Venezuela. Sventato assalto armato in una caserma di Petare

  Redaizone Contropiano

Le forze armate bolivariane del Venezuela (FANB) hanno neutralizzato lunedì un tentativo di attacco a installazioni militari a Caracas.
In una dichiarazione, il ministero della Difesa ha riferito che l’azione si è verificata all’alba del 21 gennaio, intorno alle 02:50 (ora locale). “Un piccolo gruppo di assalitori assegnati alla zona di comando n. 43 della Guardia Nazionale Bolivariana, tradendo il loro giuramento di fedeltà al paese e le sue istituzioni, hanno sequestrato il capitano Gerson Martínez Soto, comandante della stazione di polizia di coordinamento Macarao”.
Successivamente, gli assalitori “si sono trasferiti in due veicoli militari e hanno preso d’assalto la sede del distaccamento sicurezza urbana situata in Petare, nel comune di Sucre, sottraendovi molte armi e sequestrando sotto minaccia di morte, due ufficiali e due guardie nazionali di quel distaccamento”.

Il gruppo di militari golpisti si è poi recato a Cotiza, dove hanno registrato alcuni video lanciati poi sui social network, in cui dicevano di non riconoscere Maduro e chiedevano il sostegno della popolazione invitandola a scendere in strada.
Ma assediate delle forze armate fedeli al governo bolivariano del Venezuela, gli assalitori si sono arresi e sono stati catturati presso la sede della unità speciale della sicurezza “Waraira Repano” nella città di Cotiza. Il ministero della Difesa ha spiegato che durante l’arresto è stato possibile recuperare le armi rubate. Inoltre, i detenuti “stanno fornendo informazioni di interesse alle agenzie di intelligence e al sistema giudiziario militare” ha affermato il presidente dell’Assemblea Nazionale Costituente, Diosdado Cabello.  Nella dichiarazione si afferma che gli assalitori saranno soggetti al peso della legge venezuelana.

 

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com