Honduras: il “golpe blando preventivo”

  Atilio Boron

L'interminabile epidemia di “golpe blandi” propiziata dalla Casa Bianca ha preso di mira ancora una volta con l’Honduras. É stato lì dove, nel 2009, per la prima volta è stata applicata questa metodologia una volta che era fallito il golpe militare tradizionale tentato un anno prima in Bolivia. A partire da quel momento i governi indesiderati della regione sarebbero stati spazzati da un tridente letale composto dall’oligarchia mediatica, il potere giudiziario e i legislatori, il cui “potere di fuoco” combinato supera quello di qualsiasi esercito della regione. José Manuel “Mel” Zelaya è stato la sua prima vittima, alla quale seguiranno nel 2012 Fernando Lugo in Paraguay e nel 2016 Dilma Rousseff in Brasile. Sotto attacco sonoi governi di Bolivia, Venezuela e, ovviamente, Cuba, mentre in Ecuador il vecchio ricorso alla mazzetta e al tradimento uniti alla tecnica del “golpe blando” sembrano aver arrestato il percorso della Rivoluzione Cittadina di Rafael Correa. L’obiettivo strategico di Washington con i suoi “golpe bianchi” è far regredire l’America Latina alla condizione neocoloniale imperante durante la notte del 31 diciembre del 1958, un giorno prima del trionfo della Rivoluzione Cubana.

Nel caso onduregno il golpe funziona preventivamente, attraverso una scandalosa frode elettorale che ha suscitado solo la critica di alcuni pochi osservatori inviati dall’Unione Europea. Invece, la missione dell’OEA, presieduta da un democratico con credenziali impeccabili come il boliviano Jorge “Tuto” Quiroga, ha consentito tutte, ma proprio tutte, le  violazioni della legislazione elettorale e delle norme costituzionali del governo di Juan Orlando Hernández, erede del golpe del 2009. Certo che Quiroga non può avere tutto visto che il Tribunale Costituzionale dell’Honduras ha dichiarato che la ri-elezione è un diritto costituzionale che non può essere violato da nessuna norma di rango inferiore, e questo, applicato al caso della Bolivia, consacra la legittimità dell’aspirazione del presidente Evo Morales a presentarsi a una nuova contesa presidenziale.

Tornando però al succo della nostra argomentazione, la frode perpetrata in Honduras scopiazza quella inaugurata nel 1988 dal PRI messicano per derubare Cuauhtémoc Cárdenas della vittoria che stava chiaramente ottenendo nelle urne. Durante il conteggio dei voti ci fu un black out dell’elettricità che coinvolse  gran parte di Città del Messico e quando finalmente l’elettricità ritorno, si verificò un vero miracolo, equivalente moderno della moltiplicazione dei pani e dei pesci di nostro signore Gesù Cristo. In questo caso quelli che si moltiplicarono durante il black out furono i voti di Salinas de Gortari, il candidato priísta, mentre Cárdenas era relegato a un triste secondo posto. In Honduras è appena accaduta esattamente la stessa cosa. E questo prova che la Santa Madre Chiesa ha ragione quando afferma che i miracoli esistono e ci sono tutti i giorni. Salvador Nasralla, il candidato del fronte oppositore aveva cinque punti percentuali di vantaggio dopo lo scrutinio di oltre la metà dei voti e le tendenze erano molto chiare.  In quel momento il Presidente del Tribunale Superiore Elettorale dichiara che non si può annunciare alcun risultato perchè manca ancora il resto dello scrutinio, malgrado che anche il candidato del terzo partito, Luis Zelaya, riconosca il trionfo di Nasralla. Il TSE riprende il conteggio selettivo degli atti in distretti dove si presume che il candidato governativo abbia un qualche vantaggio e, simultaneamente, compaiono danneggiamenti nel centro di computo del TSE e i noti black out. Una volta che le cifre sono state corrette, offrono un piccolo vantaggio al presidente Juan Orlando Hernández, anche se i sospetti aumentano perché il Pubblico Ministero ha fatto irruzione in un ufficio del partito al governo sorprendendo i suoi occupanti nella preparazione di atti ufficiali falsi. La cosa interessante del caso è che questa frode è così rudimentale che ha dato luogo a un altro miracolo senza precedenti nella storia politica mondiale: dopo i danneggiamenti e i black out, salivano i voti di Hernández alla candidatura presidenziale, però non quelli dei sindaci e deputati governativi  che si mantenevano come in precedenza. Tutto ciò, ripetiamo, davanti al complice mutismo della missione dell’OEA capeggiata da Quiroga, il cui DNA politico reazionario faceva sì che guardasse di buon occhio questa presa in giro della volontà popolare. Non c’è quindi da sorprendersi che  le basi sociali dei partiti dell’opposizione siano scese in strada esigendo il rispetto della volontà della cittadinanza. E che il governo fascista di Hernández, lo stesso che ha favorito, insieme all’“Ambasciata” [Ambasciata USA. N.d.t.] il bagno di sangue che ci fu in Honduras dopo il golpe del 2009 e di cui il caso di Berta Cáceres è solo il più conosciuto, abbia dichiarato il coprifuoco dalle 6 della sera alle 6 del mattino e lo stato d’assedio. Sono già dieci i morti per le proteste in Honduras però il governo continua la sua marcia imperterrito, con l’aperta complicità della “Canaglia Maggiore” delle Americhe, Luis Almagro e i suoi inviati nonchè il tacito avallo dell’“Ambasciata” che mai consentirebbe che un oppositore arrivasse al palazzo presidenziale.

Il fatto è che l’Honduras è un pezzo di grande valore strategico nel disegno geopolitico di Washington. Confina con due paesi come El Salvador e il Nicaragua che hanno governi considerati “nemici” degli interessi nordamericani e la base aerea Soto Cano, ubicata a Palmerola, ha una delle tre migliori piste di aviazione di tutto il Centroamerica e, inoltre, è scalo obbligato per la movimentazione del Comando Sud verso il Sudamerica. Per di più, la base Soto Cano è quella che ospita la Forza Congiunta “Bravo” composta da cinquecento militari degli USA pronti a entrare in combattimento nel tempo di poche ore. Bisogna ricordare che l’esercito honduregno è stato rifondato dall’ambasciatore statunitense John Negroponte e che, di fatto, è un comando speciale delle forze armate degli Stati Uniti più che un esercito nazionale honduregno. Tutto questo c’è in gioco  nell’elezione presidenziale dell’Honduras. Per questo Washington scatenò il golpe contro “Mel” Zelaya e, attualmente, convalida la manovra fraudolenta del presidente Hernández. L’opposizione non riconoscerà mai la legalità e la legittimità di questo processo elettorale, viziato dalle radici. L’ultima aberrazione è stata comunicata poco fa dal TSE: procederà alla conta dei voti degli atti mancanti senza la presenza dei rappresentanti dei partiti oppositori. Vale a dire che il governo conterà i voti e proclamerà la sua fraudolenta vittoria senza alcuna istanza di controllo indipendente. Di fronte alla mostruosità di questa farsa elettorale l’opposizione dovrà esigere la convocazione di nuove elezioni, ma sotto la supervisione internazionale perchè è chiaro che il TSE è un’appendice del governo e che non garantisce neanche la corretta riconta dei voti, per non parlare dell’intero processo elettorale. E i governi democratici di Nuestra America dovranno unirsi senza esitazione alle proteste delle forze dell’opposizione per  impedire che si consumi il “golpe blando preventivo” attualmente in corso sprofondando ancora di più l’Honduras in una tremenda crisi nazionale generale. Infine, bisognerà notificare alla “Canaglia Maggiore” delle Americhe che alcune anomalie si stanno verificando nel processo elettorale onduregno, distrendolo dalla sua ben retribuita ossessione di monitorare e screditare il governo di Maduro e le elezioni venezuelane.

*da: http://www.resumenlatinoamericano.org/2017/12/03/honduras-el-golpe-blando-preventivo/

(Traduzione di Rosa Maria Coppolino)

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com

echo '
nike tn pas chernike tn pas chernike tn pas chernike tn pas chernike tn pas chernike tn pas cherair max pas cherair max pas cherair max pas cherair max pas cherair max pas chergiuseppe zanotti pas cherzanotti pas chergiuseppe zanotti pas chergiuseppe zanotti pas cherzanotti pas chergiuseppe zanotti pas chergiuseppe zanotti soldesmichael kors outletmichael kors outlet onlinemichael kors outlet storemichael kors outlet handbagsmichael kors outlet watchesmoncler outlet onlinepiumini moncler outletmoncler outletmoncler outlet italiamoncler outlet milanowoolrich outlet online
';