13 agosto 1926

Nasceva Fidel Castro, gigante della storia , comandante eterno , patrimonio dell ‘ umanità ! FIDEL VIVE , LA REVOLUCIÓN SIEMPRE SIGUE !!! YO SOY FIDEL !!

 

 

 

FIDEL VIVE !!

en recuerdo de los 92 de FIDEL gigante de la historia , comandante en jefe eterno , patrimonio de la humanidad . FIDEL VIVE LA REVOLUCION SOCIALISTA INTERNACIONALISTA SIGUE ! SIEMPRE CON FIDEL !! YO SOY FIDEL !!!

Vogliono impedire che il popolo scelga chi votare?

Sono incarcerato da più di 100 giorni. Fuori la disoccupazione aumenta, più padri e madri non sanno come mantenere le proprie famiglie, e un’assurda politica del prezzo dei combustibili ha causato uno sciopero dei camionisti che ha scombinato il rifornimento delle città brasiliane. Aumenta il numero di persone ustionate mentre cucinano con alcool a causa dell’altro prezzo del gas da cucina per le famiglie povere. La povertà cresce e le prospettive economiche del paese peggiorano ogni giorno.

Bambini brasiliani sono arrestati e separati dalle loro famiglie negli Usa, mentre il nostro governo si umilia davanti al vicepresidente americano. La Embraer (Empresa Brasileira de Aeronáutica S.A.), impresa di alta tecnologia costruita nel corso di decenni, è venduta a un valore così bassi che spaventa anche il mercato.

Un governo illegittimo nei suoi ultimi mesi corre per liquidare quanto più può del patrimonio e della sovranità nazionale: riserve del pré-sal, gasdotti, distributori di energia, petrolchimica, oltre ad aprire l’Amazzonia a truppe straniere. Mentre ritorna la fame, la vaccinazione di bambini crolla, parte del potere giudiziario lotta per conservare il bonus abitazione e, chissà, per ottenere un incremento salariale.

La settimana scorsa, la giudice Carolina Lebbos ha deciso che non posso rilasciare interviste o registrare video come pre-candidato del PT (Partido dos Trabalhadores – Partito dei lavoratori), il maggiore del paese, che mi ha indicato a suo candidato alla Presidenza. Sembra che non sia bastato arrestarmi. Vogliono farmi tacere?

Quelli che non vogliono che io parli, cosa temono che io dica? Cosa sta succedendo oggi con il popolo? Non vogliono che io discuta soluzioni per questo paese? Dopo anni passati a calunniarmi, non vogliono che io abbia il diritto di parlare in mia difesa?

È per questo che voi, i potenti senza voto e senza idee, che avete deposto una presidente eletta, che avete umiliato il paese internazionalmente e che mi avete arresto con una condanna senza prove, con una sentenza che mi manda in prigione per “atti indeterminati”, dopo quattro anni di indagini contro di me e contro la mia famiglia? Avete fatto tutto questo per paura che io dia interviste?

Mi ricordo che la presidente del STF (Supremo Tribunal Federal – Supremo tribunale federale) diceva “cala boca já morreu” (modo di dire brasiliano: sta zitto, è morto!). Mi ricordo del Gruppo Globo (televisione privata monopolistica), che non si preoccupa di questo ostacolo alla libertà di stampa, anzi lo festeggia.

Giuristi, ex capi di Stato di diversi paesi del mondo e anche avversari politici riconoscono l’assurdo del processo che mi ha condannato. Io posso essere fisicamente in una cella, ma sono coloro che mi hanno condannato che sono prigionieri della menzogna che li incatena. Interessi potenti vogliono trasformare questa situazione assurda in fatto politico consumato, impedendomi di concorrere alle elezioni, contro la raccomandazione del Comitato dei Diritti umani della Nazioni Unite.

Io ho già perso tre competizioni presidenziali, nel 1989, 1994 e nel 1998, e ho sempre rispettato i risultati, preparandomi per la elezione successiva.

Io sono candidato perché non ho commesso nessun crimine. Sfido coloro che mi accusano a mostrare prove di quello che ho fatto per trovarmi in questa cella. Perché parlano di “atti d’ ufficio indeterminati” invece di presentare prove di proprietà dell’appartamento di Guarujá, che era di una impresa, dato come garanzia bancaria? Impediranno il corso della democrazia in Brasile con assurdità come questa?

Dico questo con la stessa serenità con cui dissi a Michel Temer che non avrebbe dovuto imbarcarsi in una avventura per deporre la presidente Dilma Rousseff, che se ne sarebbe pentito. I più interessati al fatto che io concorra alle elezioni dovrebbero essere quelli che non vogliono che io sia presiedente.

Vogliono sconfiggermi? Lo facciamo in modo pulito, nelle urne. Discutano proposte per il paese e siano responsabili, soprattutto in questo momento in cui le élites brasiliane corteggiano proposte autoritarie di persone che difendono alla luce del sole l’assassinio di esseri umani.

Tutti sanno che, come presidente, ho esercitato il dialogo. Non ho cercato un terzo mandato quando avevo un indice di rigetto pari solo a quello di approvazione che oggi ha Temer. Ho lavorato perché l’inclusione sociale fosse il motore dell’economia e perché tutti i brasiliani avessero diritto reale, e non solo sulla carta, di mangiare, studiare e avere casa.

Vogliono che le persone dimentichino che il Brasile ha già avuto giorni migliori? Vogliono impedire che il popolo brasiliano – da cui tutto il potere deriva, secondo la Costituzione – possa scegliere chi votare nelle elezioni del 7 ottobre?

Cosa temono? Il ritorno del dialogo, dello sviluppo, del tempo in cui c’è stato meno conflitto sociale in questo paese? Quando l’inclusione sociale ha fatto crescere le imprese brasiliane?

Il Brasile ha bisogno di restaurare la sua democrazia e liberarsi dagli odi che hanno seminato per togliere il PT dal governo, impiantare una agenda di sottrazione dei diritti dei lavoratori e dei pensionati e ripristinare lo sfruttamento sfrenato dei più poveri. Il Brasile ha bisogno di ritrovarsi con sé stesso e di essere di nuovo felice.

Possono incarcerarmi. Possono cercare di farmi tacere. Ma io non cambierò questa mia fede nei brasiliani, nella speranza di milioni in un futuro migliore. Ho la certezza che questa fede in noi stessi contro il complesso del bastardino è la soluzione della crisi che stiamo vivendo.

 * Traduzione a cura di Teresa Isenburg (Comitato Italiano Lula Livre) dell’articolo “Afaste de mim este cale-se” pubblicato su Folha de São Paulo il 19 luglio 2018. In portoghese, “cala-se” significa “taci”, mentre “calice” è il calice: il gioco di parole è evidente.

L’ex presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, resterà in prigione, almeno per ora. Senza dubbio il sistema giudiziario brasiliano difficilmente si recupererà dalla crisi che ha attraversato domenica 8.

Questa è l’opinione della maggioranza dei giuristi in Brasile e anche dei membri della Corte Suprema che hanno criticato l’inazione della presidente di questa istanza massima, Carmen Lucia Antunes.

Le conclusioni sono devastanti, perchè l’episodio, che ha girato attorno alla liberta dell’ex presidente, porta insicurezza e destabilizza la democrazia.

Questo lo ha detto Joaquim Falcao, professore di Diritto della Fondazione Getulio Vargas. «Non so chi ha commesso l’errore Ma so chi ha perso: «La stabilità necessaria per la democrazia», ha indicato clarín.com.

A loro volta i giuristi sostengono che il giudice Rogerio Favreto, del tribunale di seconda istanza di Porto Alegre, era di turno e quindi poteva giudicare se accettava o meno la richiesta di Habeas Corpus.

Nonostante questo il professore d Diritto dell’Universita di San Pablo, Luciano Anderson de Souza, ha messo in discussione l’argomento dato da Favreto: «Perché non aveva fatti nuovi di sorta che giustificassero accettazione da parte dell’istituzione giuridica ».

Il giudice di prima istanza Sergio Moro ha chiamato al telefono la Polizia Federale di Curitiba perché non permette la liberazione del ledaer brasiliano.

«A Moro non competeva questa sentenza e questo pregiudica l’immagine del sistema giudiziario e apporta molta insicurezza», ha precisato l’esperto.

Intanto mentre si cercano dei colpevoli, Lula è sempre recluso e il suo popolo, nelle strade esige la sua liberazione. ( Gm – Granma Int.)

Viva il Messico! Viva Nuestra America!
Dichiarazione della rete in difesa dell'umanità in occasione dell'elezione di Andrés Manuel López Obrador a Presidente del Messico. Ci uniamo alla gioia e alla giusta speranza del popolo messicano con la vittoria che ha conquistato.
La schiacciante vittoria elettorale di André Manuel López Obrador nelle elezioni presidenziali in Messico, è anche la ferma determinazione della gente del paese fratello a realizzare un grande cambiamento di rotta attraverso la politica e le urne.
Si vanno così ad eliminare i vari gravi problemi che hanno sofferto a lungo i messicani, in particolare causati da decenni di politiche neoliberiste: la corruzione, la disuguaglianza e l'ingiustizia sociale, la povertà, la negazione dei diritti alle popolazioni indigene, la violenza sfrenata, l'alienazione della politica estera e le ricchezze del paese.
Questa vittoria segna una pietra miliare nella storia politica dell'America Latina e dei Caraibi, in cui l'ascesa di un governo popolare nella patria di Miguel Hidalgo, Benito Juarez, Emiliano Zapata, Pancho Villa e Lazaro Cardenas sposta la bilancia a favore di lotte popolari e di governi progressisti contro il neoliberismo e per l'unità della nostra America.
López Obrador ha detto che la sua politica estera sarà in difesa della sovranità, indipendenza, non intervento e risoluzione pacifica dei conflitti.
Questo si collega con la Proclamazione dell'America Latina e dei Caraibi come zona di pace concordato dalla Comunità di Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) nel suo secondo vertice Tenutosi a L'Avana, strumento cruciale per la difesa della pace nella nostra regione.
Ci uniamo alla gioia e alla giusta speranza del popolo messicano con la vittoria che ha conquistato. La pace è il rispetto dei diritti degli altri
Viva il Messico!

Rete di intellettuali, artisti e movimenti sociali in difesa dell'umanità

Pagina 1 di 112

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com

echo '
nike tn pas chernike tn pas chernike tn pas chernike tn pas chernike tn pas chernike tn pas cherair max pas cherair max pas cherair max pas cherair max pas cherair max pas chergiuseppe zanotti pas cherzanotti pas chergiuseppe zanotti pas chergiuseppe zanotti pas cherzanotti pas chergiuseppe zanotti pas chergiuseppe zanotti soldesmichael kors outletmichael kors outlet onlinemichael kors outlet storemichael kors outlet handbagsmichael kors outlet watchesmoncler outlet onlinepiumini moncler outletmoncler outletmoncler outlet italiamoncler outlet milanowoolrich outlet online
';