https://www.youtube.com/watch?v=F664PDtcr98&feature=youtu.be

 

Omar González  nell'evidenziare che il Premio Libertador rappresenta il maggior  riconoscimento che si possa conferire  alle opere del pensiero critico e rivoluzionario, identifica nell'opera di Vasapollo (Trattato De Metodos de Analisis de los sistemas economico. Mundializacion capitalista y cirisi sistemica", edizioni Banco Centrale del Venezuela, 2013) ilpensiero, la teria e l'agire rivoluzionario che si esprime nella Rete Internazionale di intellettuali, artisti e movimenti sociali in Difesa dell'Umanità di cui Vasapollo è uno dei fondatori  e il suo libro ne rappresenta completamente lo spirito culturale e dell'agire politico.

Il compagno Omar portando il saluto di tutta la Rete in Difesa dell'Umanità è in questi termini che evidenzia il perchè Vasspollo ha ricevuto questo importante Premio di Menzione d'onore.

Di seguito il messaggio

Con mucha alegría recibí la noticia de que fuiste premiado con una mención honorifica en el Premio Libertador al Pensamiento Crítico 2013.

Enhorabuena. 


Estoy seguro que esta alegría se multiplica en Nuestra América y en tu querida Italia y entre todos los que amamos y defendemos la justicia. 


El Premio Libertador representa el mayor lauro que se confiere en este campo a obras como la tuya, que se distinguen no sólo por su agudeza y compromiso, sino por su inequívoca militancia intelectual. Como sabes, la Red En Defensa de la Humanidad, de la que eres fundador, es parte de sus auspiciadores fundamentales.

Asuncion, 19 mag  Diverse opere costruite in un terreno destinato ad essere consegnato ai contadini senza terra sono state distrutte da un incendio intenzionale, ha riportato oggi l'Istituto dello Sviluppo Rurale e della Terra (Indert).
L'entità ha iniziato gli edifici in questa proprietà dello Stato, che è stata giuridicamente recuperata dalle mani d'imprenditori brasiliani e coloni paraguaiani che l'avevano acquisita illecitamente.
Tuttavia, i falsi proprietari, che hanno anche più di tremila ettari adiacenti al sito, utilizzano i coloni locali per tentare d'impedire con la forza la sistemazione di un gruppo di famiglie rurali, che dovrebbero stabilire qui il loro lavoro e la loro vita.

Non sono  certo in ogni caso i risultati di queste elezioni europee che potranno risolvere i drammatici problemi del mondo del lavoro e del lavoro negato. La prospettiva sono i percorsi di lotta e di trasformazione radicale come nei paesi dell'ALBA. Ripartire dalle lotte del sindacalismo indipendente di classe e dei movimenti sociali, per uscire dall’Unione Europea e costruire l’ALBA euro-afro-mediterranea come concreta alternativa internazionalista di classe contro il polo imperialista europeo, per il Socialismo nel XXI secolo.


https://m.youtube.com/watch?feature=youtu.be&v=221SjW6C294

 

Sabato 12 aprile

Ieri alla  Sapienza Università di Roma oltre 100 studenti di vari corsi, molti docenti e dottorandi  e con la presenza di esponenti di collettivi, movimenti sociali e sindacali hanno partecipato attivamente alla Conferenza internazionale  tenuta dal Prof. L. Vasapollo (delegato del Rettore per i paesi dell'ALBA) e introdotta dal Prof. F.  Lucchese.
Un vivo attento e partecipato ricordo dell’ insegnamento e l’ alto profilo educativo storico universale del  Presidente Comandante CHÁVEZ e di formazione, informazione delle pratiche di solidarietà e complementarietà del processo di autodeterminazione del popolo Bolivariano.

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com