Cari compagni e amici

Siamo felici di condividere con voi questo emozionante video dell’arrivo dei nostri fratelli alla Patria socialista rivoluzionaria della nostra Grande Isola Cuba

https://www.youtube.com/watch?v=o1UysKbajCI

 

Molte grazie a tutti per il vostro appoggio in questa giusta causa in difesa di Cuba socialista, dell’autodeterminazione di tutti i popoli, in difesa dell’umanità-

Un abbraccio pieno di emozioni e felicità dell’allegria di questo trionfo.

LUCIANO VASAPOLLO Y RITA MARTUFI, COORDINATORI DEL CAPITULO ITALIANO DE LA RED EN DEFENSA DE LA HUMANIDAD, COMITATO INTERNAZIONALE PER LA LIBERTA’ DEI 5 (ITALIA), ASSOC E RIV. NUESTRA AMERICA  

 

No hay más que una gloria cierta, y es la del alma que está contenta de sí.

José Martí

 

Nella riunione del Consiglio dei Ministri sono stati presentati il Piano dell’Economia e del Bilancio dello Stato per il 2015;  è stato realizzato il bilancio dell’implementazione delle Linee e sono state approvate cinque misure relazionate alla casa.

“Il prossimo anno l’economia cubana continuerà ad avanzare nonostante il blocco, le restrizioni finanziarie esterne e la situazione internazionale” ha detto il vice presidente del Governo e ministro dell’Economia, Marino Murillo Jorge,  presentando venerdì 28  il Piano dell’Economia per il 2015, durante la riunione del Consiglio dei Ministri, presieduta dal Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz.

 

Il Piano è indirizzato soprattutto a potenziare al massimo le riserve interne d’efficienza, a dirigere le risorse verso la rianimazione di settori fondamentali come l’industria manifatturiera, alla crescita degli investimenti  incamminata alle attività produttive e delle infrastrutture ed mantenere i servizi sociali  di base a livelli simili a quelli degli ultimi anni.

 

Il 2014 si stima di concluderlo con una crescita del Prodotto Interno Bruto (PIB) del 1,3 %, inferiore al 2,2 previsto. L’industria dello zucchero e del manifatture sono state segnalate tra le attività che incidono maggiormente in questo compimento.

Il ministro cubano ha denunciato che i danni umani per il blocco degli USA contro l’Isola crescono ed è impossibile calcolare il loro impatto.

Il ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodríguez, ha denunciato il 28 ottobre, nell’Assemblea Generale della ONU che i danni umani per il blocco degli Stati Uniti contro l’Isola crescono ed è impossibile calcolare il loro impatto, ha informato PL.

"Sono già il 77% dei cubani i nati in queste circostanze. La sofferenza delle famiglie non si può calcolare”, ha sottolineato nell’Assemblea Generale con 193 paesi che si apprestava a condannare per la 23ª volta consecutiva dal 1992 le sanzioni applicate da Washington, da più di mezzo secolo.

L'epidemia di Ebola "ci minaccia tutti" ha detto il presidente cubano Raul Castro inaugurando all'Avana un "summit straordinario" di 12 Paesi dell'America latina e dei Caraibi incentrato sull'epidemia che per il momento sta risparmiando il continente. "Una terribile epidemia si propaga oggi fra i popoli fratelli dell'Africa e ci minaccia tutti", ha dichiarato Castro. "Se questa minaccia non sarà arginata in Africa occidentale potrebbe diventare una delle pandemie più gravi della storia dell'umanità", ha avvertito il presidente cubano davanti a 11 suoi pari del continente riuniti nella capitale cubana.

Cuba, Paese maggiormente presente sul campo con quasi più di 450 fra medici e infermieri dispiegati in Africa occidentale, ospita questo summit il cui obiettivo è quello di "armonizzare i protocolli per proteggere la popolazione e prevenire la diffusione della malattia nei Paesi della regione", afferma una nota del ministero degli Esteri cubano. Al vertice sono presenti i nove capi di Stato dell'Alternativa bolivariana per le Americhe (Alba), blocco creato nel 2005 da dei Paesi governati dalla sinistra. Oltre a Cuba, comprende Venezuela, Ecuador, Bolivia, Nicaragua e diversi piccoli Stati caraibici. Anche Haiti, Grenada e Saint-Kitts e Nevis sono stati invitati. 

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com