La pace in Colombia 4 anni dopo. Tanto sangue e molta violenza. Ma resta uno spiraglio di speranza

  di Tatiana Perez

Uno scenario di guerra inimmaginabile. È così che la Colombia giunge al suo quarto anno dalla storica firma dell’accordo di pace tra lo Stato e l’allora Guerriglia delle Farc (Forze armate rivoluzionarie della Colombia).
Inimmaginabile perché a questo punto del percorso, il paese deve verificare l’attuazione del post-accordo, avendo come bussola il piano di compromesso discusso e negoziato tra il governo e l’insurrezione a L’Avana, Cuba per più di quattro anni.
Ma la realtà è diametralmente diversa. Il sogno di pace è macchiato di sangue, giorno dopo giorno, dall’omicidio sistematico di leader sociali, ex combattenti delle FARC e delle loro famiglie. E come se non bastasse, sono tornati i massacri di civili, così come sono stati registrati all’inizio di questo secolo. Allo stesso modo, sono tornati gli sfollamenti forzati e le sparizioni.

Questo fine settimana, ricordando il momento esatto dell’impronta dell’accordo, due gruppi armati illegali sono entrati nella riserva indigena Inda Sabaleta del popolo Awá, nel dipartimento di Nariño, nel sud della Colombia.
Lì hanno ucciso cinque membri della comunità, oltre a rapire 40 persone. L’organizzazione nazionale indigena, ONIC, ha lanciato una richiesta mondiale di aiuto data la gravità di quanto accaduto e la passività del governo del presidente Iván Duque; allo stesso tempo chiesero di nuovo che i territori ancestrali non fossero oggetto di guerre interne.

Tuttavia, questo scenario non è nuovo nel 2020. Un’organizzazione che tiene il conto quotidiano di questo lutto nazionale è l’Istituto di studi per lo sviluppo e la pace, INDEPAZ.
Secondo i loro dati dettagliati, dall’inizio di quest’anno fino ad oggi, le vite di 215 leader sociali, contadini, indigeni o afro-colombiani sono state messe a tacere. Quanto ai firmatari dell’accordo di pace o agli ex combattenti delle FARC, 43 sono stati assassinati.

I crimini sono stati commessi in quasi tutto il paese, come mostra la mappa seguente:

Il motivo di queste morti è una domanda ricorrente in Colombia. Gloria Cuartas, difensore dei diritti umani ed ex sindaco del comune di Apartadó ad Antioquia, ritiene che l’assassinio di leader locali stia danneggiando profondamente l’organizzazione sociale e comunitaria, dal momento che molti di loro sono coinvolti in piani di restituzione della terra, sostituzione delle colture per uso illecito con programmi produttivi legali o in altri processi di sviluppo che sono scomodi per i padroni della guerra. In conclusione, aggiunge, fanno parte del tessuto che anela alla pace per il suo territorio.

Questo “pomeriggio grigio” per la Colombia è completato dai massacri. Secondo INDEPAZ, in questo 2020 sono stati 61, i mesi più violenti sono stati agosto e settembre, con una strage ogni 24 ore.
Tra gli autori di questa barbarie vi sono gli eredi paramilitari delle Forze di autodifesa unite della Colombia; vecchie e nuove strutture ribelli, alcune apparse dopo gli accordi di pace; e gruppi criminali al servizio del narcotraffico. Inoltre, in alcune regioni del Paese, i leader sociali denunciano l’esistenza di collusione tra le forze statali, siano esse l’esercito o la polizia, come nel dipartimento del Cauca, nella parte sud-occidentale del Paese.

Nonostante queste dure notizie e la limitata volontà politica dell’esecutivo di Iván Duque di fermare gli omicidi sistematici, milioni di persone continuano a sperare che oltre cinquant’anni di conflitto armato interno saranno superati.
È indubbiamente una speranza ostinata che unisce politici in opposizione al partito al governo, accademici, difensori dei diritti umani, ex membri delle FARC, movimenti sociali, giovani, afro, contadini, studenti e comuni colombiani.

Tra questi, il senatore Iván Cepeda Castro, che è stato un facilitatore dei dialoghi che si sono tenuti all’Avana fino al raggiungimento dell’accordo finale, si distingue per il suo impegno permanente in Colombia a uscire dall’oscurità e passare attraverso una civiltà non segnata dalla morte. Gli ho chiesto: “Oggi ci sono molti che pensano e dicono che il processo di pace è fallito, ma non tu. Perché?”. La sua risposta è stata la seguente: “questo bagno di sangue non è dovuto al fallimento del processo di pace, ma perché c’è proprio un processo di pace, perché c’è una lotta per l’attuazione delle riforme: rurale, politica, così come per il cambio di strategia in materia di narcotraffico e verità e giustizia. E i crimini commessi sono il tentativo di porre fine all’accordo di pace. Quelli che vengono assassinati sono quelli che difendono il processo, quella conquista, e per impedire che quel processo diventi più forte, avvengono tutte queste azioni violente ”.

È una visione condivisa da milioni di persone dentro e fuori il Paese, nonostante quanto sia tortuosa la strada e quanti l’hanno abbandonata. È in gioco molto, non è niente di più e niente di meno che il diritto a una Colombia in PACE.

http://www.farodiroma.it/la-pace-in-colombia-4-anni-dopo-tanto-sangue-e-molta-violenza-ma-resta-uno-spiraglio-di-speranza-di-tatiana-perez/

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com