Il XII Vertice ha dato più forza all'ALBA

  di Nuriem de Armas

Lo assicura il  vicepresidente cubano José Ramón Machado Ventura

 “L’Alleanza Bolivariana per i popoli  di Nuestra America (ALBA)  è ora più forte nei suoi principi d’integrazione e complementarità”, ha assicurato il vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri di Cuba, José Ramón Machado Ventura.Lo  scambio presidenziale del XII Vértice ha avuto un saldo qualitativo da segnalare, ha dichiarato  Machado Ventura in esclusiva per Prensa Latina, aggiungendo che l’ entrata di Santa Lucía come nuovo membro  dimostra la forza, l’autorità e il prestigio dell’ALBA, perchè  aumenta l’incidenza dei  programmi che s’implementano attraverso questo organismo.

“L’obiettivo dell’alleanza è integrare più paesi del continente, rinforzare i vincoli economici dal cooperativismo, senza permettere il dominio del capitale e far continuare  i programmi di carattere sociale ed educativo che sono già attivi”, ha precisato il  vicepresidente cubano.
Machado Ventura ha messo in risalto i benefici che deriveranno dalla creazione di una zona economica che vincoli l’ALBA a PETROCARIBE e al Mercato Comune del Sud,(Mercosur), tema con il quale si realizzerà uno degli obiettivi di questo XII Vertice, che vuole stringere le relazioni economiche regionali,  ed ha anche segnalato la consonanza tra i movimenti sociali e i presidenti dell’ALBA “perchè nelle dichiarazioni dei due Vertici che si sono svolti nello stesso tempo, le proposte e gli accordi hanno punti d’incontro”.
Oer due giorni a Guayaquil, 200 rappresentanti di organizzazioni  sociali dell’ALBA  hanno dibattuto e parlato di temi relazionati alla sovranità dei paesi, la rivoluzione agraria, i popoli originari e l’afro-discendenza, tra l’altro.
Machado Ventura ha sottolineato la dichiarazione politica fatta dei presidenti contro lo spionaggio internazionale, orchestrati dagli Stati Uniti e la condanna, ancora una volta, dell’aggressione di vari paesi dell’Europa contro il presidente della Bolivia, Evo Morales, al quale hanno proibito di sorvolare i loro spazi aerei. Poi ha anche considerato positivi altri temi svolti nel Vertice,  come gli accordi sui procedimenti e i metodi di lavoro che faciliteranno le decisioni e l’implementazione dei programmi, delle missioni e dei trattati tra i paesi.
Tutto questo garantisce la pianificazione e permette d’ avanzare in maniera accelerata nello sviluppo necessario della regione.
Il vicepresidente cubano ha partecipato con i rappresentanti di Venezuela, Bolivia, Nicaragua, Dominica, Ecuador, San Vicente y las Granadinas, Antigua y Barbuda e Santa Lucía, paesi membri. Come invitati speciali erano presenti i rappresentanti di Uruguay, Argentina, Brasile, Suriname, Guyana e Haiti. Al termine della riunione i presidenti hanno firmato un documento finale intitolato “Dichiarazione dell’ALBA dal Pacifico”, che è una chiara denuncia dei tentativi del capitalismo di rivitalizzare con nuovi meccanismi la sconfitta subita nel 2005 dall’Area di Libero Commercio per le Americhe, ALCA.
Quest’anno nel Vertice delle Americhe di Mar del Plata, in Argentina, i partecipanti hanno lasciato senza appoggio la proposta dell’ALCA e i paesi del MERCOSUR hanno terminato vietando l’iniziativa sorta dalle istanze statunitensi
(Traduzione Granma Int).

 

 

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com