Rafael Correa e funzionario dell’ONU conversano su temi di interesse comune

  Prensa Latina

28 apr (Prensa Latina) Il presidente ecuadoriano, Rafael Correa; e Jeffrey Sachs, assessore speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite (Ban Ki-Moon) per gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, hanno dialogato oggi nel Vaticano su temi di interesse comune.   

Nella cornice della conferenza “La Dimensione Morale del Cambiamento Climatico”, organizzata dalla Rete del Cambiamento Climatico dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e la Pontificia Accademia di Scienze del Vaticano, nella Santa Sede, ambedue hanno chiaccherato sulla protezione ambientale. 

Nella riunione, Correa e Sachs hanno abbordato gli otto Obiettivi del Millennio, compromessi assunti da 189 paesi membri dell'ONU, e che l'Ecuador ha compiuto in un minore tempo stabilito, ha fatto presente la presidenza nel suo account di Twitter.   

Il blocco internazionale persegue sradicare la povertà estrema e la fame, ottenere una scuola elementare universale, promuovere l'uguaglianza di genere e l'autonomia della donna, ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute materna e combattere il HIV/AIDS, malaria ed altre malattie.

Nazioni Unite pretende anche garantire la sostenibilità con l'ecosistema e fomentare un'associazione mondiale per lo sviluppo.   

Correa ha esposto nel Vaticano le politiche ambientali ecuadoriane ed ha assicurato che il suo paese potenzia politiche per mitigare i danni ambientali. 

Come unico mandatario latinoamericano invitato alla Conferenza, il capo di Stato sottolineò le coincidenze esistente tra il suo Governo ed il Vaticano sulle politiche nazionali integrali per attenuare il fenomeno globale.   

Specificò che l'Ecuador è uno dei paesi che meno inquinano, e porta avanti pratiche per mitigare il cambiamento climatico, come sono la trasformazione della matrice produttiva e l'energetica, promuovendo lo sviluppo sociale ed economico. 

Parte di queste iniziative, puntualizzò il governante, sono la costruzione di centrali idroelettriche, installazione di centrali eoliche ed introduzione di veicoli elettrici con zero emissioni verso l'ecosistema.   

La Conferenza ha segnato l'inizio di un'intensa agenda prevista a Roma per Correa ed il capo della diplomazia ecuadoriana, Ricardo Patiño. 

La giornata è iniziata con l'udienza speciale tra il mandatario ed il papa Francesco, nella quale ha ringraziato il Sacro Padre per la prossima visita al suo paese i prossimi 6, 7 e 8 luglio, e per l'inclusione della città costiera di Guayaquil nell'agenda papale.   

I risultati dell'evento, nel quale partecipano il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon; il presidente italiano Sergio Mattarella, e Sachs, serviranno per elaborare l'enciclica papale sul Cambiamento Climatico. 

Correa e Patiño hanno anche partecipato ad una cena con circa 40 emigranti ecuadoriani, colpiti da problemi di custodia dei loro figli ed appoggiati dall'Ambasciata e dal Consolato di Quito a Roma, con risultati favorevoli per 16 minorenni che sono già stati restituiti alle loro famiglie.   

Ig/ydg

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com