazionale con Cuba e la fine del blocco genocida imposto dal governo degli Stati Uniti. E’ stato un alfiere della battaglia per la liberazione del bambino cubano Elian Gonzalez, durante il sequestro da parte della mafia di Miami, e per il ritorno in Patria dei Cinque Eroi cubani, detenuti ingiustamente nelle carceri statunitensi.

Pienamente identificato con i principi e l’opera della Rivoluzione, dopo la perdita del figlio, per sua espressa volontà, aveva chiesto entrare nelle fila del Partito Comunista di Cuba, condizione eccezionale concessa il 30 settembre 1997.

Con il suo esempio, Giustino ha suscitato l’affetto e l’ammirazione del nostro popolo. Il suo nome sarà ricordato come esempio di solidarietà con Cuba.

In ossequio alla volontà dei figli, dopo la cremazione, le sue ceneri saranno rimpatriate in Italia.

Il Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, ha ricevuto nel pomeriggio di venerdì 14 il compagno Nicolás Maduro Moros, Presidente della Repubblica Bolivariana del Durante il fraterno incontro, Raúl e Maduro hanoespreso la loro soddisfazione per la marcia delle eccellenti relazioni che legano i due Paesi ed hanno scambiato criteri su importanti temi dell’agenda regionale e internazionale.

Il Generale d’Esercito ha reiterato l’appoggio di Cuba alla Rivoluzione Bolivariana e Chavista, e all’unione civico militare guidata dal Presidente Nicolás Maduro Moros.

Il compagno Maduro ha espresso la sua soddisfazione per aver avuto l’opportunità di trascorrere con il leader storico della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, la giornata del suo 89º compleanno.

All’incontro hanno partecipato la prima combattente Cilia Flores e Bruno Rodríguez Parrilla, ministro degli Esteri cubano.

Al termine Raúl lo ha accompagnato sino al terminal aereo. (Traduzione GM - Granma Int.)

La XI Riunione Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, ha accordato di convocare il suo VII Congresso, per il 16 aprile del 2016, 55ºAnniversario della Dichiarazione del carattere socialista della Rivoluzione e data della fondazione del nostro Partito,

La XI Riunione Generale del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, ha accordato di convocare il suo VII Congresso, per il 16 aprile del 2016, 55ºAnniversario della Dichiarazione del carattere socialista della Rivoluzione e data della fondazione del nostro Partito.

L’evento valuterà il compimento degli accordi del VI Congresso e la Prima Conferenza Nazionale del Partito, e preciserà il cammino per continuare a perfezionare il nostro modello economico e sociale ed eleggerà i membri del Comitato Centrale.

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com