“Chi consuma le notizie pubblicate dai media sovversivi potrebbe arrivare a credere che Cuba sia un Paese che sta crollando. Tuttavia, è una nazione che vive una realtà ben diversa”. Lo sottolinea Granma che pubblica una analisi sulla rete di media che tenta di legittimare la visione egemonica degli Stati Uniti riguardo alla democrazia e alla libertà a Cuba. Con la loro strategia annessionista, intossicano costantemente i social network con informazioni travisate su quasi tutto ciò che accade sull’isola. Sono classificati come “indipendenti o alternativi”, ma è curioso che tutti coloro che gestiscono CiberCuba, ADN Cuba, Cubans por el Mundo, Cubita Now, Cubanet, Periodismo de Barrio, El Toque, El Estornudo e YucaByte. Si tratta di testate che per la maggior parte risiedano all’estero, soprattutto negli Stati Uniti, e le loro strategie di comunicazione sono la formula riconducibile al disegno politico che predomina in USA.

“C’era un contatto con funzionari incaricati di assistere alla stampa nel Dipartimento di Stato, avevo un appuntamento privato con il funzionario statale Priscila Hernández”, ha confidato Maykel González, del sito sovversivo Tremenda Nota.
Il rapporto della Commissione per l’Assistenza a una Cuba Libera, del giugno 2004, registra le principali linee sovversive contro le Grandi Antille, tra le quali si annovera la promozione di strategie di disinformazione. Da allora, tutte le amministrazioni dopo il presidente George W. Bush hanno adattato il loro design mediatico a ciascun contesto.

Il Dipartimento di Stato, l’Agenzia americana per lo sviluppo internazionale (USAID) e il National Endowment for Democracy (NED) di quella nazione, finanziano questa macchina mediatica che ha beneficiato degli oltre 500 milioni di dollari che la Casa Bianca ha destinato negli ultimi 20 anni per la sovversione a Cuba.
Per ricevere rapidamente i finanziamenti, molte di queste pubblicazioni digitali controrivoluzionarie sono state registrate in altri paesi come organizzazioni non governative (ONG). È il caso dei siti di El Toque, attraverso il collettivo More, con sede in Polonia, e di El Estornudo, creato a Cuba, e successivamente legalizzato in Messico come ONG.
Carlos Manuel Álvarez, direttore di El Estornudo, è arrivato a Cuba il 24 novembre per partecipare al programma mediatico di San Isidro. Abraham Jiménez Enoa, che ha partecipato a quello stesso sito, ha detto che non sa quanto sia il finanziamento totale del “mezzo”, perché tutto è creato dall’esterno. «I collaboratori che fanno la carica di rivista per lavoro, con uno stipendio fisso di 400 CUC. Fino a quando non me ne sono andato, El Estornudo è stato finanziato dalla NED e dalla Open Society ”, ha detto Jiménez Enoa.

Questi media che si definiscono alternativi e indipendenti, ma si squalificano quando viene rivelato da dove proviene il loro sostentamento, anche se a volte cercano di distogliere l’attenzione dall’origine del denaro.
Il ricercatore del Center for Hemispheric and United States Studies, Yazmín Vázquez Ortiz, ha spiegato che il finanziamento, la formazione e l’assistenza tecnica sono i pilastri dai quali si sfruttano le condizioni che esistono nelle società che possono essere oggetto di intervento. movimenti di resistenza che possono favorire il cambiamento che l’America vuole.

Coloro che dirigono e collaborano in questi spazi lo fanno attraverso organizzazioni con sede negli Stati Uniti, in Europa o in America Latina.
La vicedirettrice dello stesso Centro, Olga Rosa González Martín, ha sottolineato che operando come organizzazione privata, ricevono fondi privati, può essere da qualsiasi individuo, da qualsiasi società a livello internazionale, il che rende più difficile collegare un entità con un governo specifico e con gli obiettivi di politica estera di questo in un dato paese.

Il Peace and War Journalism Institute, Factual, Different Latitudes, Swedish Human Rights Foundation, Hypermedia Editorial, Diario de Cuba, Cubanet, Sergio Arboleda University e molti altri, funzionano come appaltatori di questi progetti di stampa mercenaria.
José Jasán, del sito sovversivo El Toque, ha precisato che “la cosa più accettabile per ‘la compagnia’ è che quando un gruppo di cubani va a ricevere un addestramento, dà loro l’opportunità di pagarli direttamente”.
Elaine Díaz Rodríguez, del Periodismo de Barrio, ha detto che si sono rivolti alla cooperazione internazionale. “All’inizio è stato finanziato con i risparmi che ho potuto portare a Cuba con la borsa di studio, e in seguito siamo riusciti a fare un progetto pilota con la Fondazione svedese per i diritti umani. Abbiamo raggiunto un’alleanza con l’ambasciata norvegese, attraverso la quale siamo qui “, ha detto.

In questo design si distingue dal NED, il cubano americano Aimel Ríos Wong. In qualità di Responsabile del Programma Cuba, distribuisce i fondi approvati per smantellare i paradigmi ideologici e culturali dall’esterno e dall’interno dell’isola.
Maykel González, dal sito sovversivo Tremenda Nota, ha commentato che Ríos Wong lo ha chiamato, sono usciti per “fare una passeggiata a Washington”, e lo ha riconosciuto come qualcuno che è stato presente, che ha costantemente dialogato con attori, sia da giornalismo e della società civile.

“Stiamo lavorando con circa 7.000 dollari USA per un trimestre, da cui pianifichiamo il lavoro, e ci viene assegnato da tutte le tariffe che dobbiamo pagare”, ha detto Maykel González.
Come strategia, selezionano i loro futuri leader, li addestrano, premiano, finanziano, stimolano, rendono visibili, riuniscono, responsabilizzano, guidano e danno loro spazi e posizioni.
«Quello che dicono è: no, ma nessuno mi dice cosa devo scrivere, nessuno mi dice qual è la linea editoriale della mia pagina o degli articoli che scrivo. Non devono dirtelo, hai già assunto quella linea, ricevi il finanziamento, perché hai già detto quelle cose, e sai che se non le dici e non segui quella linea antigovernativa, non riceverai il finanziamento “, ha detto Javier Gómez Sánchez, specialista in media audiovisivi.

Con il progredire dell’informatizzazione del paese, ha sottolineato Gómez Sánchez, le persone hanno avuto un maggiore accesso a Internet e questa guerra è andata aumentando e organizzando, perché la sua possibilità di raggiungere determinati settori con questo tipo di manipolazione mediatica della popolazione ha è aumentato.

Il dottor Ernesto Estévez, membro dell’Accademia delle scienze cubana, ha ricordato che questo fenomeno è qualcosa che funziona da molti anni, con l’obiettivo di invertire la rivoluzione cubana, di fare una restaurazione capitalista.
Fonti pubbliche dello stesso governo americano mostrano l’aumento di questi fondi negli ultimi anni, proprio quando lo Stato cubano avanza nelle trasformazioni del nuovo modello economico e sociale, conferma un appello dell’Ufficio per la democrazia, i diritti umani e il lavoro del Dipartimento di Stato americano a finanziare proposte relative ai diritti civili e politici a Cuba, tra le provocazioni articolate nei giorni scorsi.

Insieme all’imposizione di misure economiche restrittive e al complesso scenario epidemiologico del COVID-19, la stampa nemica si è messa in fila per screditare la gestione del governo cubano e delegittimare il sistema sociale.
«Ha a che fare con la fabbricazione di matrici di opinione, che hanno due caratteristiche essenziali: in primo luogo che sono create per gestire il malcontento esistente, relativo a determinate questioni, e indirizzarle contro il governo, il socialismo e il sistema politico; e secondo, cercare di promuovere il pensiero liberale a Cuba, basato sul liberalismo, che è l’ideologia del capitalismo”, ha detto la psicologa Karima Oliva Bello.
Nel quadro comunicativo sono presenti i cosiddetti influencer con tendenze ipercritiche, creati per generare empatia e tendenze ideologiche in migliaia di follower, attraverso i social network.
I progetti di stampa nemica, in questo scenario, sono identificati come strumenti del governo degli Stati Uniti nella sua strategia di guerra non convenzionale contro le Grandi Antille.

Luciano Vasapollo e Rita Martufi della Rete in difesa dell’umanità commentano questa denuncia.

https://www.farodiroma.it/la-campagna-di-disinformazione-su-cuba-per-farla-crollare-vasapollo-e-martufi-una-galassia-mediatica-per-colpire-lautodeterminazione/

 

Le “Brigate mediche cubane Henry Reeve” meritano assolutamente il Premio Nobel per la Pace. Questo è l’appello del Capitolo italiano della Rete degli Intellettuali, Artisti e Movimenti Sociali in Difesa Dell’umanità (di cui fanno parte, fra le altre associazioni, il CESTES e l’Associazione padre Virginio Rotondi per un Giornalismo di Pace, l’Associazione Rivista Nuestra America, FarodiRoma, la Rivista Proteo) Infatti, la piccola isola caraibica, durante questa pandemia di coronavirus, ha inviato più medici e operatori sanitari nel mondo che qualsiasi altro paese, anche fra le economie più sviluppate.

Come ha spiegato l’intellettuale marxista e docente di economia presso l’Università di Roma “La Sapienza”, Luciano Vasapollo, “l’internazionalismo solidale di Cuba è sia un esempio che un modello per tutto il mondo. L’impegno di Cuba – che da tantissimi anni invia i propri medici e infermieri la dove c’è più bisogno, in paesi colpiti da terribili terremoti, epidemie, uragani e perfino eruzioni vulcaniche – merita un riconoscimento prestigioso, come il Premio Nobel per la Pace”.

In effetti, ha aggiunto Vasapollo – che insieme a Rita Martufi coordina il Capitolo Italiano della Rete degli Intellettuali e Artisti in Difesa dell’Umanità – “nell’agosto del 2005, infatti, fu reclutata dal popolo cubano una brigata di 1500 medici e tecnici specializzati nel settore della salute, con l’obiettivo di portare il proprio aiuto alla popolazione colpita dal terribile uragano Katrina. Tuttavia, l’arrogante governo degli Stati Uniti rifiutò questo soccorso, nonostante le condizioni gravissime in cui si trovava la città di New Orleans. Ciononostante, questo non impedì la costituzione della brigata Henry Reeve, che prese il nome da un volontario statunitense nella lotta per l’indipendenza di Cuba dal colonialismo spagnolo”.

Oggi, nel corso di questa terribile pandemia di coronavirus, la quale ha messo in crisi le nostre vite ed abitudini, ha spiegato Rita Martufi, “le brigate mediche cubane hanno raggiunto 28 paesi, in tutti i continenti. Si tratta di uno sforzo incredibile per un piccolo paese che ha messo a disposizione il suo bene più prezioso: Cuba ha investito tantissimo nella formazione di talenti nel campo medico e della ricerca. Nonostante il blocco economico, cui da sessant’anni è sottoposta la piccola isola caraibica, Cuba ha concentrato i propri sforzi per formare e esportare competenze mediche e umane, guardando alla cooperazione e alla fratellanza tra stati”.

La priorità di Cuba è stata il soddisfacimento dei bisogni sanitari del proprio popolo e l’impegno per la salute e il benessere di tutto il mondo, al di là delle preclusioni politiche e degli orientamenti ideologici. “Dal 1963”, ha sottolineato uno dei promotori e fondatori della Rete degli Intellettuali e Artisti in Difesa dell’Umanità (REDH) a Caracas nel 2004, Luciano Vasapollo, “quasi mezzo milione di professionisti e medici cubani hanno portato il loro aiuto in 160 paesi. In questo modo, l’isola caraibica ha dimostrato che i valori della solidarietà e della pace possono trionfare nei confronti della logica economica e della volontà di potenza”.

Per questo motivo si lancia questo appello affinché la prestigiosa giuria del Premio Nobel assegni alla Brigata di Medici cubani Henry Reeve il Premio Nobel per la Pace. Si tratta di un appello promosso dal Capitolo italiano della Rete degli Intellettuali e Artisti in Difesa dell’Umanità, che è stato già sottoscritto da decine di intellettuali, democratici, progressisti, marxisti e esponenti del cattolicesimo di base e che è rivolto a tutti coloro che hanno a cuore la ragione dell’umanità. Nei prossimi giorni, verrà, infatti, fornita la lista dei primi aderenti.

FarodiRoma aderisce convintamente all’iniziativa che prende le mosse dall’idea di un’organizzazione francese, “Cuba Linda” ed è portata avanti da

Il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha sottolineato il ruolo dell’educazione, dei maestri e dei professori ed ha incitato a dare loro maggior dignità, distinguendoli.  

«L’educazione si difende con l’impegno, l’anima, la creatività e l’esempio e con queste convinzioni gli educatori andranno alla marcia per il Primo Maggio», ha sottolineato il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, intervenendo, giovedì 25, durante il Seminario Nazionale di preparazione del prossimo corso scolastico, che ha dedicato la sua prima giornata ad analizzare i risultati del Ministero d’Educazione  (MINED) nel 2018.
«Questo concetto, ha detto, l’ho riaffermato ascoltando gli interventi di quadri giovani provenienti da Manicaragua e da Cienfuegos, che hanno dato mostra dei risultati ottenuti nelle loro scuole ed hanno confermato l’importanza dell’esempio personale e della dedizione al loro lavoro».  
Più che un discorso,  Díaz-Canel ha stabilito una riflessione collettiva, arricchita dai suoi ricordi di quando era studente e con l’impegno di dirigente del settore, perché nel magistero sono sempre vigenti i precetti dei maestri e dei professori di tutte le epoche, includendo Fidel Castro e José Ramón Fernández.
Di quest’ultimo, ha indicato, abbiamo tutti un grato ricordo come rivoluzionario e pedagogo.
Poi ha insistito sul fatto che dobbiamo continuare ad applicare le idee del leader storico per questo settore. Lui affermava che senza educazione non c’è Rivoluzione possibile.  «Questo ha una grande attualità, ha sottolineato il mandatario cubano, in una situazione complessa, quando l’impero e i suoi lacchè strumentalizzano un discorso retorico, offensivo e pieno d’ingerenze, incolpando Cuba, perchè non è riuscito a realizzare i suoi piani d’aggressione del Venezuela, nè a far cadere il suo popolo e i suoi governi, che hanno rinforzato la propria resistenza.
Nelle sue riflessioni e proposte sugli impegni del settore dell’educazione, ha segnalato  che è fondamentale una preparazione docente metodologica con qualità e senza formalità.
«È quello che influenza di più nell’apprendimento degli studenti e garantisce la loro formazione integrale, rinforzando la formazione dei valori», ha segnalato.
Poi ha definito la scuola come il luogo dove impera la decenza, un ambiente che non deve favorire fatti d’avversione, volgari o banali.
«L’impegno principale per voi è il perfezionamento dei sistemi d’insegnamento che in forma sperimentale si sta realizzando in un gruppo d’istituzioni per la sua futura diffusione.
Il Presidente ha segnalato che nonostante i difficili momenti che si stanno vivendo a livello internazionale e nel paese, pochi giorni fa è stata inaugurata una scuola speciale a Santiago di Cuba, e nelle prossime settimane s’inaugurerà un’altra a  Villa Clara, esempi di quello che può fare una Rivoluzione.
Ha difeso il lavoro collettivo sia dei professori che dei maestri, come degli studenti, ed ha risaltato la necessità di prestare molta attenzione alle proposte dei lavoratori docenti e non docenti, della comunità e della famiglia, e partendo da questo, favorire il dibattito con loro e verso l’interno.
«Si deve dare dignità, distinguere di più maestri e professori, e qui sono stati posti vari esempi e dobbiamo vedere, dal Governo, in quali altre cose possiamo appoggiare», ha aggiunto, ed ha insistito sulla difesa dei bilanci territoriali, gli investimenti e la manutenzione  della rete di scuole, su  quanto realizzato sino al momento, ed ha valutato che Cienfuegos, Santiago di Cuba, Guantánamo e Las Tunas prevedono di tenerle tutte pronte per il 2020.
Rispetto al processo docente educativo e partendo da quanto discusso nell’incontro, ha sostenuto che il modello nelle scuole pedagogiche dà risultati. Abbiamo utilizzato misure alternative per supplire  il deficit degli educatori nelle aule, ma la cosa migliore è che  in ognuna ci sia un professore formato con tutto il rigore.   
Teresa Amarelle Boué, membro del Burò Politico del Partito e segretaria generale della Federazione delle Donne Cubane, successivamente ha decorato Ena Elsa Velázquez, ministro d’Educazione, con la medaglia Ordine Ana Betancourt, per  la sua carriera in politica e come educatrice.
Sono stati consegnati diplomi per i migliori risultati a scuole pedagogiche e a direzioni provinciali d’educazione.
Erano presenti Roberto Morales Ojeda, membro del Burò Politico del Partito e vicepresidente dei  Consigli di Stato e dei Ministri, e Olga Lidia Tapia, membro della Segretaria del Comitato Centrale, tra i vari dirigenti. (GM – Granma Int.)

13 agosto 1926

Nasceva Fidel Castro, gigante della storia , comandante eterno , patrimonio dell ‘ umanità ! FIDEL VIVE , LA REVOLUCIÓN SIEMPRE SIGUE !!! YO SOY FIDEL !!

 

 

 

FIDEL VIVE !!

en recuerdo de los 92 de FIDEL gigante de la historia , comandante en jefe eterno , patrimonio de la humanidad . FIDEL VIVE LA REVOLUCION SOCIALISTA INTERNACIONALISTA SIGUE ! SIEMPRE CON FIDEL !! YO SOY FIDEL !!!

Pagina 1 di 42

Realizzazione: Natura Avventura

Joomla Templates by Joomla51.com